Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    13 Agosto 1961

    Berlino, Pullach, Air Force One. Il protocollo del muro di Berlino.

    Per ventotto anni, un Muro e una striscia di morte hanno diviso Berlino. L'assedio cominciò il 13 agosto 1961 – ecco una ricostruzione dettagliata delle ore cruciali.
    25 agosto 2011 - Sven Felix Kellerhoff
    Fonte: Welt Mobil - Magazine on line - 08 agosto 2011

    Migliaia di soldati cominciano a sigillare il confine tra Oriente e Occidente, per i successivi ventotto anni Berlino sarà tagliata in due da una striscia di morte. Cosa è successo nelle cruciali 48 ore?  berlin, pullach, air force one

    È cominciato tutto alla Porta di Brandeburgo. Esattamente all’1.05 del 13 agosto 1961 si spensero le luci. Nelle successive 18 ore più di 20.000 uomini tra poliziotti, soldati e altro personale della DDR in divisa hanno recintato i tre settori occidentali di Berlino.
    136 persone sono morte cercando di scappare
    Durante i successivi 28 anni, una striscia di morte ha tagliato in due la capitale tedesca. Solo qui, a Berlino, sono morte complessivamente 136 persone nel tentativo di attraversare questa striscia, questo confine verso la libertà.
    Mai prima nella storia del mondo si è giunti tanto vicino alla distruzione totale come in quella Domenica d’estate. Per la prima volta due superpotenze armate di bombe nucleari e missili intercontinentali misurarono la loro forza in una crisi politica
    Questa crisi ha raggiunto il suo culmine, quando si è cominciato un esodo massiccio di persone in fuga dalla dittatura comunista di Berlino. Lungo la linea di demarcazione tra i tre settori occidentali e la parte orientale sovietica della città, gli animi erano eccitati.
    Cosa è successo nei centri di potere del partito comunista, cosa è successo a Bonn? Qual era la situazione a Mosca e a Washington DC? E come viveva la gente, su entrambi i lati della cortina di ferro, il più caldo week-end della guerra fredda? Che è successo tra mezzanotte di Sabato e mezzanotte di Domenica?
                                                        Sabato 12 Agosto
    Stazione di Glienicke-Nord -intorno alla mezzanotte
    Un ragazzo di quindi anni, Rainer Meier di Berlino Ovest, insieme ad alcuni amici della scuola professionale ritorna a casa dal cinema, proprio sul posto di confine tra Berlino Ovest con Brandeburgo. Come sempre, i giovani che passano al check point a Oranienburger Chaussee devono mostrare i loro documenti. Non c'è niente di strano.
    Contemporaneamente a Potsdam
    Alcuni lavoratori ubriachi avvicinano due agenti di polizia, Helmut K. e Siegfried J. vicino alla Trattoria"Potsdam" e si prendono a botte davanti alla porta del locale. Dopo il loro arresto, i colpevoli dichiarano di aver voluto vendicarsi, perché nel pomeriggio la polizia ha chiuso la stazione di Potsdam-Stadt provocando grande rabbia tra i pendolari.
    Massachusetts, ore 18:19 (ore 00:19 Ora di Berlino)
    L '"Air Force One" con a bordo John F. Kennedy e Jackie atterra alla base Otis Air Force. I 40 chilometri che distano dalla casa di Hyannis Port sull'Atlantico dove la coppia presidenziale passerà il week-end, saranno percorsi in elicottero, anche se le nuvole sono pericolosamente basse.
    Kreuzberg,Berlino, verso le 4:30
    Gli strilloni del "Berliner Morgenpost” iniziano il loro lavoro come ogni mattina. Il titolo del giornale più diffuso Berlino Ovest inizia così: " Legge delega per il terrore."
    Berlino-Marienfelde, ore 8:00
    Centrale Raccolta Profughi per i rifugiati: Dalla mattina di Venerdì scorso 1532 cittadini tedeschi dell'est sono stati registrati come nuovi arrivati a Berlino Ovest.
    Röntgental a Berlino, ore 9:45
    Nella caserma della 1° Brigata dei Vigili del confine tedesco orientale Rudi Thurow lascia il servizio. Al pluridecorato Soldato di carriera viene assegnato il compito di controllare i passanti a piedi, in bicicletta o in auto sul "Ring, il raccordo intorno a Berlino".
    Basdorf a Berlino, ore 11.00 circa
    Il tenente di polizia Wilfried P. di ventisei anni, lascia la caserma della sua unità e si ritira nel suo appartamento. Lì, si toglie gli abiti civili di membro del partito comunista, lascia il suo partito e la sua carta d'identità tedesca dell'Est e parte da Berlino Est per disertare e fuggire nel settore occidentale.
    Pullach vicino a Monaco, di mattina
    Presso la sede del Servizio informazioni federale di Berlino est arriva un'informazione altamente confidenziale: il giorno prima presso il Comitato Centrale del partito comunista si è tenuta una riunione della direzione sull’importanza dei cambiamenti che sono stati annunciati, così sintetizzati da un editorialista. "Ora si può camminare solo sui sassi!"
    A Erkner, mezzogiorno
    Werth Lothar, di ventidue anni, corre sulla sua moto in una foresta a sud-est di Berlino, per raccogliere funghi. Viene controllato sulla strada di scorrimento da Berlino a Brandeburgo, ma può continuare. In mezzo agli alberi ha visto nascosti dei carri armati.
    Contemporaneamente a Berlino
    Il Maggiore- Generale NVA Kurt Wagner e il suo vice, il Maggiore-Generale Siegfried Weiss ispezionano l’8° Divisione di DifesaMotorizzata.
