Palestina

PACE

Liberare Barghuti

24 dicembre 2004
Luisa Morgantini (Europarlamentare)

Marwan Barghouti è stato sequestrato nei Territori autonomi palestinesi il 15 aprile del 2002, nell'operazione «scudo difensivo» che ha stracciato gli accordi di Oslo con la rioccupazione israeliana dei territori autonomi palestinesi. Il sequestro e il trasferimento in Israele di Barghouti, eletto nel parlamento palestinese, è un'ulteriore illegalità del governo israeliano. Il 6 giugno scorso, anniversario dell'occupazione militare del `67, Marwan viene condannato a 5 ergastoli più 40 anni di carcere. Marwan, segretario di Al Fatah in Cisgiordania e dell'organizzazione (Tanzim) dopo aver trascorso molti anni nelle carceri israeliani nella prima intifada è stato deportato ed ha vissuto in Tunisia. Tornato in Palestina, dopo gli accordi di Oslo, non è mai stato considerato un «tunisino», un leader ritornato dall'esterno. Si è battuto con altri parlamentari per la trasparenza dell'autorità nazionale palestinese e contro la corruzione ed è stato in larga parte il dirigente che ha saputo spiegare e far accettare alla popolazione dei campi profughi l'accordo di Oslo. Lo ripeteva anche nei nostri diversi incontri a Ramallah, quando era già in clandestinità, dopo che il 23 settembre 2001 venne emesso il mandato di cattura contro di lui: «Non c'è altra strada di un negoziato che porti alla realizzazione di uno stato palestinese in coesistenza con lo stato israeliano... Israele deve cessare l'occupazione militare e applicare le risoluzioni Onu». Di questa seconda Intifada, che non si chiamava di Al Aqsa, ma dell'indipendenza e della pace, è stato il dirigente acclamato nelle strade a fianco degli shabab. Durante il suo processo, la sua difesa è stata un atto d'accusa contro l'illegalità dell'occupazione militare e pur rivendicando il diritto sancito dalla Convenzione di Ginevra, alla difesa anche armata del popolo palestinese contro il dominio coloniale e militare, ha condannato ogni attacco palestinese contro i civili israeliani e ribadito la sua volontà di pace. Nelle elezioni del 9 gennaio, che vedranno i palestinesi scegliere il loro presidente, Marwan ha rinunciato a candidarsi. Ancora una volta ha avuto a cuore l'unità del popolo palestinese e con dignità ha posto convinzioni per la vita democratica di Al Fatah e dell'Anp, chiedendo anche che in ogni negoziato la liberazione dei prigionieri politici sia una priorità. Liberare Marwan, non lasciare che marcisca nella cella di due metri senza finestre dov'è rinchiuso in totale isolamento, con la luce accesa per 23 ore al giorno, fare sì che possa riprendere il suo posto nella costruzione di uno stato palestinese - come ha scritto Tommaso Di Francesco -, deve essere un impegno di individui, movimenti, partiti, governi che abbiano diritto e giustizia a loro fondamento. Forse è un sogno, visto l'irriducibilità di Sharon e l'acquiescenza della comunità internazionale. Ma anche per Mandela ci sembrava un sogno! Per questo Action for Peace accoglie l'appello della campagna palestinese http://www.freebarghouti.org, e aderisce alla campagna internazionale per la liberazione di Marwan e di tutti i prigionieri politici. Ognuno potrà fare qualcosa, firmare l'appello, scrivere a Marwan nel carcere del Negev, raccogliere fondi per la famiglia e le spese processuali dei prigionieri politici. La liberazione di Marwan segnerà un passo decisivo per la fine dell'occupazione israeliana e una pace giusta in Palestina e Israele. (info: lmorgantini@europarl.eu.int tel. 06 69950217 fax 06 69950200).

Articoli correlati

  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)