Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Parolecorsare

Siamo tutti in pericolo

11 dicembre 2007
Luigi Restelli (Vice Presidente Fondazione Pangea Onlus)
Fonte: da Persona a Persona 11/07 (www.pangeaonlus.org) - 11 dicembre 2007
"… una società largamente dominata dalla logica del Potere e del Mercato, dal profitto come valore, dalla corruzione delle coscienze e dalla distruzione dei beni naturali e artistici, da un permissivismo e da una tolleranza funzionali al consumismo edonistico, dall’esaltazione del particulare come negazione di ogni etica pubblica, e dalla superficiale acculturazione come risvolto della volgarità, dell’ignoranza e dell’esibizionismo…." (dall’introduzione di Giancarlo Ferretti in "L’ultima intervista di Pasolini", Avagliano Editore).
E’ un buon inizio per dare il benvenuto al nuovo anno 2008 e cominciare a percorrerlo nudi ed eccessivi. Perché “il rifiuto per funzionare deve essere grande, non piccolo, totale, non su questo o quel punto, ‘assurdo’ non di buon senso” come dice Pasolini. Rifiuto delle logiche che dal 1975 hanno cambiato troppo il mondo, senza cambiarlo affatto; rifiuto dell’“inferno” in cui Pasolini scendeva e che ora non è più solo Roma, Napoli, Locride ma si è esteso, nella nostra conoscenza e coscienza, ai continenti, ai gironi di violenza asiatici, afghani e birmani, alle malebolge africane. Giusto per non perdere il vizio, segnaliamo ai più distratti che nell’area di Walungu, distretto di Kaniola, Sud Kivu, Repubblica Democratica del Congo, i massacri si susseguono ogni giorno da mesi e le donne sono oggetto di crimini sessuali singoli o sistematici per piegare la popolazione, nell’intimo, nel profondo del proprio essere. Curiosamente è una notizia - tormentone, di quelle che si ripetono da decenni (vedi le scorse parole Corsare) senza cambiare mai. Quindi la chiave di lettura è semplice: se le Grandi e Piccole Potenze, le Superpotenze, i macro/micro imperi economici capaci di rovesciare governi, governare continenti, creare vita e morte, sviluppo o disastro in tutto il mondo (Italia compresa) non l’hanno risolta è perché è voluta. Non vi è solo dabbenaggine e tardiva goliardia: la violenza sulle donne è voluta, come per molti decenni la mafia in Sicilia e l’infamia delle stragi. E dalle donne è obbligatorio rilanciare a tutti gli esseri umani. Siamo anche noi gli esclusi; gli schiavi felici degli altrui obiettivi. Malgrado ci si senta protetti e coccolati dalla recente superstizione detta “democrazia”, siamo tutti in pericolo (citiamo ancora Pasolini, che ci perdoni…). Ci sentiamo timonieri lucidi e affidabili, abili nocchieri che stanno traghettando il mondo verso un futuro migliore, senza accorgerci che il battello è ebbro, il battello oggi è più che mai ebbro di arroganza, di potere, di violenza e di una morte che si è travestita da “tronista” o da cronista sportivo, per distrarci, per uccidere il nostro tempo. Perché è l’apparenza che uccide, non la verità, la verità dà vita. Da questa verità “assurda” è doveroso ricominciare a disegnare il mondo a forma di essere umano, dando un nome e una mano ad ognuno di noi, i senza nome e i senza terra che stanno cercando “un paese innocente” dentro se stessi e con tutta l’umanità.

D’allora m’immersi nel poema del mare
Lattescente e infuso d’astri, divorando
Verdi azzurri, ove, rapito e livido flottare,
talvolta, discende un annegato pensando…

da Il battello Ebbro – Arthur Rimbaud
Note: da Persona a Persona - Fondazione Pangea Onlus

Articoli correlati

  • Per Willy: sei tutto il bene del mondo
    Pace
    Oggi i funerali di Willy Monteiro Duarte

    Per Willy: sei tutto il bene del mondo

    Hai cercato di portare pace e difendere un tuo amico nella rissa selvaggia a Colleferro. E ti hanno ucciso per questo. Ti ringraziamo Willy per averci ricordato che davanti ad un'ingiustizia non dobbiamo mai voltare le spalle.
    12 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Il Paese delle donne: rivista
    Sociale
    Una realtà viva e dinamica di impegno sociale e civile

    Il Paese delle donne: rivista

    Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.
    27 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Pace, Donne, Disarmo
    Pace
    Il motore della finanza globale risiede nell’export di armi

    Pace, Donne, Disarmo

    Nella giornata internazionale delle donne per il disarmo, ricordiamo l’impegno di molteplici attiviste sui grandi temi del disarmo nucleare, dalla marcia mondiale della pace e della nonviolenza al Petrov Day
    25 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda Onu 2030: pensare la pace
    Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
Tutti i diritti riservati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)