    Lubecca, verso le 13:45
    Al Marktplatz, durante un raduno elettorale della CDU il Cancelliere Konrad Adenauer, difende i piani di aggiornamento degli Stati Uniti: "Questo non significa guerra, amici miei. Al contrario, significa l'inizio di negoziati ragionevoli. La Russia sovietica non negozia con nessun paese debole, ma deve ben negoziare con un avversario forte! E questo è quello che vogliamo."
    Berlino-Karlhorst, ore 14:00
    Nel quartier generale dell'Armata Rossa in Germania si incontrano il Maggiore Generale Wagner e molti ufficiali di stato maggiore dell'esercito NVA. Come posto di comando avanzato, si mantiene un contatto diretto con l'alleato sovietico.
    A nord di Berlino, ore 14.30
    Su entrambi i lati della via che porta alla foresteria del Governo DDR, lungo il Döllnsee, che vedrà la caduta di Erich Honecker, membro del Politburo del partito di governo DDR, sono schierati carri armati e camion dell’esercito.
    A Berlino, verso le ore 15:00
    Ai soldati della 1° e dell’8° Divisione di Difesa motorizzata dell'esercito viene ordinato di riposare. Questo indica che verranno impiegati a notte tarda.
    Norimberga, ore 15:30
    Il sindaco di Berlino Ovest, Willy Brandt, parla in occasione della riunione nazionale del suo partito a Norimberga. Parla dell'esodo: "Perché queste persone vengono da noi?" Anche se il candidato cancelliere della SPD non ha informazioni segrete, dice qualcosa che è sorprendentemente vero. "Perché l'Unione Sovietica sta preparando un attacco contro il nostro popolo, sulla serietà di questa affermazione la gente ha idee poco chiare. Perché la gente che viene dalla DDR ha paura che le maglie della cortina di ferro siano cementate. Perché temono di essere intrappolati in una gigantesca prigione ".
    Döllnsee, ore 16:00
    Walter Ulbricht firma gli ordini preparati da Erich Honecker. La data esatta degli ordini, l’ora "X", rimane ancora in bianco, e verrà scritta a mano in un secondo momento. I membri del Consiglio dei ministri DDR si incontrano nella foresteria del governo tedesco-orientale. Walter Ulbricht sorprendentemente ha convocato un "raduno". Non c’è un programma ufficiale, i signori più anziani si godono il pomeriggio d'estate sul lago.
    Contemporaneamente a Berlino-Karlhorst
    Il giovane ufficiale del KGB Oleg Gordijewski riceve istruzioni di non uscire di notte, ma dovrà tenersi pronto molto presto.
    Strausberg, verso le 17:00
    Nella tipografia del Ministero della Difesa tedesco-orientale, sotto stretta sorveglianza, alcuni tipografi selezionati cominciano a preparare dei testi da usare per volantini e annunci. Nessuno che abbia visto i testi, può lasciare la stamperia o usare il telefono.
    Döllnsee, verso le 18:00
    Nella foresteria del governo, i membri del Consiglio dei Ministri hanno preso il caffè. Nessuno di loro sa di cosa tratterà la riunione. John Dieckmann, il Presidente della Camera del Popolo, chiede ad Alfred Neumann, membro del Politburo del partito comunista: "E allora ce lo dica , Neumann, perché oggi siamo qui a Döllnsee?" Neumann, riservatamente, finge di non sapere.
    Berlino-Friedrichshain, verso le 21:00
    Il giovane Brite Adam Kellett-Long compra alla Ostbahnhof una prima edizione del " Neuen Deutschland " del giorno successivo. Il giovane corrispondente dell'agenzia britannica Reuters, l'unica agenzia occidentale con un ufficio a Berlino Est, sta cercando sulla stampa orientale del materiale per il suo prossimo rapporto sulla situazione a Berlino. Ma non trova pubblicato niente di straordinario.
    Döllnsee, verso le 21:30
    Dopo la cena del Consiglio dei Ministri, improvvisamente Walter Ulbricht dichiara: "Bene, ora avremo un'altra seduta". Visto che si sono riuniti più di 20 ministri, il capo del partito comunista aspetta una decisione definitiva, che tutti devono approvare. La proposta del debole Governo Ulbricht dovrà essere accettata senza nessun voto contrario, come una "propria" decisione.
    Contemporaneamente a Berlino-Pankow
    Erich Honecker, è sulla strada per il quartier generale della polizia di Berlino Est, dove ha convocato per la tarda serata i membri del suo staff personale.
    Röntgental verso le 22:00
    Dopo quasi dodici ore di servizio sull' "anello intorno a Berlino", Rudi Thurow torna nel suo alloggio. L'ufficiale non deve segnalare nessun "evento speciale", non è successo niente. La situazione sembra normale.
    Berlin-Mitte, un po'più tardi
    Il Ministro degli Interni DDR Karl Maron prepara i primi ordini per la chiusura degli attuali confini. Visto che gli ordini di interrompere le linee della S-Bahn da Berlino Ovest fino alla campagna, in alcuni casi avranno effetto fino a 83 km di distanza, i responsabili delle stazioni dovranno essere informati già alle 22.30.
    Berlin-Mitte, alle 22:30
    Il personale operativo di Erich Honecker da l'ordine al quartier generale della polizia di Berlino Est. L’ora "X" è il 13 Agosto alle ore 01:00 di mattina.
    Berlino-Friedrichshain, ore 23:00
    Manfred Migdal, di 18 anni, nota vicino alla strada per Varsavia una lunga fila di camion con teloni chiusi. Resta sorpreso, perché, da quando nel novembre del 1960 è fuggito dalla Repubblica Democratica Tedesca, ha una Carta di identità di Berlino Ovest, si sente al sicuro e va a casa di sua madre, che vive ancora a Berlino est.
