Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Continua a crescere di giorno in giorno

La lista dei morti della guerra in Irak

Il 2/11 in diverse città del mondo sono stati letti i nomi dei morti della guessa in Irak di cui si ha notizia per ricordare il loro sacrificio.
3 novembre 2004
Fonte: Rete Contro G8

A Barcellona,Londra, Sidney , Bagdad, Bologna Ancona, Siena, Mantova e altre città nel mondo si è tenuta "The vigil", la lettura ininterrotta dei nomi dei caduti nella querra in Iraq: oltre centomila iracheni, ed oltre mille tra i militari degli eserciti occupanti.

Per informazioni sull'elenco dei caduti si possono visitare i siti:
http://icasualties.org/oif/Details.aspx contenente la lista di tutti i nomi dei caduti militari costantemente aggiornata e http://www.iraqbodycount.net/names.htm con 3.029 caduti civili identificati al 14 settembre 2004 (che rappresentano presumibilmente non più del 20% degli effettivi caduti civili del conflitto iracheno).

Note: http://icasualties.org/oif/Details.aspx
http://www.iraqbodycount.net/names.htm
http://civilians.info/iraq/
http://www.civicworldwide.org/

Articoli correlati

  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
  • PsyOps
    Editoriale
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
  • "Lei ama la guerra?"
    Pace
    Una lettura utile ai tempi di Trump

    "Lei ama la guerra?"

    Emilio Lussu sulla guerra
    14 aprile 2018
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)