Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • “L'esecuzione” di Robert Badinter - Spirali Edizioni -

    La barbarie della pena di morte nel racconto di un grande intellettuale francese, tra romanzo e saggio civile.
    Una magnifica testimonianza, una scrittura contraddistinta dalla lucidita' del tono narrativo e dall’intelligenza delle analisi, intorno ad una questione di civilta', che - dopo la moratoria dell'ONU e la ripresa delle esecuzioni negli Stati Uniti - continua ad essere, purtroppo, ancora attuale.
    27 giugno 2008 - Elisabetta Caravati
  • La legge approvata ad ampia maggioranza dal Congresso

    Guatemala: misure repressive del governo per combattere l'insicurezza sociale

    Approvata la Ley de Indulto, che concede al capo di stato il potere di concedere o meno la grazia ai condannati a morte.
    18 febbraio 2008 - David Lifodi
  • Esecuzioni illegali in Nigeria

    La Nigeria accusata di eseguire segretamente condanne a morte

    All'indomani del voto sulla moratoria contro la pena di morte alle Nazioni Unite, la Nigeria rimane uno dei paesi principali su cui si concentrano le pressioni per un maggiore impegno sull'abolizione della pena capitale
    19 dicembre 2007 - Matteo Figus
  • Appello

    Blocchiamo la lapidazione di Pegah

    Chiediamo al Governo Italiano di impegnarsi perché Pegah non sia lapidata in Iran
    23 agosto 2007 - Doriana Goracci

Oggi la IV Giornata mondiale contro la pena di morte

10 ottobre 2006
Fonte: ANSA

Amnesty International e la Coalizione mondiale contro la pena di morte vogliono richiamare l'attenzione sulla flagrante assenza di giustizia che accompagna l'uso della pena di morte in molti Paesi: questa e' un'altra decisiva ragione per cui il mondo dovrebbe voltare finalmente le spalle all'omicidio di Stato'. Con questa parole l' organizzazione per la difesa dei diritti umani Amnesty International promuove attraverso un comunicato la partecipazione alla IV giornata mondiale contro la pena di morte che avra' luogo oggi.

Quest'anno il tema della Giornata, organizzata dalla Coalizione mondiale contro la pena di morte (che raggruppa 53 organizzazioni, associazioni di avvocati, sindacati, autorita' comunali e regionali), e' quello del fallimento della giustizia rappresentato dalle esecuzioni. Secondo Amnesty i Paesi che ancora ricorrono alla pena di morte lo fanno secondo modalita' contrarie alle norme del diritto internazionale. 'Amnesty International ritiene che la pena di morte non sia mai accettabile e che ogni esecuzione costituisca una violazione del diritto alla vita, tanto piu' quando lo Stato sopprime una vita umana al termine di un processo giudiziario iniquo - dichiara l'organizzazione - Uccidere un essere umano sulla base di cosi' bassi standard di giustizia rende ancora piu' evidente e urgente la necessita' di abolire la pena di morte'.

La Giornata mondiale contro la pena di morte di quest'anno, che si concentrera' sulle carenze del sistema giudiziario in Iran, Arabia Saudita, Nigeria, Cina e Stati Uniti, vedra' anche la nascita della Rete asiatica contro la pena capitale (Adpan). Questa iniziativa, che coinvolgera' migliaia di cittadini dei Paesi dell'area Asia e del Pacifico, avra' uno dei suoi fulcri a Seoul, dove il parlamento sudcoreano sta discutendo un progetto di legge per abolire la pena capitale. Secondo Amnesty questa regione 'pare muoversi in controtendenza rispetto al trend mondiale': in assenza di leggi abolizioniste anche un lungo periodo senza esecuzioni puo' vedere presto la fine come evidenziato dalla fucilazione il mese scorso di tre uomini in Indonesia. La Giornata mondiale sara' seguita il 30 novembre prossimo dall'iniziativa 'Citta' per la vita ', un evento annuale organizzato dalla Comunita' di Sant'Egidio che prevede l' illuminazione di edifici pubblici o altri luoghi simbolo delle citta' a testimonianza del valore della vita e dell'opposizione alla pena di morte. Anche quest'anno la campagna per la fine delle esecuzioni, rileva il comunicato di Amnesty, ha compiuto nuovi progressi con l'abolizione della pena capitale nelle Filippine ed in Moldavia.

Il numero dei Paesi che per legge o per prassi non applicano piu' la pena di morte e' cosi' salito a 129.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)