Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

LIBERATELA. LIBERATE LA PACE

Giuliana e noi: rapiti come lei

Il rapimento di Giuliana Sgrena ci interroga. Siamo tutti ostaggi della violenza.
7 febbraio 2005

Sono passati tre giorni da diverse ore. Non abbiamo ancora notizie di Giuliana Sgrena, la giornalista del Manifesto rapita venerdì. Solo alcuni deliranti e dubbi comunicati sul web. E con il passare delle ore l'angoscia aumenta. Non intendo ripetere qui quello che di Giuliana è già stato ampiamente detto e scritto. Ma il rapimento di Giuliana, a pochi giorni dal voto iracheno, inchioda ed impone una riflessione. Al di là di qualunque considerazione socio-politica un dato delle elezioni irachene colpisce: molti di coloro che sono andati a votare lo hanno fatto per speranza. Speranza che l'occupazione finisca, speranza che la violenza dilagante possa un giorno finire. Sfiniti da una situazione di guerra che da 25 anni prosegue ininterrotta(guerra Iraq-Iran, prima guerra del golfo, embargo e poi l'ultima guerra) gli iracheni si sentono schiacciati. E si aggrappano a qualsiasi cosa possa aiutarli, qualunque cosa possa rappresentare uno spiraglio di luce. La campagna elettorale non c'è mai stata, le manipolazioni sono praticamente certe, ma questo non ha convinto moltissimi iracheni a restare a casa. Hanno preferito invece andare a votare. Segno che vogliono rialzare la testa, vogliono riappropriarsi del proprio futuro. Dicendo no alla violenza. Quella violenza che purtroppo imprigiona tutti. La violenza, che sia terrorismo o guerra non importa, colpisce prima di tutto le menti e il pensiero. Prima ancora che la prima bomba esplode vuole imporre il proprio pensiero unico. Vuole costringere a fare una scelta di campo, a schierarsi. E' la logica del "con noi o contro di noi". E' sempre stato così. Oltre dieci anni fa è stato così nei Balcani, durante la prima sanguinosa guerra. Lo è stato durante la guerra del 1999, dove l'unica scelta proposta è stata tra Milosevic e le bombe della Nato. Lo è stato in Afghanistan dopo l'11 settembre. E infine in Iraq. Ma ogni volta le carte in tavola sono state scompaginate. La forza della Pace ha scardinato il pensiero unico, schierandosi dall'unica parte possibile. Quella delle vittime. Del terrore o della guerra, di qualunque violenza. Dieci anni fa sui ponti di Bosnia aveva il volto di Gabriele Maria Locatelli, in Afghanistan o in Iraq quello dei cooperanti di Emergency o di Un Ponte Per ... Giuliana è un grande esempio. Come Enzo Baldoni, Tiziano Terzani e tanti altri ha saputo sviluppare la capacità di abitare il conflitto, di andare oltre il pensiero unico. Andando oltre la propaganda e la violenza intellettuale ha saputo guardare in faccia la realtà. E' l'idealismo in realtà più "realista del Re". Nel momento in cui gli apparati in guerra imponevano una scelta di campo, ha voluto guardare in faccia la realtà. E ne ha visto l'unica che contrassegna la violenza della guerra. Le vittime civili. Nei conflitti attuali ormai il 93% delle vittime sono civili, il 34% bambini. Sono cifre spaventose, l'unica realtà della guerra. Negli interstizi della realpolitik Giuliana ha saputo parlare di questa realtà. La violenza è unica, in guerra l'unico realismo possibile è stare dalla parte delle vittime. Negli ultimi mesi molte tra le vittime dei sequestri avevano fatto questa scelta. Enzo Baldoni, Florence Aubenais, Simona Pari, Simona Torretta, l'hanno fatta tutti. E oggi Giuliana Sgrena. Non è, non può essere casuale. Lo spazio per la Vita, per la Pace, si sta assottigliando. Ma un filo di speranza, c'è lo ricordano gli iracheni col loro voto, rimane. Tutti noi speriamo, vogliamo credere, che Giuliana presto sarà libera. Per proseguire la strada insieme. In questo momento siamo tutti ostaggi della violenza, della guerra e del terrorismo. Ma possiamo liberarci, così come Giuliana.

"Sono loro quelli che riparano ciò che gli eserciti frantumano (corpi e cose) e lasciano dietro di sé in pezzi. I politici di professione, gli «statisti» - quelli che dominano sulle prime pagine dei giornali e che decidono l'impiego degli eserciti - li guardano con un sorriso di commiserazione, come si guardano le anime belle. Ma sono loro l'unico embrione, fragile, esposto, di uno spazio pubblico non avvelenato o devastato nella città planetaria.
Non sono ancora il presente. Sono tutt'al più un vago presagio di futuro. Di una possibile, inedita, politica del futuro."

La politica del futuro, Marco Revelli.

A PRESTO GIULIANA!!

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)