Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Le notizie degli ultimi giorni rendono evidente che in Iraq vi è un'occupazione militare di un paese sovrano.

15 aprile 2004 - FORUM CONTRO LA GUERRA
Fonte: WWW.FORUMCONTROLAGUERRA.ORG

COMUNICATO STAMPA

L'Italia è in guerra. Partecipa, contro l'art. 11 della Costituzione
italiana, a tale occupazione. Solo negli ultimi giorni i morti e feriti
iracheni sono stati migliaia: morti e feriti anche a Nassyria, per mano dei
soldati italiani e sotto gli ordini del comando americano.

Non è più rinviabile la richiesta di ritiro immediato del contingente
italiano. Lo chiede il movimento pacifista, lo chiedono importanti
organizzazioni sindacali, politiche, religiose. Lo chiede l'art. 11 della
Costituzione italiana: il Capo dello Stato ha il dovere morale e
istituzionale di far rispettare il dettato costituzionale.

Il FORUM CONTRO LA GUERRA aderisce a tutte le manifestazioni che si
svolgerenno nei prossimi giorni per chiedere:

Ø La fine immediata di ogni repressione del popolo iracheno;

Ø Il ritiro immediato del contingente italiano;

Ø La riconsegna dell'Iraq agli iracheni.

Il 25 Aprile sarà l'anniversario della Liberazione dell'Italia dalle truppe
di occupazione naziste. Una giornata nella quale l'intero movimento
pacifista, insieme alle organizzazioni dei partigiani d'Italia, scenderà in
piazza per chiedere il ritiro immediato del contingente Italiano e il
rispetto della Costituzione italiana, nata dalla lotta antifascista.

Il 17 aprile vi sarà a Brescia, oltre a una manifestazione contro la
guerra, un'assemblea nazionale per dare continuità alle iniziative che
chiedono la chiusura delle basi militari americane e NATO in Italia.
Crediamo sia importante la piena riuscita di questa iniziativa, soprattutto
in risposta ai tentativi di internazionalizzare l'occupazione dell'Iraq,
magari facendola gestire direttamente alla NATO, come sembrano auspicare
alcuni settori dell'amministrazione Bush. Le stesse dichiarazioni di alcuni
esponenti dell'opposizione sulla disponibilità ad accettare l'occupazione
dell'Iraq sotto l'egida dell'ONU e con la partecipazione diretta della NATO
impongono al movimento pacifista la ripresa delle iniziative contro la
guerra e per la messa in discussione della NATO e dei vincoli di
subalternità che legano l'Italia alla politica di guerra del governo USA.

Ce lo impone la Costituzione italiana, ce lo chiede il popolo iracheno.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies