Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un contributo al dialogo cristiano-islamico... la differenza è un diritto personale e comunitario

DUDAL JAM. A Scuola di Pace

La campagna Dudal Jam, Scuola di Pace, promossa dal CEM Mondialità, vuole costruire un percorso tra Africa ed Europa per un vero arricchimento reciproco, per un interscambio valoriale ed un confronto ideale e solidale...
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/cristianoislamico/Dibattito_1286895153.htm
Laura Tussi14 ottobre 2010

 http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/cristianoislamico/Dibattito_1286895153.htm

Dudal Jam.

A Scuola di Pace, Editrice Missionaria Italiana (EMI)

 

Libro di Patrizia Canova e Michele Dotti

Contributi di Clelia Minelli, Rita Vittori, Jeannette Kuela, Francois Paul Ramde, Brunetto Salvarani, Abbè Albert Etienne Kaborè, Imam Idrissa Ouoba, Dicko Bassirou, Ouseeni Domba, Elie Yamba Ouedraogo, Limata Ouedraogo, Alessandra Ferrario, Ornella Pasini, Nicola Dotti, Sigrid Loos, Rita Roberto

 

Recensione di Laura Tussi

 

Un contesto sociale caratterizzato dal dialogo interculturale ed interreligioso rappresenta un valore e un ideale di vita comunicativa e comunitaria, aperta al confronto tra persone che pongono in discussione la propria identità, i propri assunti, i preconcetti, i presupposti, le personali certezze per rivolgersi all'altro ed accoglierne le implicite differenze.

La differenza è un diritto personale.

Ogni persona- donna, uomo, anziano e bambino- ha il diritto di essere diversa e differente, di attuarsi ed espandersi con la sua identità, nelle reciprocità relazionali, da cui trarre arricchimento personale e culturale.

Questo è lo spirito di Dudal Jam, la Scuola di Pace del Sahel, che il CEM Mondialità promuove in Italia e che svela la cultura di un piccolo paese dell'Africa, il Burkina Faso, in uno straordinario progetto di pace nato dal dialogo interreligioso ed interculturale, fra cristiani, musulmani e cultori delle religioni tradizionali africane, che ha molto da insegnarci, soprattutto nell’attuale momento storico.

La campagna Dudal Jam, Scuola di Pace, promossa dal CEM Mondialità, vuole costruire un percorso tra Africa ed Europa per un vero arricchimento reciproco, per un interscambio valoriale ed un confronto ideale e solidale, sviluppando una conoscenza diretta del Sahel e del popolo burkinabè.

La Scuola di Pace Dudal Jam permette di riesaminare lo stile di vita occidentale e il modello di sviluppo negativo e autodistruttivo, fondato su ingranaggi di mercato di carattere consumista e capitalista, tipici dei paesi industrializzati, promuovendo, al contrario, la cultura della conoscenza, del rispetto, del dialogo interculturale e della cooperazione tra comunità, nella pace. Questa innovativa esperienza umanitaria è volta a contrastare i pregiudizi e gli stereotipi culturali, i fondamentalismi religiosi e l'intolleranza verso i diversi e i più deboli, al fine di creare, nella regione del Sahel, un centro cooperativo ed intercomunitario, di educazione collettiva al dialogo e alla pace per i giovani africani ed europei, testimoniando e sperimentando così l'esperienza di vita basata sul dialogo interculturale ed interreligioso, per creare una prospettiva più ampia di civiltà orientata e fondata sulla pace e la nonviolenza, per un futuro dove le risorse energetiche siano equamente utilizzate, sperimentando fonti alternative di energia, in modo da impostare un progresso costruttivo, basato sullo scambio equosolidale ed ecosostenibile, per cui tutti i popoli possano usufruire delle risorse del pianeta, senza sperequazioni, ingiustizie e crudeltà sociali, senza conflitti etnici, nel pieno rispetto reciproco, nel pluralismo delle confessioni religiose, nella libertà di culto e di pensiero, aprendo ai diritti umani di libertà, equità sociale e fratellanza, nel dialogo ecumenico ed interculturale. Nella Scuola di Pace Dudal Jam, l'altro diviene un nuovo paradigma educativo, dove la differenza è valore, risorsa, diritto, in un'etica vicendevole della reciprocità, oltre le frontiere nazionali che sono il frutto dell'egoismo umano.

L’etica dell’altro è l'espressione di atteggiamenti di responsabilità, accoglienza, prossimità e solidarietà, dove l'incontro con l'alterità diviene la prospettiva del futuro, con cui affrontare in modo positivo e arricchente la cultura delle comunità e della condivisione.

Nota:Nel libro è presente un DVD che contiene alcuni utili percorsi per gli insegnanti che vogliono affrontare l’esperienza Dudal Jam nelle loro classi.

Articoli correlati

  • Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili
    Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek
  • Grave regressione dei diritti delle donne
    Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
  • USA e... getta una nuova luce!
    Sociale
    Elezioni oltreoceano

    USA e... getta una nuova luce!

    Non trascurabile, inoltre, il numero di donne elette. Chissà se siamo finalmente in presenza della svolta buona per una politica più giusta per uomini e donne, per le etnie e comunità che rappresentano, per le fedi vive che professano.
    10 novembre 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)