Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    APPELLO

    Contro i charter dell'umiliazione

    Il consiglio dell'Unione Europea ha appena adottato una decisione sull'organizzazione dei voli charter per il rimpatrio degli stranieri prima ancora che il Parlamento europeo approvasse il testo.

    Ci opponiamo categoricamente a questa decisione.

    La nostra forte opposizione a questi mezzi di espulsione collettiva è motivata dalla convinzione che simboleggino e incoraggino una logica pericolosa e incontrollabile, sia per quanto riguardi l'integrità e la dignità degli individui, che per la democrazia europea ed il futuro dei rapporti tra i popoli delle nostre nazioni.

    Per definizione le espulsioni collettive tramite voli charter impediscono un attento esame di ogni situazione con il rischio di una sottovalutazione delle possibile conseguenze di un ritorno forzato delle persone espulse, con il risultato di un indebolimento dei diritti fondamentali. Inoltre il restringimento della libertà personale necessario per eseguire queste espulsioni collettive è impossibile senza l'utilizzo di misure che, in qualsiasi momento, possono trasformarsi in brutalità, violenza e minaccia all'integrità fisica, morte inclusa, di coloro che vengono espulsi.

    Per di più, le espulsioni tramite voli charter sono il simbolo e la personificazione di una politica europea centrata sulla repressione.

    È giunto il momento di spiegare all'opinione pubblica che una politica basata su "sempre più controlli" può solo sfociare in un vicolo cieco e trasformarsi in una minaccia per la democrazia.

    Un vicolo cieco perché, finché perdura il divario economico e democratico tra i nostri paesi, è illusorio pensare che misure di sicurezza possano scoraggiare e ostacolare i candidati all'immigrazione, alla ricerca di rifugio e di una vita migliore.

    Una minaccia perché affidarsi all'efficienza dei controlli di polizia può soltanto - come si è visto negli ultimi venti anni di normative europee - indebolire le libertà fondamentali e le basi costituenti del principio di legalità e porta alla creazione di un regime repressivo al livello europeo.

    Infine, questi ritorni coatti e collettivi hanno conseguenze pesanti sulla pace. L'uso simbolico dei voli charter da parte dei governi europei come deterrente per coloro che vogliono emigrare è carico di un messaggio umiliante. Le immagini degli individui espulsi, circondati da dozzine di poliziotti di ogni tipo, le numerose testimonianze della brutalità delle forze dell'ordine, il senso di ingiustizia e paura degli espulsi trova eco nei paesi di origine dove viene interpretato come un sentimento di arroganza verso tutta la popolazione.

    Questo tipo di arroganza da parte dei paesi ricchi nel trattare le persone provenienti da paesi colpiti direttamente da conflitti e povertà richiama e risveglia memorie di una percezione collettiva di secoli di dominio, sfruttamento e umiliazione. Questo dramma devastante, che fomenta rancore, rabbia e odio, prima o poi, provocherà movimenti di rivolta e nuovi conflitti.

    Perché rappresenta una minaccia alle libertà individuali, alla democrazia e ai rapporti tra i popoli, la politica dei voli charter dove essere abbandonata.
    Chiediamo urgentemente che il Parlamento Europeo denunci l'adozione della decisione sui voli per l'espulsione collettiva e che il Consiglio rinneghi il testo.

    Come firmare questo testo?

    ORGANIZZAZIONI:
    inviare l'adesiona a der@cimade.org con la parola "charters" nell'oggetto

    INDIVIDUI: adesione dall'url
    http://www.cimade.org/petitions/inscription_individuel.htm

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)