Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Usa e "lotta al terrorismo"

Salviamo Omar Deghayes

Omar è un uomo di 35 anni, sposato e padre, di origine libica ma residente dal 1987 in Gran Bretagna, arrestato in Pakistan e detenuto in isolamento a Camp Delta, Cuba, dal 2002.
11 aprile 2005
Tradotto da per PeaceLink
Fonte: Indymedia UK (http://www.indymedia.org.uk)

A suo carico non ci sono accuse, e l'unico prova prodotta contro di lui è un video tape che secodno gli americani lo collegherebbe ai terroristi ma che gli esperti hanno sconfessato come "caso di scambio di persona".

Il suo avvocato, Clive Stafford Smith, sostiene che il suo cliente sarebbe stato torturato dai soldati americani e praticamente accecato da un occhio.
Il governo britannico, che in precedenza aveva detto di non poter intervenire in quanto si tratta di un residente e non di un cittadino del paese, ha ceduto alle pressioni politiche e ha accettato di presentare le lamentele della famiglia sul trattamento subito da Omr agli ufficiali americani.

I suoi sostenitori affermano che dovrebbe essere accusato ufficialmente e processato, oppure rilasciato e rimandato in Gran Bretagna, non come si era proposto in Libia, da cui la sua famiglia era fuggita e dove sarebbe quindi in pericolo. Non prendono posizione sulla sua colpevolezza o innocenza, ma richiedono per lui il rispetto dei diritti umani e il diritto ad un processo corretto.

Per maggiori dettagli: http://www.save-omar.org.uk

Note: Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citadno la fonte, l'autore e il traduttore.

Articoli correlati

  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
  • TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia
    Disarmo
    il nostro paese ospita testate nucleari

    TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia

    Il “nuclear sharing” in Italia si traduce nel dare ospitalità a decine di testate nucleare statunitensi
    25 novembre 2020 - Rossana De Simone
  • La bambina e la gang
    Pace
    Razzismo negli Usa

    La bambina e la gang

    Aveva sei anni e solo con la scorta riusciva a entrare in classe. Nel 1960 Ruby Bridges fu la prima afroamericana della sua scuola a New Orleans. All'esterno, una combriccola aggressiva le faceva la posta, un gruppo di donne ostili le rese la vita un inferno
    22 novembre 2020 - Jasmin Lörchner
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)