Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Le Donne in Nero di Roma sulle italiane rapite

8 settembre 2004 - Donne in nero Roma
Simona Pari è una nostra amica, ci siamo incontrate con lei nel maggio scorso a Roma, nella Casa internazionale delle Donne, era rientrata in Italia per motivi di sicurezza ed in attesa di poter tornare a Bagdad per riprendere il suo lavoro nelle scuole irachene.
Abbiamo parlato a lungo, tempestandola di domande cui ha risposto con pazienza e intelligenza, perché Simona è intelligente, simpatica, bella e ha uno sguardo aperto, diretto e profondo, e ci ha descritto accuratamente la società irachena prima dei bombardamenti e i rischi di quella pseudo - dopoguerra che stava frantumando, disgregando, le poche risorse della società civile.
Era impaziente di tornare a lavorare, di riprendere le relazioni forzatamente interrotte. L'abbiamo interrogata sul suo lavoro e sulla situazione delle donne, e lei ci ha descritto soprattutto le difficoltà delle bambine, i nuovi impedimenti nel proseguire i loro percorsi di istruzione, dovute alla totale insicurezza ( continuo rischio di rapimenti) e all'islamizzazione di una società laica. Le abbiamo chiesto di aiutarci a prendere contatti con gruppi di donne irachene con cui vogliamo " intrecciare fili " e " costruire ponti " .

- Non hai paura, non è pericoloso per voi restare a Bagdad con le forze armate italiane che aiutano gli statunitensi a " esportare la democrazia " ? Non siete visti come invasori, come forza d'occupazione? -

Le abbiamo chiesto anche questo e lei ha risposto che non aveva paura perché anche se era sicuramente rischioso viaggiare in territorio iracheno, e loro limitavano al massimo gli spostamenti, la loro casa a Bagdad, era tranquilla e sicura, "un Ponte per" ha una rete di legami con la società civile forte e consolidata da anni di ottimo lavoro. Il rischio di essere confusi con gli invasori non lo correvano affatto. La loro sicurezza era nel lavoro fatto e in quello in corso, nei loro contatti quotidiani.

Non sappiamo chi ha rapito Simona Pari Simona Torretta Raad Alì Abdul-Aziz e Mahnaz Bassam.

Proprio le parole scambiate con Simona ci lasciano sconcertate, la società civile di cui lei parlava, da cui si sentiva circondata e protetta, è colpita al cuore tutti i giorni, e i colpi arrivano da tutte le direzioni. Chi le ha rapite, rapiti, è andato proprio a cercare loro. Questa tattica, cioè quella di spezzare i legami che ancora tengono in piedi qualche esile speranza di ricostruire un percorso di pace l'abbiamo già vista in molti luoghi di conflitto, sappiamo che può servire a numerosi tipi di strategie, difficile capire chi dove come e quando e cosa succede.
Pensavamo di andare in Iraq appena possibile, si pensava ottobre, chissà adesso se ci riusciremo, se avessimo una forza che non abbiamo dovremmo andare in Iraq, ora, tutte e ancora di più, a migliaia. Chi vuole la pace in mano porta doni, non armi, e in bocca ha il sorriso, come quello bellissimo di Simona, e quello di Baldoni, dovremmo partire tutti

Il nostro Governo ci dice che l'Italia è in missione umanitaria, ma ha la mano armata. Chiediamo al Governo italiano di far rientrare le forze armate, ora, subito.

Aspettiamo Simona per riprendere insieme a lei i nostri contatti di pace con le donne di una nazione con cui non vogliamo essere in guerra.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)