Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il Nobel per la Pace 2017 presente a BookCity Milano 2017

Laura Tussi17 ottobre 2017

Il Nobel per la Pace 2017 presente a Book City 2017

 

PeaceLink e Disarmisti Esigenti - Rete ICAN, Premio Nobel per la Pace 2017


Il Nobel per la pace 2017, assegnato ad ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear weapons), è rappresentato all'evento Book City di Milano da due libri, scritti e presentati da membri ICAN, discepoli di Stéphane Hessel: Alfonso Navarra e Laura Tussi

 

 

ICAN (www.icanw.org) è la rete pacifista che è stata l'anima e la coordinatrice della mobilitazione della società civile per l'ottenimento dello storico risultato del Trattato di proibizione delle armi nucleari-TPAN, adottato da una Conferenza ONU lo scorso 7 luglio.

Dell'ICAN fanno parte 486 organizzazioni di 101 paesi, ed anche l'Italia ha membri attivi e partecipanti alla sua attività internazionale.

La motivazione ufficiale del Premio si richiama alla necessità che esso serva ad "attirare l’attenzione sulle catastrofiche conseguenze umanitarie di qualsiasi uso di armi nucleari" e a supportare "gli sforzi innovativi del trattato per il divieto dell’uso di tali armi”.

Questo trattato che interdice gli ordigni atomici è infatti boicottato dalle potenze nucleari (anche se con atteggiamenti diversi) : esiste quindi il problema impellente di far cambiare loro atteggiamento, tenendo conto delle esigenze di sicurezza che emergono da crisi in corso come quella coreana. L'Italia al momento non supporta, insieme a tutti i Paesi NATO.

I “Disarmisti esigenti”, nati dall'appello di Stéphane Hessel ad esigere il disamo nucleare totale, in concordanza con ICAN, di cui sono membri con la loro coalizione operativa , sostengono che il nuovo Trattato di proibizione, una volta entrato in vigore, debba diventare il pilastro di un ordine giuridico internazionale: occorre inquadrare il "vecchio" Trattato di non proliferazione- TNP, funzionalizzandolo ad un percorso che porti al disarmo nucleare totale, diritto dell'umanità da esigere e rendere effettivo.

I Disarmisti esigenti con il loro impegno ed il loro percorso sono il background del lavoro che ha portato alla redazione e pubblicazione del libro: “La follia del nucleare: come uscirne?”, i cui autori sono Alfonso Navarra, Mario Agostinelli, Luigi Mosca, uscito nel 2016 per i tipi della Mimesis edizioni. Esso sarà presentato nell'ambito di Book City 2017 il 19 novembre 2017, alle ore 15.00, alla Casa delle Asociazioni, Municipio 1, di via Marsala 8., Milano.

E fanno da retroterra anche a “Antifascismo e nonviolenza” , di Alfonso Navarra e Laura Tussi, del 2017, sempre per la Mimesis edizioni, che sarà presentato dagli autori il  giorno precedente, 18 novembre 2017, alle ore 17.00, in via Marsala, 8.

Il motto che campeggia su quest'ultimo, agile, pamphlet è di Stéphane Hessel, il partigiano francese che ha contribuito a stendere la Dichiarazione ONU per i diritti dell'Uomo ed ha animato la mobilitazione dei giovani “indignati” nel mondo: “La nonviolenza è il cammino che dobbiamo imparare a percorrere”.

 

Per firmare a favore della ratifica italiana del Trattato di proibizione delle armi nucleari:

https://www.petizioni24.com/italiaripensacisulbandodellearminucleari

Per info: Alfonso Navarra  cell. 340-0736871  email alfiononuke@gmail.com (www.disarmistiesigenti.org)

Articoli correlati

  • Gli orrori di Piacenza
    Pace
    Un appello

    Gli orrori di Piacenza

    Gli orrori commessi da alcuni carabinieri a Piacenza confermano una volta di piu' la necessita' e l'urgenza che tutte le persone appartenenti alle forze dell'ordine siano formate alla nonviolenza.
    25 luglio 2020 - Peppe Sini
  • L'esempio di Duccio Galimberti
    Pace
    Una riflessione

    L'esempio di Duccio Galimberti

    Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
    25 luglio 2020 - Laura Tussi
  • Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie
    Pace
    Un martire della libertà di pensiero

    Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie

    Fu rapito il 10 giugno 1924, il giorno in cui avrebbe dovuto denunciare in Parlamento la corruzione del governo Mussolini per una vicenda di tangenti per la concessione di estrazione del petrolio alla compagnia americana Sinclair Oil
    9 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi
    Storia della Pace
    Oggi ricorre l'anniversario della repressione del 4 giugno 1989

    Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi

    Gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al carro armato e il pilota che si rifiutò di falciare il suo compatriota, fermando l'intera colonna
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)