Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Privatizzazione dell'acqua: indignazione del Comitato Italiano per un contratto mondiale sull’acqua

    Enorme preoccupazione per ciò che sta succedendo al Parlamento nel dibattito sulla finanziaria
    18 dicembre 2002 - Comitato italiano per un contratto mondiale sull’acqua

    Non disponiamo d’altro, solo di un computer, e di un comunicato stampa, ed è poco, troppo poco per comunicare ai cittadini del nostro paese, ai movimenti, alla società civile, l’enorme preoccupazione ed indignazione che ci attanaglia per ciò che sta succedendo al parlamento nel corso del dibattito sulla finanziaria.
    Dove con un emendamento all’art.113 del testo unico, presentato dagli On. Bassanini, Morando e Amato dei DS, se approvato costringerà in un solo colpo tutti comuni d’Italia a privatizzare i propri acquedotti andando, senza passaggi transitori alcuno, direttamente alle gare d’appalto.
    Un durissimo colpo, una scelta ideologica, che stronca il dibattito e le iniziative in corso nelle realtà locali, comunali e regionali di tutto il paese e dello stesso centro sinistra.
    Era già successo la scorsa settimana. Allora i presentatori furono trasversalmente gli On. Tabacci, Grillo e Bassanini, rispettivamente CDU, Forza Italia, DS.
    Furono costretti al ritiro per le proteste scoppiate sia nel centro destra che nella sinistra. Oggi ci riprovano da soli alcuni DS. Presentandosi così al paese come i campioni senza ripensamenti e senza titubanze delle privatizzazioni, nonostante si sia avviato anche in Italia un dibattito sui vantaggi di questa opzione. Campioni che non arretrano di fronte a nulla, nemmeno al sacrosanto principio dell’acqua diritto umano e bene comune.
    Eppure anche all’interno dell’ONU dopo la vergogna di Johannesburg ci sono stati i primi segnali di un ripensamento. Il Comitato di esperti sui diritti economici, culturali e sociali delle Nazioni Unite ha sancito, in un suo Rapporto pubblicato a Ginevra a fine novembre che “l'accesso all'acqua è un diritto e l’ acqua deve essere considerata come un “bene comune”.
    E’ dunque preoccupante che in Italia si faccia avanti una tendenza in contrasto con le riflessioni in atto a livello internazionale , soprattutto se si pensa che nessun paese al mondo ha finora reso obbligatoria per legge la privatizzazione dell’acqua. Con questo emendamento alla Finanziaria una parte della sinistra rende l’Italia primatista mondiale in privatizzazioni, battistrada in Europa, capofila nella svendita del patrimonio idrico alle multinazionali francesi e tedesche: Vivendi, Lyonnes des eaux, Thams Water, RWE ecc.
    Brutta cosa, se si pensa che una scelta così grave viene presa nel silenzio e nella più completa disinformazione dei cittadini.
    Non nascondiamo un certo senso di impotenza nel consegnare alla rete questo comunicato per l’isolamento e l’indifferenza in cui maturano certe scelte contro le quali come Comitato italiano per il Contratto Mondiale sull’Acqua, siamo impegnati da tempo in un’opera di sensibilizzazione e di informazione.
    Chiediamo, come Comitato Italiano per il Contratto Mondiale dell’Acqua che il presente Comunicato venga accolto e rilanciato dai mass – media, ripreso dai movimenti, si moltiplichi in rete e si trasformi in proteste diffuse, nell’auspicio che la sinistra italiana ripensi profondamente e in maniera più avanzata la propria posizione sulla privatizzazione dell’Acqua


    Comitato italiano per un contratto mondiale sull’acqua
    Emilio Molinari (Vicepresidente ) - Rosario Lembo (Segretario nazionale)


    Note:

    Sede legale Comitato italiano c/o CIPSI – Via Rembrandt, 9 – 20147 – Milano tel. 02-48703730
    E-mail: info@contrattoacqua.it - Sito internet: www.contrattoacqua.it

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy