Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Il Fmln ottiene la maggioranza nelle elezioni legislative

El Salvador: il ritorno del Frente Farabundo Martì

Il successo elettorale rappresenta un buon biglietto da visita in vista delle presidenziali del 15 marzo

22 gennaio 2009 - David Lifodi
Fonte: Telesur

Il voto per il rinnovo del parlamento e delle amministrazioni comunali (primo appuntamento elettorale del 2009 per il Centro e Sudamerica) apre uno spiraglio per la nascita di un progetto politico alternativo in El Salvador. Le elezioni di domenica scorsa hanno infatti consegnato la maggioranza del paese al Frente Farabundo Martí para la Liberación Nacional (Fmln), la formazione ex-guerrigliera trasformatasi in partito politico nel 1992.
Inserita in un contesto come quello centroamericano, dove il vento di cambiamento diffusosi in gran parte del continente sudamericano deve ancora arrivare, la parabola del Fmln e il destino politico del paese sembravano rimanere legati ad una stretta dipendenza dagli Stati Uniti, dal narcotraffico e dalla mancanza di un progetto politico di nuovo stampo. In realtà, i sondaggi precedenti alle elezioni davano il Frente ampiamente in vantaggio su Arena, l'Alleanza Repubblicana Nazionale, partito apertamente vicino all'estrema destra ed erede diretta degli squadroni della morte che per tutti gli anni '80 seminarono il terrore nel paese grazie anche alle famigerate politiche repressive messe in atto dal tristemente noto maggiore D'Aubuisson. Proprio ai paramilitari, insieme ad Orden, una sorta di polizia politica al servizio del regime, si deve l'uccisione di Monsignor Romero, avvenuta il 24 Marzo 1980 mentre stava celebrando la messa.
Il risultato elettorale è stato in ogni caso sorprendente: dopo 20 anni trascorsi con la destra al governo, il Frente ha conquistato 37 seggi in parlamento contro i 33 di Arena (su un totale di 84) oltre al successo in quasi 180 comuni su 262. In particolare, il Fmln è riuscito a mantenere la città di Santa Tecla, una delle più importanti del paese dopo la capitale San Salvador, e soprattutto ha conquistato Izalco, roccaforte arenera dove l'Alleanza ha sempre inaugurato le sue campagne elettorali fin dal 1982. L'unico aspetto negativo, peraltro previsto, è stata la conquista della capitale San Salvador da parte di Arena, dopo ben 12 anni di amministrazioni appannaggio del Frente: il sindaco sarà Norman Quijano, deputato storico della destra, dopo che nella precedente tornata elettorale si era imposta Violeta Menijvar per soli 44 voti di scarto, ripresentatasi di nuovo in questa circostanza e battuta.
Anche le elezioni del 2003 avevano visto prevalere il Frente sulla destra, ma quello che era stato ritenuto come un segno positivo dell'elettorato nei confronti degli ex-guerriglieri in vista delle presidenziali del 2006 fu ampiamente smentito: Tony Saca, candidato di Arena e attuale presidente del paese, inflisse una umiliante sconfitta al rappresentante dell'Fmln Shafik Handal, distaccato di ben 22 punti percentuali. In quel caso la situazione era molto diversa rispetto al clima in cui i salvadoregni andranno a votare il prossimo 15 Marzo per eleggere il nuovo presidente. In quella circostanza l'elettorato era stato disorientato dalla scelta dura e pura del Frente: Handal, peraltro dirigente stimatissimo nel paese, come ex-guerrigliero aveva finito per allontanare dal voto gli elettori più moderati. Stavolta però le cose potrebbero cambiare. Innanzitutto Arena ha scelto il suo candidato, Rodrigo Avila, con molto ritardo, sia per essersi concentrata molto nel tentativo (peraltro andato a buon fine) di riconquistare San Salvador, sia per la continua girandola di nomi, scelti e poi presto bruciati, da opporre al Frente, è il caso della vicepresidente di Saca Ana Vilma de Escobar. Dall'altro lato, il Fmnl aveva già scelto da tempo la sua strategia: correrà per la presidenza Mauricio Funes, ex giornalista, indipendente e non legato all'ala più politicizzata del Frente, mentre come vice è stato candidato Salvador Sánchez Cerén, ex guerrigliero e uomo di partito, molto amico dello stesso Handal, scomparso quasi tre anni fa. Dal ritorno della democrazia in El Salvador il Fmln non è mai riuscito a vincere le presidenziali, ma il prossimo 15 marzo potrebbe essere l'occasione buona, nonostante la solita e ripetitiva propaganda della destra ogni volta che un paese del continente latinoamericano è sulla soglia di una svolta significativa: le accuse di narcotraffico, di legami con le Farc e della direzione occulta della campagna elettorale da parte di Chávez.
Il cambiamento del piccolo El Salvador potrebbe dare la spinta giusta anche agli altri paesi vicini del Centroamerica.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte el'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy