Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Le Donne in Nero di Roma sulle italiane rapite

8 settembre 2004
Donne in nero Roma
Simona Pari è una nostra amica, ci siamo incontrate con lei nel maggio scorso a Roma, nella Casa internazionale delle Donne, era rientrata in Italia per motivi di sicurezza ed in attesa di poter tornare a Bagdad per riprendere il suo lavoro nelle scuole irachene.
Abbiamo parlato a lungo, tempestandola di domande cui ha risposto con pazienza e intelligenza, perché Simona è intelligente, simpatica, bella e ha uno sguardo aperto, diretto e profondo, e ci ha descritto accuratamente la società irachena prima dei bombardamenti e i rischi di quella pseudo - dopoguerra che stava frantumando, disgregando, le poche risorse della società civile.
Era impaziente di tornare a lavorare, di riprendere le relazioni forzatamente interrotte. L'abbiamo interrogata sul suo lavoro e sulla situazione delle donne, e lei ci ha descritto soprattutto le difficoltà delle bambine, i nuovi impedimenti nel proseguire i loro percorsi di istruzione, dovute alla totale insicurezza ( continuo rischio di rapimenti) e all'islamizzazione di una società laica. Le abbiamo chiesto di aiutarci a prendere contatti con gruppi di donne irachene con cui vogliamo " intrecciare fili " e " costruire ponti " .

- Non hai paura, non è pericoloso per voi restare a Bagdad con le forze armate italiane che aiutano gli statunitensi a " esportare la democrazia " ? Non siete visti come invasori, come forza d'occupazione? -

Le abbiamo chiesto anche questo e lei ha risposto che non aveva paura perché anche se era sicuramente rischioso viaggiare in territorio iracheno, e loro limitavano al massimo gli spostamenti, la loro casa a Bagdad, era tranquilla e sicura, "un Ponte per" ha una rete di legami con la società civile forte e consolidata da anni di ottimo lavoro. Il rischio di essere confusi con gli invasori non lo correvano affatto. La loro sicurezza era nel lavoro fatto e in quello in corso, nei loro contatti quotidiani.

Non sappiamo chi ha rapito Simona Pari Simona Torretta Raad Alì Abdul-Aziz e Mahnaz Bassam.

Proprio le parole scambiate con Simona ci lasciano sconcertate, la società civile di cui lei parlava, da cui si sentiva circondata e protetta, è colpita al cuore tutti i giorni, e i colpi arrivano da tutte le direzioni. Chi le ha rapite, rapiti, è andato proprio a cercare loro. Questa tattica, cioè quella di spezzare i legami che ancora tengono in piedi qualche esile speranza di ricostruire un percorso di pace l'abbiamo già vista in molti luoghi di conflitto, sappiamo che può servire a numerosi tipi di strategie, difficile capire chi dove come e quando e cosa succede.
Pensavamo di andare in Iraq appena possibile, si pensava ottobre, chissà adesso se ci riusciremo, se avessimo una forza che non abbiamo dovremmo andare in Iraq, ora, tutte e ancora di più, a migliaia. Chi vuole la pace in mano porta doni, non armi, e in bocca ha il sorriso, come quello bellissimo di Simona, e quello di Baldoni, dovremmo partire tutti

Il nostro Governo ci dice che l'Italia è in missione umanitaria, ma ha la mano armata. Chiediamo al Governo italiano di far rientrare le forze armate, ora, subito.

Aspettiamo Simona per riprendere insieme a lei i nostri contatti di pace con le donne di una nazione con cui non vogliamo essere in guerra.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)