Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Iraq, Don Benzi: perché dobbiamo andarcene

Stralci dall'intervento di don Oreste Benzi sul numero di maggio di “Sempre”, il mensile della Comunità Papa Giovanni XXIII
21 aprile 2004 - Stefano Arduini
Fonte: Vita online - http://www.vita.it - 20 aprile 2004

“Per gli americani e gli alleati c'è una sola via d'uscita, quella del ritorno a casa”.
Nell'editoriale che comparirà sul numero di maggio di “Sempre”, il mensile della Comunità Papa Giovanni XXIII, don Oreste Benzi interviene sulla questione irachena esprimendo una precisa posizione a favore di un ritiro della presenza militare.

“Bush sta dicendo che la guerra in Iraq ha rovesciato la dittatura di Saddam Hussein ed avrà come frutto l'instaurazione della democrazia in quella nazione. Bush o non sa quello che dice, e sarebbe grave, o lo sa ed allora dice parole senza senso. E così tutti i paesi che si sono uniti agli Stati Uniti” scrive il sacerdote.

L'errore degli americani, sostiene don Benzi basandosi sulle esperienze condotte dalla Comunità Papa Giovanni XXIII in vari paesi a quasi totalità musulmana, è di ragionare “secondo le grandi democrazie dell'occidente”. Ma “lo stato per i musulmani è una entità molto diversa da ciò che è per il mondo non musulmano”, dove “chi comanda sono le autorità religiose”.

Le nostre categorie di riferimento sono diverse dalle loro. “Noi chiamiamo terroristi i kamikaze, essi li chiamano martiri. Noi chiamiamo ‘rapimenti' il sequestro dei nostri soldati, per essi invece sono un mezzo per liberarsi dagli occupanti”.

Per questo gli americani “non potranno mai avere un interlocutore politico” e “il tentativo di modernizzare, laicizzare il mondo islamico è un clamoroso fallimento”, come pure sarà un fallimento “il prospettato intervento dell'ONU dopo il 30 giugno se si tradurrà nell'imposizione di un governo iracheno”.

L'unica soluzione possibile per l'Iraq - secondo don Benzi - è “una federazione tra sciiti, sunniti e curdi, con forme di autoregolamentazione create dai tre gruppi”.
“Per gli americani e gli alleati – conclude il sacerdote - c'è una sola via d'uscita, quella del ritorno a casa. Uno scopo è stato raggiunto: quello del petrolio iracheno che faceva gola a tutti.”

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)