Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ricordarlo significa proseguire qui e adesso la sua lotta

Don Lorenzo Milani

E' difficile rendere un'idea di quanto decisivo sia stato per la mia generazione leggere la "Lettera a una professoressa", "L'obbedienza non e' piu' una virtù", "Esperienze pastorali". Sono stati non solo "testi di formazione" e ma hanno costituito strumenti sia di interpretazione del mondo
27 maggio 2020
Peppe Sini

Don Lorenzo Milani

Ricorre il 27 maggio l'anniversario della nascita di Lorenzo Milani, il priore di Barbiana, che nacque a Firenze il 27 maggio 1923 e a Firenze mori' il 26 giugno 1967.
E' difficile rendere un'idea di quanto decisivo sia stato per la mia generazione leggere la Lettera a una professoressa, L'obbedienza non e' piu' una virtu', Esperienze pastorali.
Sono stati non solo genericamente "testi di formazione" e "livres de chevet", ma hanno costituito strumenti sia di interpretazione del mondo che di lavoro nell'impegno sociale e civile - e quindi politico, nel senso forte del termine - per cercar di contrastare le piu' flagranti ingiustizie e oppressioni, per cercar di contribuire alla lotta delle oppresse e degli oppressi per la liberazione dell'umanita' da ogni violenza ed iniquita'.
Sono libri che insieme ad Erasmo e Voltaire, a Primo Levi e Victor Serge, al Manifesto marx-engelsiano, all'Istituzione negata goriziana, alle Tre ghinee di Virginia Woolf, agli scritti di Rosa Luxemburg e di Carla Lonzi, di Fromm e di Marcuse, di Russell e di Gandhi, di Danilo Dolci e di Aldo Capitini, di sartre e Camus, di Giulio Alfredo Maccacaro e di Ivan Illich, di Agnes Heller e di Laura Conti, di Alex Langer e Giorgio Nebbia, di Simone Weil e di Hannah Arendt, hanno persuaso all'impegno morale e intellettuale, alla solidarieta' con tutte le oppresse e gli oppressi, all'azione nonviolenta concreta e coerente, innumerevoli giovani che sovente a quell'impegno sono restate e restati fedeli per il resto della loro vita.
Nella testimonianza milaniana e della scuola di Barbiana la denuncia dell'oppressione di classe, della guerra, di un'organizzazione della societa' e delle sue strutture fondamentali intesa a sfruttare e rapinare senza freni e senza limiti, a escludere e opprimere giungendo fino all'orrore dei lager e dell'atomica, e' cosi' nitida ed intransigente, ed esposta con tale chiarezza di dettato, precisione di argomenti e sincerita' di sdegno, che ancor oggi se una giovane amica o un giovane amico mi chiede da dove iniziare le sue letture adulte, rispondo di solito da don Milani, e per anni io stesso ho letto, riletto, commentato e ragionato quei libri con loro negli incontri di accostamento alla nonviolenza che insieme abbiamo fatto: nelle scuole, nei centri sociali, con le volontarie e i volontari in servizio civile, nei gruppi di militanti politici di base.
E non solo la denuncia della violenza e dell'ingiustizia, ma anche la concreta costruzione di un'alternativa nonviolenta in primo luogo attraverso l'educazione come prassi di liberazione (e' la formula di Paulo Freire) ha caratterizzato la testimonianza milaniana e della scuola di Barbiana: la nonviolenza personalmente vissuta, meditata, praticata, con la fatica e con la verita' che le sono inerenti, contro ogni alienante menzogna e consumistica mercificazione, contro ogni rassegnazione e contro ogni subalternita' all'ideologia e ai poteri dominanti. Don Lorenzo Milani: "L'obbedienza non è più una virtù".
*
Gli anniversari possono dar luogo a due contrapposte modalita' di memoria e di relazione: una che per cosi' mummifica le figure, raggela gli eventi, ipostatizza e quindi distanzia e neutralizza le esperienze e le riflessioni, e cosi' tradisce il senso di quel che si ricorda; e l'altra che invece si pone all'ascolto e alla sequela delle testimonianze di cui si fa memoria, e si ripromette di prolungarne ed inverarne ancora qui e adesso il valore, l'insegnamento, la verita', l'appello alla lotta per il bene comune dell'umanita': e questo vuole essere il nostro commemorare.
Ricordare don Milani significa allora proseguire qui e adesso la lotta contro la guerra e tutte le uccisioni, contro il razzismo e tutte le persecuzioni, contro il maschilismo e tutte le oppressioni.
Ricordare don Milani significa allora proseguire qui e adesso la lotta in difesa della vita, della dignita' e dei diritti di tutti gli esseri umani contro poteri dominanti schiavisti e rapinatori, insensatamente onnidistruggitori ed effettualmente necrofili.
Ricordare don Milani significa allora proseguire qui e adesso la lotta in difesa di quest'unico mondo vivente casa comune dell'umanita' che i poteri dominanti stanno avvelenando, devastando, desertificando.

Note: Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo

"Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com
Il "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo e' una struttura nonviolenta attiva dagli anni '70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E' la struttura nonviolenta che oltre trent'anni fa ha coordinato per l'Italia la piu' ampia campagna di solidarieta' con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza e' in cammino" che e' possibile ricevere gratuitamente abbonandosi attraverso il sito www.peacelink.it

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)