Alex Zanotelli

Lista La nonviolenza è in cammino

Archivio pubblico

Intervista sulla presenza delle truppe italiane in Iraq

Padre Zanotelli: «Tornare a casa, subito!»

"Si è contro la guerra? E allora si voti no. Altrimenti non si capisce più niente".
Fonte: «Famiglia Cristiana» nr. 10 7 marzo 2004

* Padre Zanotelli, i militari italiani devono o no restare in Irak?

«Devono tornare a casa immediatamente. La guerra in Irak, contro la quale il Papa è intervenuto tante volte, è stata definita "criminale" dal cardinale Tauran e "immorale" dal cardinale Martino. Adesso non può diventare una guerra giusta, e i nostri militari stanno lì, con gli americani e gli inglesi, come truppe di occupazione. Con conseguenze che potrebbero essere funeste a causa dell’aumento dell’odio e del pericolo di conflitti religiosi».

* Se i militari occidentali se ne vanno ora dall’Irak, non c’è il rischio che si ripeta in questo Paese quello che successe in Somalia dopo l’operazione Restore hope?

«Al contrario, fu quell’operazione ad aggravare la situazione in Somalia. Quanto all’intervento italiano in quell’occasione, fu una follia. Che il Paese che aveva colonizzato la Somalia intervenisse a pacificare le fazioni in lotta era demenziale».

* Come pacificare l’Irak, tenendo conto delle profonde divisioni, politiche e religiose, che lo caratterizzano?

«Deve intervenire l’Onu. Credo sia necessario e urgente un impegno internazionale, all’interno del quale dovrebbe trovare ampio spazio la Lega araba, che è la meglio piazzata per un’azione pacificatrice accettabile da tutte le parti».

* Perché la Lega araba?

«Perché ho la netta impressione che la guerra in Irak sia stata percepita dal mondo musulmano come un attacco dell’Occidente cristiano contro il cuore dell’Islam».

* Lega araba e Onu. Ma l’Onu non è stata indebolita da questa guerra?

«L’Onu ha subìto questa guerra. La guerra preventiva contro l’Irak ha fatto a pezzi l’Onu e il minimo di legalità internazionale che questa organizzazione assicurava. Bisogna ripartire restituendo capacità decisionale alla comunità internazionale attraverso l’Onu. Certo, si deve essere consapevoli delle enormi difficoltà prodotte da situazioni di profonda divisione. In Somalia la guerra civile dura da quindici anni».

* Come valuta il comportamento delle forze politiche italiane nel dibattito sul rifinanziamento delle nostre missioni militari all’estero?

«Il voto dev’essere chiaro. Si è contro la guerra? E allora si voti no. Altrimenti non si capisce più niente. Se il Governo usa la tattica di far votare in un unico decreto il rifinanziamento a tutte le missioni, ci si opponga con determinazione a tale tattica e si voti un chiaro no a tutto. Anche perché altre missioni non sono affatto difendibili. Ad esempio, che ci stiamo a fare in Afghanistan? Anche quella guerra era illegale».

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)