    Röntgental, ore 23:30
    Il Tenente Wirtz, Comandante in capo della 1° Compagnia di Brigata, arriva ad un appuntamento organizzato in fretta presso la sede locale delle forze armate sovietiche. Un rappresentante del Ministero degli Interni DDR anticipa agli agenti della polizia di frontiera in servizio, che tra mezz’ora sarà dato il segnale di allerta combattimento.
                                                    Domenica 13 Agosto
    In tutta la DDR, ore 00:00
    Sirene in tutte le caserme dell'esercito nazionale e della polizia di frontiera annunciano l '”allarme combattimento!”
    Röntgental, ore 00:01
    Un urlo di sirena ripetuto tre volte strappa Rudi Thurow dal sonno. Il sergente sembra perplesso e guarda il suo orologio da tasca: Ancora un'altra esercitazione antincendio? Il ventitreenne salta dal letto come i suoi tre compagni di camera e si veste.
    Contemporaneamente Berlino-Dahlem
    A casa di George Muller, un dipendente della missione degli Stati Uniti, squilla il telefono. Heinrich Albertz, il capo della Cancelleria del Senato di Berlino Ovest avverte: "Qualcosa di strano sta accadendo ci sono più treni che vanno da ovest verso est che da est verso ovest."
    Berlino-Prenzlauer Berg, un po’ più tardi
    Adam Kellett-Long è seduto nel suo ufficio nella Schönhauser Allee. Anche se è stanco, decide di aspettare le notizie della Radio di Berlino Est.
    Contemporaneamente a Babelsberg
    Il tenente colonnello David Morgan della Missione U. S.A. di collegamento con le forze armate sovietiche a Potsdam sente il rombo di carri armati per tutta la notte.
    Röntgental, ore 00:20
    Nell’ufficio del Comando di compagnia si raccolgono ufficiali e sottufficiali del 4° Dipartimento della 1° Brigata dei Vigili di confine, che include Rudi Thurow. Il tenente Witz fa un breve comunicato politico: "Per troppo tempo abbiamo tollerato che una centrale di trafficanti imperialisti venisse a rubarci i migliori lavoratori. Ora verranno prese le opportune misure contro questi comportamenti."
    Washington DC, ore 18:26 ( 0:26 Ora di Berlino)
    Il segretario di Stato americano Dean Rusk invia un telegramma urgente all'ambasciatore Walter C. Dowling a Bonn. Rusk è preoccupato per una "esplosione come nel 1953" e chiede a Dowling, di parlarne con il cancelliere Konrad Adenauer nel più breve tempo possibile.
    Röntgental, ore 00:30
    La prima Brigata di frontiera deve chiudere a nord il raccordo intorno a Berlino e garantire che entro le prossime dodici ore nessun cittadino DDR entri a Berlino senza autorizzazione. Rudi Thurow è impegnato con i suoi uomini alla stazione Bernau.
    Berlino-Prenzlauer Berg, ore 00:55
    Nell'ufficio di Adam Kellett-Long, il telefono squilla. Una voce maschile dice: "Piccolo suggerimento: Questa notte non vada a dormire" Subito dopo l’inglese accende la radio di Berlino Est, ma niente di straordinario nelle notizie riportate.
    Berlin-Mitte, ore 01:05
    Improvvisamente si spengono tutte le luci, che di solito illuminano a giorno la Porta di Brandeburgo. Si possono solo scorgere dei convogli che procedono in direzione ovest attraverso i luoghi simbolo della città, ormai divisa da tanto tempo. Dopo un po’ si fermano. Figure in divisa si intravedono in mezzo a grandi ombre scure.
    Berlin-Mitte, ore 01:11
    La Radio di Berlino Est interrompe i suoi programmi con un messaggio speciale: "I governi del Patto di Varsavia, si rivolgono alla Camera del popolo e al governo della DDR con la proposta di approvare un ordine che regoli il confine con Berlino Ovest, che protegga i paesi socialisti contro le attività sovversive circondando tutta la zona di Berlino Ovest per dare garanzia di sicurezza".
    Contemporaneamente a Berlino-Prenzlauer Berg
    Adam Kellett-Long vede che i telex ADN battono un lungo messaggio. Il corrispondente traduce immediatamente i passaggi più importanti e li trasmette a Londra. Poi lascia il suo ufficio per andare a farsi un'idea della situazione fuori.
    Berlino-Wedding, verso le 01:25
    L'operaio pittore Jürgen Franke scende con due amici lungo la Brunnenstraße. Sono stati al cinema nella parte occidentale di Berlino. All’altezza di Bernauer Strasse si spegne l’illuminazione, uomini in divisa stanno tutto intorno. C’è del filo spinato lungo la strada, solo una stretta fessura è ancora aperta. I tre giovani chiedono ai soldati: "A che serve questa roba ?", ma non ottengono risposta. Senza essere controllati, passano oltre i soldati e tornano a casa loro, a Berlino Est.
    Sul confine dei Settori, ore 01:30
    Uomini della polizia di frontiera e anti-sommossa hanno occupato gli 82 posti di blocco finora posti lungo il confine ufficiale di settore urbano. Cominciano a bloccare le strade con il filo spinato.
    Berlin-Mitte, ore 01:40
    Con un breve ritardo viene messo in allarme il personale operativo di Erich Honecker, i "gruppi di combattimento della classe operaia", l'esercito paramilitare per la guerra civile del partito comunista SED.
