Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Comunicato stampa

4 novembre, iniziativa di Pace a Nocera inferiore

Grave intimidazione da parte di un dirigente del Commissariato locale
5 novembre 2009
BOTTEGA EQUO SOLIDALE – TUTTA N’ATA STORIA - NOCERA INFERIORE

Lutto non militarista festa retorica

Anche quest’anno il 4 novembre in tutta Italia e nella nostra città (Nocera Inferiore) ci sono stati i festeggiamenti per le forze armate. Negli ultimi anni una tale ricorrenza è servita anche e soprattutto per legittimare nell’immaginario collettivo le azioni dei vari governi negli scenari di conflitto internazionale (Yugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libano). Tali interventi vengono fatti passare come azioni di pace (missioni di pace, guerre umanitarie), mentre non sono altro che operazioni volte al controllo geopolitico di intere aree, e quindi delle vere e proprio azioni di guerra.

Quest’anno, poi, nelle nostra, città l’iniziativa del 4 novembre ha registrato un notevole “salto di qualità”: i vertici militari e l’amministrazione comunale si sono prodigati facendo si che molte scuole elementari partecipassero all’evento, con tanto di fanfara e discorsi ufficiali.

 

E puntualmente come ogni anno anche una serie di cittadini, in sintonia con altre persone e gruppi di tutta Italia hanno voluto dimostrare il loro dissenso rispetto all’iniziativa e alle sue implicazioni nella costruzione dell’immaginario favorevole alla guerra. Ogni persona ha portato con se una bandiera della pace da porre in mostra ben visibile, mentre si è svolto in concomitanza un volantinaggio (di cui alleghiamo alcuni materiali) volto a sensibilizzare le persone presenti per una visione critica delle celebrazioni del 4 novembre. Una momento pacifico e assolutamente nonviolento.

 

Stigmatizzamo, pertanto, il comportamento di un Dirigente del Commissariato di Polizia di Nocera Inferiore, che oltre ad intimidire alcune persone insistendo nel chiedere il,loro allontanamento dalla piazza, ad uno dei cittadini intervenuti ha strappato da dosso la bandiera della pace e con fare provocatorio l’ha posta sotto i suoi piedi calpestandola, quasi a voler significare il disprezzo per il significato dell’iniziativa e dei valori posti in campo. I cittadini intervenuti hanno continuato, nonostante la palese provocazione, nel manifestare il proprio pensiero, anche se due persone sono state identificate.

 

In questo non possiamo non sottolineare la contraddizione stridente dell’amministrazione comunale di Nocera Inferiore, che se da un lato continua dire di lavorare per la pace (fa parte degli enti locali per la pace, organizza ogni anno la scuola di pace) dall’altro patrocinando e partecipando attivamente a tali iniziative contribuisce in modo determinante alla costruzione di un orizzonte dove la guerra diventa qualcosa da celebrare e vivificare.

Articoli correlati

  • America Centrale: "Senza cambiamenti strutturali le persone continueranno a fuggire"
    Latina

    America Centrale: "Senza cambiamenti strutturali le persone continueranno a fuggire"

    Il dramma di migliaia di honduregni/e in marcia verso gli USA e quello di un giornalista perseguitato per dire la verità
    21 novembre 2018 - Giorgio Trucchi
  • 4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele
    Editoriale

    4 Novembre 2018: non festa ma lutto. Ogni vittima ha il volto di Abele

    Per questo chiediamo una politica di disarmo, poiche' le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani.
    Per questo sosteniamo la richiesta che l'Italia sottoscriva e ratifichi il Trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.
    Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che secondo autorevoli stime gravano sul bilancio dello stato italiano per l'enorme importo di settanta milioni di euro al giorno.
    29 ottobre 2018 - Movimento Nonviolento, PeaceLink, Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo
  • 4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!
    Editoriale

    4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!

    Oltre cento anni dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, mentre è tragicamente in corso la "terza guerra mondiale a pezzi", è ora di dire basta. Per questo sosteniamo la Campagna “Un'altra difesa è possibile”.
    1 novembre 2017 - Associazione Antimafie Rita Atria,Centro di Ricerca per la Pace e i diritti umani di Viterbo, Movimento Nonviolento, PeaceLink
  • 4 Novembre 2016: non festa, ma lutto. 100 anni dopo: basta guerre!
    Editoriale

    4 Novembre 2016: non festa, ma lutto. 100 anni dopo: basta guerre!

    Un’altra difesa è possibile. A Trento gli “Stati Generali della Difesa civile non armata e nonviolenta”. Il Movimento Nonviolento, PeaceLink, il Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo e l’Associazione Antimafie Rita Atria lanciano per il 4 novembre l'iniziativa "Ogni vittima ha il volto di Abele", affinché in ogni città si svolgano commemorazioni nonviolente delle vittime di tutte le guerre.
    24 ottobre 2016 - Associazione Antimafie Rita Atria,Centro di Ricerca per la Pace e i diritti umani di Viterbo, Movimento Nonviolento, PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)