Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La società civile irachena si mobilita

A Bagdadg corteo per la libertà degli ostaggi

Lo scorso 9 settembre una cinquantina di bambini con i loro genitori avevano manifestato a Bagdad per la liberazione delle due italiane.
15 settembre 2004
www.repubblica.it 15/9/04

In Iraq la gente scende in strada di nuovo per chiedere la liberazione di Simona Pari e Simona Torretta. Questa mattina a Bagdad centinaia di uomini, donne e bambini hanno marciato nel centro della capitale, chiedendo la liberazione delle due italiane sequestrate nell'ufficio dell'organizzazione non governativa "Un ponte per..." martedì 7 settembre, insieme con due operatori iracheni.

La manifestazione è stata organizzata da un comitato della società civile, che riunisce tutte le organizzazioni non governative che operano in Iraq e che hanno deciso di schierarsi pubblicamente al fianco delle due ragazze italiane.

Il corteo è confluito nella piazza del Paradiso, a ridosso dell'hotel Palestine e non distante dalla sede di "Un ponte per Bagdad". Tra i manifestanti ci sono anche una cinquantina di capi tribù, insieme con rappresentanti degli sciiti, sunniti, cristiani. Sono molti gli ammalati che hanno avuto contatti con le due ragazze, scesi in piazza nonostante costretti su una sedia a rotelle, per testimoniare a favore dell'attività umanitaria portata avanti dalle due volontarie.

Niente slogan, ma una sola, unica richiesta viene dal corteo: "Siamo a fianco dell'Italia e chiediamo il rilascio immediato di questi nostri amici". Già due giorni dopo il sequestro, lo scorso 9 settembre, una cinquantina di bambini con i loro genitori avevano manifestato a Bagdad per la liberazione delle due italiane. In piazza erano scese le famiglie che conoscono bene il lavoro delle volontarie, dai tempi dell'embargo contro la dittatura di Saddam Hussein.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)