    Contemporaneamente a Berlino
    I treni speciali della S-Bahn sono in viaggio verso le loro destinazioni. Gli operai a bordo hanno il compito di rendere inoperativi il più presto possibile i collegamenti transfrontalieri su rotaia.
    Berlin-Mitte, ore 01:45
    Adam Kellett-Long guida la sua auto sulla Leipziger Straße verso Potsdamer Platz. Ma molto prima di raggiungere il confine del settore si ferma. Un uomo in divisa con una lampada rossa è fermo sulla strada e informa il giornalista inglese: "Il confine è chiuso"
    Berlino-Tempelhof, ore 01:54
    Nel presidio di polizia di Berlino Ovest, il commissario Hermann Beck, ufficiale in servizio alla stazione scrive una nota " La stazione di polizia Spandau ha informato che il treno da Richtung Staaken verso Berlino è stato ricondotto in territorio sovietico".
    Berlino, ore 02:00
    Su tutte le linee S-Bahn il traffico ferroviario è stato riprogrammato. Ovunque tranne che sulla metropolitana leggera e nel tunnel nord-sud, i binari che attraversano il confine saranno smantellati.
    Berlino-Pankow, ore 02:07
    La seconda compagnia di gruppi locali di miliziani presenta la sua disponibilità operativa al VEB Bergmann-Borsig, la più grande azienda industriale direttamente sul confine.
    Berlino-Dahlem, intorno alle ore 02:30
    L'ufficiale in servizio nel Quartiere Generale statunitense sveglia per telefono Richard Smyser, 30 anni, dipendente civile della missione degli Stati Uniti: "È successo qualcosa!" Dovrebbe alzarsi e guardarsi intorno. Smyser prende la sua Mercedes decappottabile.
    Contemporaneamente a Berlino-Tempelhof
    Dal centro di controllo della sede di polizia il Vicario di Willy Brandt fa saltare giù dal letto il sindaco di Berlino Ovest, Franz Amrehn (CDU) . Amrehn tenta inizialmente senza successo di raggiungere Brandt al telefono. Poi chiama il ministro per gli Affari tedeschi Ernst Lemmer (CDU), a Bonn.
    Berlin-Mitte, verso le 02:35
    Alla Porta di Brandeburgo arrivano i primi giornalisti, tra cui una troupe televisiva. Hanno sentito parlare di un messaggio speciale della radio della DDR.
    Berlino-Tempelhof, verso le 02:40
    Il centro di controllo della questura riceve un’informazione da Dietrich Spangenberg (SPD) , uomo di fiducia di Willy Brandt. Ma si apprende solo che il sindaco sta viaggiando sul treno da Norimberga a Kiel. Quindi sulla linea Berlino-Dahlem. Uno squillo del telefono sveglia il portavoce americano Allan Lightner nella residenza ufficiale della missione degli Stati Uniti. Un collaboratore dice al suo staff che lungo la linea di confine stanno accadendo cose insolite. Quindi il più alto responsabile civile USA che si trova in città: "Svegliatemi, quando saprete abbastanza!" Poi si riaddormenta.
    Vicino a Kassel, verso le 03:15
    Dietrich Spangenberg raggiunge il capo di una stazioncina di transito e lo convince a trattenere il treno notturno per Kiel. Informa uno stupito funzionario delle ferrovie che oltre ai normali vagoni viaggia anche una carrozza Wagon-lit, sulla quale si dovrà svegliare Willy Brandt e chiedergli di venire a Berlino il più presto possibile.
    Berlino-Schöneberg, ore 03:24
    Dalla telescrivente, a fianco del RIAS-Studio, arriva un messaggio urgente per l'agenzia United Press. Il redattore in servizio sospende immediatamente la musica di intrattenimento e annuncia: "Alcune brigate della Polizia comunista nella notte di Domenica hanno isolato le zone di confine tra Berlino Est e Berlino Ovest".
    Berlin-Neukölln, ore 03:25
    I poliziotti della Polizia di Berlino Ovest del quartiere di Neukölln indirizzano i passanti direttamente sulla Elsenstraße con dei cartelli che indicano i confini del settore. Da altre parti i poliziotti bloccano le strade che finora erano aperte con filo spinato.
    Berlino-Dahlem, ore 03:30
    Il funzionario della CIA John Kenney ha saputo dal RIAS dalla chiusura del confine, e si precipita nell’edificio dei servizi segreti USA. Lì tutto è tranquillo.
    Contemporaneamente allo Zoo di Berlino
    Con la sua decappottabile Richard Smyser raggiunge Potsdamer Platz. Il cielo sopra Berlino comincia a schiarire, quando il giovane diplomatico inizia una discussione con alcuni poliziotti, che gli bloccano la strada. Dopo qualche minuto Smyser capisce che gli uomini in divisa lo lasceranno andare a Berlino est. Il filo spinato della Leipziger Strasse per un momento viene rimosso.
    Frankfurt / Main, ore 03:37
    La redazione tedesca della agenzia di stampa Associated Press invia un messaggio prioritario: "Berlino - Porta di Brandeburgo chiuso".
    Berlin-Neukölln, verso le 03:40
    Due raid della polizia di Berlino Ovest arrivano fino a quello che era il checkpoint Sonnenallee. Circa 50 uomini armati, completamente equipaggiati sono davanti ai poliziotti, hanno spostato i rotoli di filo spinato lungo la strada e hanno iniziato a scavare delle buche per i pali di cemento su tutti e due i lati del checkpoint.
    Vicino a Kassel, verso le 03:45
    Un responsabile della stazione bussa timidamente alla porta dello scompartimento di Willy Brandt nel vagone speciale per Kiel e lo informa che a Berlino hanno cominciato a mettere delle barriere sul confine. Il sindaco decide di continuare in treno fino a Hannover, là scendere e la mattina dopo continuare per Berlino Ovest.
