Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ossezia

La strage di bambini a Beslan ci ricorda che la nonviolenza è l'unica risposta

La situazione sembra senza via d'uscita, ma in realtà questo non è vero: ciò che serve è un cambiamento radicale nella politica internazionale e interna, basato sulla consapevolezza che la pace non può scaturire da un approccio violento alla violenza.
6 settembre 2004
Commissione pace e non violenza della Regionale Umanista Europea

Nell'ultima settimana abbiamo assistito a una terribile escalation di violenza in Palestina, Iraq e Ossezia, culminata nel massacro dei bambini nella scuola di Beslan. Le immagini mostrate in televisione e sui giornali sono quasi insopportabili e ognuno di noi si chiede quale sarà il prossimo orrore a cui dovremo assistere.

La situazione sembra senza via d'uscita, ma in realtà questo non è vero: ciò che serve è un cambiamento radicale nella politica internazionale e interna, basato sulla consapevolezza che la pace non può scaturire da un approccio violento alla violenza.

La politica portata avanti dai russi in Cecenia, dagli americani in Iraq e dagli israeliani in Palestina è basata sull'oppressione e l'ingiustizia e può solo alimentare odio e violenza, in una spirale senza fine.

I terroristi che massacrano centinaia di bambini in una scuola non sono diversi dai piloti che li uccidono sganciando bombe dagli aerei o dai soldati che sparano dai carri armati.
La nostra proposta è semplice: tutti quelli che stanno invadendo territori altrui dovrebbero ritirarsi e rispettare le risoluzioni e raccomandazioni delle Nazioni Unite.
Ma questo non basta e la gente che in tutto il mondo rifiuta ogni tipo di violenza lo ha capito: dobbiamo anche rigettare la violenza come forma di affrontare e risolvere i conflitti e scegliere invece la non violenza a ogni livello, da quello personale, nella famiglia e nelle relazioni, fino a quello nazionale e internazionale.

Questo è l'unico modo per rompere la spirale di orrore che minaccia di cancellare l'umanità.

Note: Commissione pace e non violenza della Regionale Umanista Europea

4 Settembre 2004

Articoli correlati

  • Una catastrofe evitabile
    Conflitti

    Una catastrofe evitabile

    Georgia e Russia sono caduti in una guerra che non avrebbe mai dovuto avere inizio, e i civili ne pagano il prezzo. Un'analisi di IWPR dedicata alle popolazioni vittime del conflitto e spesso dimenticate dalle diplomazie, pubblicata subito dopo lo scoppio delle ostilità
    15 agosto 2008 - Di Thomas de Waal*
  • Georgia: gli interessi in gioco
    Conflitti

    Georgia: gli interessi in gioco

    L'attacco georgiano, il velleitarismo occidentale, la furibonda reazione russa. Intervista a Paolo Calzini, studioso di relazioni internazionali e esperto dell'area post-sovietica
    12 agosto 2008 - Andrea Rossini
  • ''Tutti figli di Noé'': percorsi di pace nel Caucaso del Nord
    Pace

    ''Tutti figli di Noé'': percorsi di pace nel Caucaso del Nord

    Dal 2005 l'organizzazione “Mondo in cammino” promuove alcuni progetti a Beslan. Un articolo che spiega le ragioni che li hanno portati in Caucaso e illustra i progetti avviati in questi anni
    Massimo Bonfatti
  • Conflitti

    Beslan, polemiche senza fine

    Continua il dibattito carico di astio su chi siano i veri colpevoli, mentre i parenti delle vittime commemorano un'altro anniversario della tragedia
    14 settembre 2006 - Traduzione di Osservatorio sui Balcani da IWPR.net
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)