Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

FERMIAMO IL MASSACRO DI FALLUJIA

11 aprile 2004
Fabio Alberti - Un Ponte Per ...
Fonte: Un Ponte Per
Consorzio Italiano di Solidarita'
CCIPP Francia
Iraqi Solidarity Project - Canada
Focus on Global South - Filippine



470 morti
1200 feriti, di cui 243 donne e 200 bambini
Questa la prima stima al ribasso degli attacchi

10 Aprile 2004, da Baghdad occupata

Dall'inizio dell'escalation della violenza il popolo iracheno, specialmente
a Fallujia, sta vivendo un disastro umanitario. Le forze di occupazione
hanno messo sotto assedio la citta'. Piu' di 470 morti e 1200 feriti.

Fallujia e' stata bombardata con aerei da combattimento F-16 ed elicotteri
armati con bombe a grappolo e mortai.

Ambulanze sono state prese di mira dai cecchini americani. Molti aiuti
umanitari,
destinati soprattutto agli ospedali, sono stati bloccati dalle truppe di
occupazione. Altre macchine cariche di medicinali hanno dovuto aggirare
i blocchi passando per strade secondarie. Una volta entrati in Fallujia
i volontari si sono trovati sotto il fuoco incrociato.

Nessun corridoio umanitario e' stato concesso.

Un cessate il fuoco e' stato annunciato e la popolazione ha cominciato ad
abbandonare la citta', ma improvvisamente il fuoco e' ricominciato e molti
sono rimasti allo scoperto intrappolati nella citta'. Gli sfollati ? una
colonna di 10 km con molte donne e bambini - si sono visti chiuse le strade
per raggiungere i villaggi vicini ed in centinaia hanno passato la notte
nel deserto.

Le migliaia di famiglie che sono rimaste intrappolate in Fallujia sono alle
prese con la mancanza d'acqua, cibo e medicinali. Gli operatori sanitari
continuano a lanciare appelli per avere accesso ad ossigeno, anestetici,
antibiotici e sangue.

La comunita' internazionale, le Nazioni Unite, la Comunita' Europea non
possono rimanere semplici spettatori del massacro di Fallujia e della
repressione
che sta terrorizzando la popolazione irachena.

La comunita' internazionale deve prendere una posizione ferma e chiedere
con forza e determinazione di fermare il massacro in Fallujia e di
rispettare
le convenzioni internazionali esigendo l'immediata apertura di un corridoio
umanitario che permetta l'entrata dei soccorsi, l'evaquazione dei feriti
e la fuoriuscita della popolazione.

Note: "Un ponte per..."ONG - piazza Vittorio Emanuele II, 132 00185 ROMA -
tel.0644702906 -
e-mail: posta@unponteper.it - web:
<http://www.unponteper.it>www.unponteper.it


Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)