    Contemporaneamente a Berlin-Mitte
    Nella stazione Friedrichstrasse Monica Flindt e il suo amico Walter devono scendere dalla S-Bahn. I due berlinesi occidentali sono stati ad una festa a Köpenick e ora vogliono tornare a casa. Ma oggi il capolinea sta in centro città, e di fronte a loro ci sono i soldati con le mitragliatrici. I passeggeri devono farsi identificare.
    Berlino, confine del settore, verso le ore 4:00
    Sono passate tre ore dall’ "ora zero" e, come previsto, le zone più impervie sul confine urbano sono bloccate con il filo spinato.
    Contemporaneamente a Hennigsdorf
    I Ferrovieri che smantellano i binari della linea per Heiligensee con pesanti martelli, sentono arrivare dalla zona ovest dei cori di maledizioni.
    Contemporaneamente a Bernau vicino a Berlino
    Alla stazione ferroviaria arrivano i primi pendolari che devono andare a Berlino Ovest per il primo turno di lavoro. Rudi Thurow e i suoi soldati li fanno scendere dai treni e rudemente informano che il confine con Berlino Ovest è chiuso. Gli uomini dovevano prendere servizio nella DDR. Per questo un lavoratore chiede che li lascino passare: "Sii uomo!" gli dice. Ma Thurow è irremovibile.
    Berlin-Treptow, verso le 04:05
    Vicino al monumento ai caduti sovietici si sentono degli spari. Immediatamente la Polizia manda una pattuglia in ispezione a Treptow , per informare " una zona anche più grande ".
    Berlin-Mitte, verso le 04:15
    Al Sandkrugbrücke Monika Flindt e il suo amico Walter incontrano nuovamente gli uomini in divisa del posto DDR di controllo. Ancora una volta, sono controllati, i soldati danno a Monika la sensazione di una estrema insicurezza. Mentre i due lasciano Berlino Occidentale i militari danno alla ragazza qualche buon consiglio prima che salti sopra il filo spinato arrotolato: "Stia attenta a non strappare le calze di nylon, signorina !"
    Berlin-Mitte, verso le 04:45
    Il reparto di polizia DDR responsabile della sicurezza delle stazioni ferroviarie, informa la Questura, che alla stazione di Friedrichstrasse si stanno formando degli"assembramenti" tra i passeggeri che hanno fatto scendere dai treni ed ora discutono insieme su perché hanno bloccato i treni.
    Berlin-Mitte, ore 05:00
    Il checkpoint alla Porta di Brandeburgo riferisce: "Tre civili sul lato occidentale cantano la canzone, ‘Fratelli al sole della libertà’ accompagnandola con degli sberleffi".
    Contemporaneamente a Hannover
    Willy Brandt ed i suoi più stretti collaboratori lasciano il treno alla stazione centrale e si avviano il più velocemente possibile verso l'aeroporto di Hannover per prendere il primo aereo per Berlino.
    Contemporaneamente allo Zoo di Berlino
    Alla stazione di Lehrterstrasse passa un S-Bahn in direzione orientale, il primo dopo quasi cinque ore. A bordo si trovano esclusivamente berlinesi occidentali, che hanno dovuto aspettare da poco dopo mezzanotte.
    Berlino, ore 05:30
    Gruppi di agitazione del partito comunista SED, sono pronti a "spiegare” ai berlinesi le azioni del governo in ben 28 delle stazioni ferroviarie principali. Ma sono ancora in attesa di ricevere i volantini che devono arrivare da Strausberg.
    Contemporaneamente a Bernau
    Il Caporale Rudi Thurow ogni mezz'ora si mette a rapporto telefonico sulla situazione di Röntgental. Questa volta racconta: "C’è una sommossa, e molti sono scontenti."
    Berlin-Lichtenberg, ore 05:45
    Alla stazione di Lichtenberg arrivano i volantini, che dovrebbero spiegare ai cittadini le ragioni per la chiusura dei confini della DDR.
    Bonn, poco dopo le 06:00
    Franz Amrehn riesce a parlare al telefono con il Segretario di Stato presso la Cancelleria, Hans Globke.
    Berlino-Dahlem, ore 06:00
    Allan Lightner è svegliato per la seconda volta dal campanello. Un collaboratore conferma che i soldati della polizia di frontiera DDR e l'esercito nazionale del popolo, hanno barricato i confini tra i settori di Berlino.
    Contemporaneamente a Berlino
    Ursula Brendler è stata insolitamente svegliata presto dalla madre. La ragazza di 18 anni questa Domenica vuole fare con un giro in bicicletta con la sua amica Baerbel, attraversando lo Zoo. Ma sua madre le dice eccitata: «Alla radio dicono che il confine è stato rinforzato! Fermatevi prima di arrivare alla Porta di Brandeburgo!"
    Contemporaneamente a Bernau
    Le guardie di frontiera della 1° Brigata di confine sulla ferrovia S-Bahn Bernau ricevono assistenza. Trenta uomini dei Gruppi di combattimento e le ragazze con la camicia FDJ delle giovani comuniste, si mescolano con la gente per "spiegare" la chiusura delle frontiere.
    Washington DC, mezzanotte ora locale (ore 06:00 a Berlino)
    La centrale del Dipartimento di Stato raggiunge al telefono il funzionario in servizio nella task force di Berlino, John Ausland: "A Berlino, c’è qualche cosa che non va sul confine, ma noi non sappiamo esattamente che cosa." Ausland decide di andare a letto.
    Contemporaneamente a Berlino-Dahlem
    Dopo due ore buone passate a perlustrare Berlino Est, Richard Smyser ritorna nella missione degli Stati Uniti. Ha lasciato Berlino Est attraverso la Porta di Brandeburgo, dove ci sono innumerevoli uomini in divisa, ma nessuna barricata. Deve farsi identificare come ufficiale dell’esercito U. S.A., per riuscire a passare.
    Berlino-Wedding, ore 06:05
    All’incrocio Brunnen-Bernauer Strasse circa 40 Berlinesi orientali offesi protestano contro la barriera.
    Contemporaneamente a Bonn
    Ernst Lemmer telefona a Hans Globke. Il ministro per gli Affari tedeschi dice di temere una rivolta popolare, come il 17 Giugno 1953.
    Berlino-Dahlem, intorno alle 6:30
    Allan Lightner si lascia guidare in centro-città dove vede che le strade sono bloccate con  filo spinato.
    Contemporaneamente allo Zoo di Berlino
    Il capo della Polizia di Berlino Ovest Johannes Stumm si sta valutando la situazione alla Porta di Brandeburgo.
    Contemporaneamente a Berlin-Mitte
    Tra le stazioni di Friedrichstrasse e Berlino Ovest viaggiano di nuovo dei treni navetta per il traffico dei pendolari. Tuttavia, il marciapiede dove si fermano i treni è rigorosamente delimitato; solo i Berlinesi occidentali ed i tedeschi-occidentali che si fanno identificare, possono entrare.
    Rhöndorf, poco prima delle 07:00
    Il Segretario di Stato Globke raggiunge Resi Schlief, la governante di Konrad Adenauerche in un primo momento si rifiuta di svegliare il vecchio cancelliere ( 85 anni), ma poi lo informa.
    Berlino-Prenzlauer Berg, ore 07:00
    Un'ispezione locale della polizia riferisce: "Agitatori del Partito danno spiegazioni alla popolazione. Il morale della Polizia è alto ...."
    Rhöndorf, pochi minuti dopo
    Konrad Adenauer telefona al ministro Lemmer. Il Cancelliere si dichiara preoccupato di apprendere di una rivolta nella DDR. Lemmer tranquillizza Adenauer informandolo che nel più breve tempo possibile volerà a Berlino Ovest.
    Contemporaneamente a Berlin-Neukölln
    Un vicino suona alla casa di pietra della famiglia Jandek nella Laubenkolonie "Helmutstal" :"Venga fuori a vedere, la DDR ha chiuso il confine e sua figlia è ancora in Oriente!"
    Berlino-Lichtenrade, ore 07:30
    Monika Flindt apre la porta di casa dei suoi genitori. Suo padre era preoccupato, perché non era ancora tornata a casa entro mezzanotte, come al solito. "Da dove vieni?", urla da lontano. Monica gli racconta che il confine del settore a Berlino Ovest è stato chiuso, ma suo padre non la crede: "Non potevi trovarla un’altra scusa migliore?"
    Berlino-Dahlem, verso le otto
    Allan Lightner invia un messaggio crittografato al Dipartimento di Stato, con copia alla ambasciata americana di Bonn.
    Contemporaneamente a Glienicke Nord
    Paul Rainer Meier sveglia il figlio: "Hanno chiuso il confine!" Padre e figlio si alzano immediatamente per correre alla piccola fabbrica di cemento della famiglia, che si trova solo pochi metri oltre il confine.
    Berlino-Tempelhof, verso le 08:15
    Con il primo volo regolare da Hannover Willy Brandt arriva a Tempelhof. Heinrich Albertz e John Francis Amrehn lo attendono in silenzio.
    Berlino-Rudow, verso le 8:30
    Un treno GIS porta rinforzi per le guardie della stazione radar USA nella parte sud-orientale di Berlino Ovest. A quanto pare si aspettano che i DDR o i sovietici li attacchino per sottrarre i loro documenti segreti e le attrezzature tecniche.
    Glienicke Nord, verso le 08:45
    Paul e Meier Rainer si trovano davanti ad una catena che divide il confine. Gli uomini in divisa si rifiutano di lasciarli arrivare fino alla loro fabbrica. Per prima cosa spiega il padre di Meier, dobbiamo assolutamente bagnare i blocchi di cemento fatti ieri, altrimenti andiamo in rovina…. semmai fateci accompagnare da un ufficiale - o due uomini di scorta.
    Lo Zoo di Berlino, ore 08:55
    Willy Brandt e Franz Amrehn arrivano a Potsdamer Platz. Pochi minuti dopo sono alla Porta di Brandeburgo.
    Berlino-Schöneberg, verso le 09:15
    Il Senato di Berlino Ovest si riunisce in sessione straordinaria nella sala del Municipio di Schöneberg. Per la sera, il Senato convoca anche una sessione straordinaria della Camera dei Rappresentanti.
    Berlin-Mitte, ore 09:30
    Contro la volontà della madre Ursula Brendler e la sua amica Bärbel sono andate alla Porta di Brandeburgo. Però davanti a Pariser Platz devono fermarsi. Ursula vede degli uomini in divisa che sul lato est della Porta srotolano del filo spinato. Chiede a uno degli uomini: "Ma che state facendo qui?" La risposta: "Stiamo costruendo il confine!"
    Contemporaneamente a Berlin-Mitte
    Il Comando di Polizia fa una prima valutazione sul personale operativo. L'impiego della polizia di frontiera è andato secondo i piani. Insoddisfacente, al contrario l’impiego dei gruppi miliziani, dei quali dopo otto ore dall'allarme solo un quinto è in attività.
