PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Wwf all'attacco: no all'autorizzazione regionale alla Ferriera

    Wwf all'attacco: no all'autorizzazione regionale alla Ferriera

    Il Wwf di Trieste esprime un secco «no» all’autorizzazione integrata ambientale (Aia) concessa dalla Regione alla Ferriera di Servola. Secondo gli ambientalisti le emissioni di inquinanti sono all’ordine del giorno. L’Aia non ha fissato parametri e scadenze
    15 febbraio 2008
  • Il Wwf di Belluno contro gli inceneritori
    «Nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma»

    Il Wwf di Belluno contro gli inceneritori

    La cosiddetta «emergenza rifiuti» a Napoli e dintorni ha portato all’attualità il problema e anche sulla stampa locale sono apparsi più articoli sull’argomento. C’è pure chi ha colto l’occasione per risfoderare la necessità di un inceneritore (pardon un termovalorizzatore) in provincia.
    20 gennaio 2008 - Renata Sgarzi
Comunicato stampa

Profondamente danneggiate le dune di Casalbordino

Anche quest'anno l'uso di mezzi meccanici per la pulizia della spiaggia ha contribuito al degrado dell'ambiente dunale. Occorre individuare una modalità diversa di pulizia e fruizione delle spiaggie
14 giugno 2010 - Ines Palena (Presidente WWF Zona Frentana e Costa Teatina )

logo WWF

Anche quest’anno l’ Associazione WWF Zona Frentana e Costa Teatina ha potuto verificare l’utilizzo di mezzi meccanici utilizzati per il livellamento della spiaggia che hanno provocato il profondo danneggiamento dell’ambiente dunale di Casalbordino.

E’ necessario individuare una modalità diversa di pulizia e fruizione della spiaggia, senza danneggiare il sistema dunale, la cui vegetazione è un indispensabile elemento nel precario equilibrio delle nostre spiagge, anche nei confronti dei naturali fenomeni erosivi. Dichiara Ines Palena, Presidente dell’ Associazione WWF Zona Frentana e Costa Teatina: “le dune costiere, oltre al loro valore ecologico, paesaggistico e turistico, hanno un ruolo fondamentale nella mitigazione naturale del rischio costiero, in particolare rispetto ai fenomeni di erosione ed allagamento. L’assenza delle dune, unita all'appiattimento della spiaggia, impedisce il ripascimento naturale e duraturo delle spiagge dopo gli eventi meteomarini più intensi, comportando quindi una generale tendenza all’arretramento della linea di costa”

Una gestione costiera che punti sulla rinaturalizzazione e sulla tutela delle dune permetterebbe di mitigare, se non risolvere definitivamente, l’annoso problema dell’erosione delle spiagge, che invece viene affrontato con interventi “tampone” , quali barriere, pennelli e ripascimenti artificiali, come quello effettuato nei mesi scorsi proprio a Casalbordino. Questo, oltre ad essere molto dispendioso e impattante, ha una durata limitata nel tempo. Infatti, nonostante siano passate solo poche settimane dalla fine dei lavori di ripascimento a Casalbordino, è bastata qualche mareggiata per portarsi via una parte della sabbia depositata.

In occasione degli annuali censimenti del Fratino (uccello simbolo dell’ambiente dunale, inserito nella Direttiva CEE 79/409 “Uccelli” come “specie particolarmente protetta”, e considerata indicatrice della qualità ambientale dell’habitat costiero), effettuato congiuntamente dal WWF Abruzzo e dalla Stazione Ornitologica Abruzzese negli scorsi anni, è stato denunciato il rischio della scomparsa definitiva del sistema dunale e della preziosa specie. A Casalbordino l'anno scorso, durante il censimento non fu registrato alcun nido di fratino, al contrario di quanto avvenuto in anni precedenti. A testimoniare la situazione di un sistema dunale fortemente danneggiato dal ripetuto e indiscriminato utilizzo di mezzi meccanici e dalla mancanza di misure di tutela.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy