Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un gruppo per i diritti umani chiede il rilascio di Sudanesi detenuti in Israele

4 maggio 2006
Jack Khoury

Lunedi’ scorso, l’organizzazione internazionale per i diritti umani “Fisici per i Diritti Umani” si e’ appellata al Primo Ministro ad interim, Ehud Olmert, e al Presidente Moshe Katsav a favore di dozzine di rifugiati sudanesi, fuggiti dalla regione del Darfur devastata dalla guerra, per cercare asilo in Israele, dove si trovano attualmente detenuti. L’organizzazione chiede che il governo rilasci i sudanesi detenuti e fornisca loro cure mediche.

“Lo Stato d’Israele ha l’obbligo morale di garantire a questi rifugiati lo status di “profughi umanitari”, di fornire loro sicurezza, asilo, assistenza medica e psicologica, anche in base al fatto che alcuni di loro hanno sopportato gravi traumi” hanno scritto nelle loro lettera i dottori appartenenti all’organizzazione.

La lettera citava una decisione presa dall’ex Primo Ministro Menachem Begin, per garantire asilo ai rifugiati vietnamiti nel 1977.

Nel 2003, l’organizzazione “Fisici per i Diritti Umani” ha collaborato con i borsisti di giurisprudenza dell’Universita’ di Tel Aviv nella redazione di una relazione sul problematico trattamento dei rifugiati in Israele. Il rapporto forniva consigli pratici per la protezione dei rifugiati, compresi quelli classificati come “profughi umanitari”.

Spedizione in Africa di ufficiali statunitensi.
Il Vice-segretario di Stato, Robert Zoellick, e’ stato inviato in Africa lunedi’, per insistere su un accordo di pace che metta fine al conflitto politico ed etnico nella regione Darfur del Sudan.

Il viaggio di Zoellick e’ stato annunciato dopo il primo giorno del termine massimo stabilito e prolungato a due giorni per un compromesso concluso senza un accordo. Il governo del Sudan ha dichiarato che accettera’ l’accordo, ma i gruppi ribelli stanno facendo pressione per rivendicazioni extra.

“Fin quando le parti stanno trattando, c’e’ sempre una possibilita’ per un accordo” ha dichiarato Condoleezza Rice. Anche se, cautamente, si e’ rifiutata di preannunciare il risultato.

Ad una conferenza stampa, la Rice ha affermato che il Presidente Bush sentiva “molto fortemente ed appassionatamente”, sia l’esigenza di un accordo, che di far entrare nel paese cospicue forze di sicurezza, soprattutto africane, per proteggere la popolazione innocente del Darfur.

“Ci vorra’ del tempo” ha detto “dobbiamo smuovere un po’ la situazione, far tremare un po’ la burocrazia e dire alle persone: ‘non e’ accettabile aspettare ulteriormente, soltanto per pianificare una consistente forza di sicurezza’”.

Disarmare le milizie ed integrarle nelle forze armate sono tra una manciata di questioni che devono essere risolte prima del completamento di un accordo storico. Il termine ultimo di domenica era stato prorogato su richiesta degli Stati Uniti.

Note: traduzione di Antonella Serio per www.peacelink.it

Articoli correlati

  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
    Palestina
    Mosaico di Pace

    Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele

    Embargo contro Israele, un dossier a cura di BDS Italia. Con il sostegno di PeaceLink e con la collaborazione del collettivo A Foras. Israele applica un regime di apartheid nei confronti della popolazione palestinese, violandone i diritti umani e politici.
    20 marzo 2021 - Laura Tussi
  • Honduras, uno scenario complicato
    Latina
    Due consultazioni elettorali in nove mesi

    Honduras, uno scenario complicato

    Attualmente l’Honduras si colloca tra i peggiori paesi latinoamericani per disuguaglianza economica, con il 62% della popolazione che vive in condizioni di povertà e quasi il 40% in miseria. L'impatto della pandemia e degli uragani acuirà ulteriormente le disuguaglianze.
    16 febbraio 2021 - Giorgio Trucchi
  • La violenza non è il mio destino
    Cultura
    La prima legge innovativa sulla violenza sessuale è la numero 66 del febbraio 1996

    La violenza non è il mio destino

    La storia di vita di Tiziana Di Ruscio, vittima di violenza, sopravvissuta al femminicidio, narrata in questo libro di drammatica verità, rasenta però l’incredibile e l'indicibile.
    Libro in tutte le librerie dal 4 Marzo 2021
    20 febbraio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)