    Berlino-Dahlem, ore 10:00
    I tre comandanti della zona occidentale si incontrano presso la sede, per discutere la situazione. Decidono di informare i loro governi e comunque di non fare nient’altro.
    Washington DC, ore 04:00 (ore 10:00 a Berlino)
    Ancora una volta John Ausland del Dipartimento di Stato viene svegliato. Nel frattempo, è stato ricevuto un rapporto da Berlino, che contiene la parola in codice per informare immediatamente il presidente. Ausland si avvia verso il suo ufficio.
    Berlino-Friedrichshain, verso le 10:30
    Con la sua carta d'identità di Berlinese occidentale Manfred Migdal dall’Oberbaumbrücke cerca di raggiungere Kreuzberg. Ma un ufficiale glielo vieta. Migdal deve andare in questura per ottenere un lasciapassare.
    Contemporaneamente a Rhöndorf
    Dopo una lunga conversazione Konrad Adenauer riceve il senatore americano Thomas J. Dodd. Nel colloquio Adenauer condivide la linea del governo federale: come ordine del giorno si deve combinare calma e fermezza nei rapporti con l'altra parte.
    Berlino-Johannisthal, un po’ più tardi
    Manfred Wenzel, di 24 anni, apprende dopo la Messa che il confine sarebbe stato chiuso. Il fedele cristiano decide di fuggire immediatamente; la moglie incinta e il figlioletto lo raggiungeranno in seguito.
    Berlino-Schöneberg, verso le 11:00
    Alla fine della sessione speciale del senato Egon Bahr, l'addetto stampa del Senato, emette un comunicato. Dice: " Il Senato di Berlino porta a conoscenza di tutto il mondo le misure illegali e disumane messe in atto nella Germania divisa, l'oppressore di Berlino Est e la minaccia a Berlino Ovest. La chiusura della zona e dei settori sovietici di Berlino Ovest, vuol dire che al centro di Berlino sarà costruita una barriera per delimitare un campo di concentramento. "
    Contemporaneamente a Berlin-Mitte
    Con alcuni amici di Berlino Est Manfred Migdal scende dal treno alla stazione di Friedrichstrasse e va all'intersezione Unter den Linden / Friedrichstraße. Là arrivano altri giovani ma non vanno oltre, perché un cordone blocca la strada. Improvvisamente piovono sassi sugli uomini in divisa, Manfred Migdal vede che la situazione è troppo pericolosa. Si avvia a piedi alla sede della polizia.
    Lo Zoo di Berlino, ore 11:30
    Come migliaia di altri Berlinesi occidentali anche Wilfried Mommert arriva alla Porta di Brandeburgo. Il ragazzo di 16 anni è sconvolto e si unisce ai cori: " Via il filo spinato" indirizzati direttamente alle guardie di frontiera a cui grida: "Vergognatevi"
    Contemporaneamente a Berlino-Dahlem
    Willy Brandt si riunisce con i Comandanti occidentali nella base alleata di Kaiserswertherstrasse. Questa è l'unica volta che Brandt entra in questo edificio.
    Berlin-Treptow, verso le 11,45
    Nella Elsenstraße direttamente sul confine si sono radunati circa 1.500 berlinesi dell'est che vogliono andare in Occidente. Gli ufficiali sono sul posto per chiedere l’uso dei carri armati.
    Berlin-Mitte, a mezzogiorno
    Manfred Migdal arriva al quartier generale della polizia. Richiede un lasciapassare, presenta la sua carta d'identità di Berlino Ovest e deve aspettare. Lo avrebbero chiamato.
    Berlin-Lichtenberg, ore 12:30
    Una spia di Berlino Ovest racconta al quartier generale della Stasi che negli uffici delle compagnie aeree occidentali aperte di domenica sono stati richiesti molti biglietti aerei. Pan Am e British Airways hanno in programma di mettere anche voli extra.
    Berlino-Kreuzberg, ore 12:37
    Una ispezione riferisce al quartier generale della polizia di Berlino Ovest che la situazione è impraticabile sulla Friedrichstrasse e sul Oberbaumbrücke al confine tra Friedrichshain e Mitte
    Lo Zoo di Berlino, verso le 12:45
    I Poliziotti di Berlino ovest devono respingere i propri cittadini sul lato occidentale della Porta di Brandeburgo per evitare violenze nei confronti delle guardie DDR.
    Berlino-Prenzlauer Berg, verso le 13:00
    Claus Böttcher procede con il suo scooter sulla Eberswalderstrasse verso il confine e fa delle foto con le immagini della recinzione.
    Berlin-Mitte, ore 13:10
    Alla Porta di Brandeburgo arrivano i carri armati della 8° Divisione motorizzata. Anche sul Oberbaumbrücke si posizionano dei carri armati in stato di allerta.
    Berlino-Prenzlauer Berg, alle 13:30
    Improvvisamente Claus Böttcher si trova circondato da uomini in divisa. È portato al distretto di Eberswalderstrasse e lì lo interrogano.
    Berlin-Mitte, ore 13:40
    Su Bethaniendamm c'è una disputa tra la polizia di frontiera e un gruppo di cittadini di Berlino Ovest. Gli uomini in divisa scacciano con le baionette i manifestanti dal territorio di Berlino est.
    Londra, ore 12:45 ora locale
    L'Ufficio di Gabinetto del primo ministro Harold Macmillan informa sulla situazione a Berlino. Il Primo Ministro britannico decide di continuare il suo week-end di caccia, come previsto.
    Berlin-Treptow, nel pomeriggio
    Jandek Monika e sua sorella fanno molti viaggi con un passeggino per portare le cose di casa da Prenzlauer Berg, verso il confine. Vogliono portare con se il più possibile se devono lasciare la DDR.
    Berlin-Mitte, ore 15:00
    Dopo ore di attesa Manfred Migdal viene chiamato. Un ufficiale di polizia DDR gli chiede: "Che cosa hai fatto a Friedrichshain?" Migdal rispose che aveva visitato la madre. "E tu sei di Berlino Ovest?" Migdal conferma. Improvvisamente il poliziotto lo apostrofa: "No, tu non sei di Berlino Ovest, tu sei, e resti, un tedesco orientale." Migdal viene condotto via.
    Contemporaneamente a Berlino-Prenzlauer Berg
    Con un camion Claus Böttcher e molte altre persone arrestate vengono portate a Senefelderplatz per un'ispezione di polizia. Seguiranno altri interrogatori.
    Hyannis Port, ore 10:00 (ore 16:00 a Berlino)
    John F. Kennedy e Jackie vanno a Messa con i loro figli. Poi vogliono prendere lo yacht e fare un giro in mare. Ovviamente neanche il presidente sa nulla circa gli eventi di Berlino.
    Berlino-Friedrichshain, nel pomeriggio
    Nell’ufficio anticrisi del Partito Comunista orientale, uno degli ultimi ancora operativi a Berlino Est, si incontrano una ventina di attivisti. Benché sia chiaro che la pressione del partito sarà crescente di ora in ora, i membri del partito non si pronunciano. La Stasi deve avere ancora almeno un paio di spie in gioco.
    Hyannis Port, ore 11:30 (ore 17:30 a Berlino)
    I Kennedy hanno appena raggiunto il loro cabinato "Marlin", quando dalla Casa Bianca arriva un messaggio urgente sulla chiusura delle frontiere a Berlino. Immediatamente dall’imbarcazione viene chiamato via radio il personale di sicurezza dei servizi segreti, per dare informazioni a Kennedy. Il Presidente si mette in comunicazione con il segretario di Stato Dean Rusk e concorda con lui un primo commento del governo degli Stati Uniti. Poi decide di continuare la gita in barca. Ed il “Marlin" prosegue tranquillo per cinque ore.
    Berlino-Schöneberg, ore 18:30
    La Camera dei Rappresentanti di Berlino Ovest si riunisce in sessione speciale. Willy Brandt tiene un discorso molto emozionante: "Quello che ha decretato il regime di Ulbricht, su richiesta dei paesi del Patto di Varsavia, e le misure adottate per l’isolamento della zona sovietica e del settore sovietico di Berlino Ovest sono un’oltraggiosa ingiustizia".
    Il sindaco trova parole chiare. "In verità il regime comunista nelle ultime 48 ore ha ammesso che è esso stesso il colpevole dell'esodo dei tedeschi orientali verso la Germania occidentale. Una cricca che si definisce governo sta tentando di tenere la sua propria popolazione imprigionata. I piloni di cemento, il filo spinato, la striscia della morte, le torri di guardia e le mitragliatrici queste sono caratteristiche di un campo di concentramento ".
    Washington, DC, ore 12:30
    Del Dipartimento di Stato Dean Rusk, rilascia una dichiarazione sugli eventi in cui critica duramente il blocco sovietico: "La affermazione che il comunismo vuole solo una competizione pacifica, è una bugia smascherata; se il comunismo è la forza trainante del futuro, i profughi, dei quali circa la metà hanno meno di 25 anni, hanno scelto da quale parte stare. " Il Segretario di Stato USA non annuncia concrete contromisure.
    Berlino-Dahlem, ore 19:00
    Allan Lightner invia un telegramma a Washington DC in cui chiede istruzioni dal governo.
    Berlino-Johannisthal, verso le 19:30
    Dopo ore di attesa sulle rive del Teltowkanal Manfred Wenzel trova la forza per cercare di scappare. Ha con sé i documenti e i vestiti puliti impacchettati con un foglio impermeabile. Due sentinelle DDR dallo Stubenrauchbrücke non lo vedono.
    Pullach nei pressi di Monaco, la sera
    Un informatore a Berlino Est segnala alla sede del partito comunista " L’atmosfera della vittoria è come mai prima."
    Berlin-Mitte, a tarda notte
    Completamente esausto Heinz Kube arriva al Municipio Rosso. Come membro del "gruppo tattico" ha resistito per più di dodici ore nei pressi della Porta di Brandeburgo sempre in primo piano. Ora si concede poche ore di sonno sul nudo pavimento della sala del Municipio di Berlino Est.

    Articolo pubblicato il 2011/08/08   Sven Felix Kellerhoff

    Note:

    L’autore ha rielaborato questa rassegna stampa in ricordo del cinquantenario della costruzione del Muro di Berlino. La traduzione in italiano giunge con un certo ritardo ma vogliamo comunque pubblicarla, oltre che per l’interesse storico e la tragicità degli eventi, anche per il ritmo incalzante del racconto. Una serie di flash che raccontano fatti di poca importanza si intrecciano e si amalgamano fino a rendere chiara la visione storica di quanto, in un tempo brevissimo, ha cambiato la vita di milioni di persone. Ognuno degli attori senza rendersene conto ha vissuto uno dei momenti che hanno cambiato il mondo. Così come avviene sempre del resto. Come avvenne in pochi minuti l’11. Settembre 2001, come è avvenuto quest’anno nei giorni di ferragosto, quando televisioni e giornali parlavano delle Borse di tutto il mondo e benché quasi nessuno era direttamente coinvolto con crolli di titoli e debito pubblico deprezzato, vivevamo un momento in cui si riallineavano gli equilibri della finanza mondiale, ancora una volta, senza rendercene conto.

    Tradotto da Ernesto Celestini per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies