Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Haiti. L’innocenza violata
    Libro di Marco Bello e Alessnadro Demarchi

    Haiti. L’innocenza violata

    Chi sta rubando il futuro del paese?
    3 febbraio 2011 - Flaviano Bianchini
  • Pace e libertà per il popolo kurdo
    Appello per il 18 ottobre e 13 novembre 2010

    Pace e libertà per il popolo kurdo

    Nel Kurdistan turco è ancora guerra sporca contro il popolo kurdo e contro le sue strutture democratiche. Una guerra condotta in violazione di qualsiasi normativa o convenzione internazionale che la Turchia abbia sottoscritto.
    19 ottobre 2010 - Rete Italia di solidarietà con il popolo kurdo
  • Contro l'eliminazione della società civile nel Kurdistan turco
    Appello

    Contro l'eliminazione della società civile nel Kurdistan turco

    Il 13 Novembre 2010, a voler simbolicamente ricostruire un legame con quelle giornate, saremo in piazza a Roma con una grande manifestazione nazionale perché pensiamo che “Piazza Kurdistan” ci chiama ancora...
    20 agosto 2010 - Rete Italiana di solidarietà con il popolo kurdo
  • Sottoscrivete il nostro appello

    Non lasciamo che vinca la barbarie sulla cultura

    Purtroppo i nostri timori si stanno avverando: la tutela dei monasteri ortodossi, patrimonio dell'Umanità, sta finendo in mano ai reduci dell'UCK
    19 agosto 2010 - Alessandro Di Meo

Appello: cancelliamo il debito estero di Haiti

22 gennaio 2010 - Cristiano Morsolin*

 Uno dei provvedimenti da prendere con urgenza per alleviare le immani sofferenze del popolo haitiano consiste nella cancellazione di una buona parte dei 641 milioni di dollari del debito estero dovuto dal Paese. La proposta è stata formulata nelle ultime ore dalla rete internazionale Jubilee. Proprio grazie agli sforzi di Jubilee, già nel giugno del 2009 sono stati rimessi i debiti contratti da Haiti fino al 2004 – per un totale di un miliardo e 200 milioni di dollari. La metà della somma dovuta al momento deve essere ripagata al Fondo monetario internazionale e alla Banca interamericana di sviluppo. L’esecutivo di Port au Prince aveva in programma di restituire 10 milioni di dollari entro la fine del 2010, ma con la situazione attuale è chiaramente impossibilitata a farlo, visto che i fondi servono per l’emergenza e la ricostruzione. Per Jubilee l’amministrazione Obama deve usare il suo considerevole potere politico all’interno delle due istituzioni multilaterali succitate per chiedere la cancellazione, domandando in subordine una moratoria immediata. L’Osservatorio sull’America Latina SELVAS si unisce alla Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (www.crbm.org ) di Roma, al Comitato per l’Annullamento del Debito Estero del Terzo Mondo CADTM di Bruxel (www.cadtm.org ), all’Osservatorio del Debito sulla Globalizzazione ODG di Barcellona, in questo appello per la cancellazione di questo debito illegittimo.E’ un buon segnale la conferma del Ministro degli Esteri Franco Frattini che il governo ha deciso di cancellare i 40 milioni di euro di debito estero di Haiti verso l'Italia: e’ importante utilizzare la cooperazione bilaterale senza dimenticare le Ong e organizzazioni sociali impegnate nella ricostruzione come Piattaforma haitiana di sostegno a uno sviluppo alternativo (Papda).L’Osservatorio SELVAS collabora con la rete Giubileo SUD dal 2003, in particolare attraverso il segretariato mondiale di Buenos Aires, coordinato da Beverly Keene.

Durante il Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre nel gennaio 2005 ho incontrato Camille Chalmers, rappresentante GIUBILEO Sud in Haiti e segretario di PAPDA, ho apprezzato il suo carisma, il suo impegno contro la dittatura Duvaliers che l’ha torturato ferocemente, responsabile di quel debito “ODIOSO” e “ILLEGITTIMO” che il popolo haitiano non deve continuare a pagare; la sua cancellazione deve rappresentare una “risorsa etica” destinata alla ricostruzione.

In una recente Intervista, Camille Chalmers ha affermato che “l’economia del Paese ha subìto negli ultimi anni un costante deterioramento, ben rappresentato dalla svalutazione del gourde, la moneta nazionale, nei confronti di quella statunitense: nel 1994 ne servivano 7 per acquistare un dollaro, oggi 35. La disoccupazione supera il 70 per cento della popolazione economicamente attiva e l’apertura commerciale e finanziaria ha reso fiorente il settore bancario, ma ha portato al collasso interi settori produttivi. Il Paese è divenuto ancor più dipendente dall’estero, tanto che oggi importa l’80 per cento del proprio fabbisogno di riso, mentre nel 1972 era autosufficiente, e sono stati persi altri 800 mila posti di lavoro. Questa crisi è legata alla transizione politica iniziata nel 1986 con la cacciata del dittatore Jean-Claude Duvalier e mai giunta a compimento a causa del conflitto tra le spinte democratiche del movimento popolare e la volontà degli Stati Uniti e dell’oligarchia locale di mantenere il controllo sul Paese. A questo scopo, Washington cerca di presentare quello haitiano come uno Stato «in bancarotta», al fine di giustificare un proprio intervento per la difesa della democrazia e la ricostruzione del Paese, naturalmente garantendo contratti miliardari alle imprese transnazionali. In questo senso la Missione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione di Haiti (Minustah) è di fatto una nuova formula di occupazione militare, che si inserisce in una lunga storia di scontro tra la volontà indipendentista del popolo haitiano, che con la rivoluzione nera del 1804 mostrò la possibilità di una rottura radicale col sistema mondiale di dominazione, e quella delle grandi potenze di tenere il Paese sotto tutela”.

GIUBILEO AMERICHE ha appena lanciato un appello (per adesioni scrivere a:  haiti@jubileesouth.org ) sottolineando che “negli ultimi anni abbiamo denunciato insieme a molte organizzazioni sociali di Haiti, l’occupazione militare da parte delle truppe ONU e l’impatto della dominazione imposta attraverso il debito estero, il libero commercio, il saccheggio della natura e l’invasione degli interessi trans-nazionali. La condizione di vulnerabilita’ del paese in relazione alle tragedie naturali –provocate per la devastazione dell’ambiente, per l’inesistenza di infrastruttura basica, per l’indebolimento della capacita’ di azione dello stato, non e’ scollegata da queste azioni, che storicamente calpestano la sovranita’ del popolo”.

 

Note:

*Cristiano Morsolin, operatore di reti internazionali, collabora con GIUBILEO AMERICHE, Latindad. Co-fondatore dell’Osservatorio sull’America Latina SELVAS e autore dei libri “Oltre il debito – America Latina: la conversione in investimenti sociali e’ conversione” EMI (vedi: http://www.emi.it/schede/1668-1.html ), scritto in collaborazione con la Fondazione Giustizia e Solidarieta’ di Roma e in spagnolo “SOBRE LA DEUDA ILEGÍTIMA -Aportes al debate. Argumentos entre consideraciones éticas y normas legales -Centro de Investigaciones CIUDAD/Observatorio de la Cooperaciónal Desarrollo en Ecuador, Jubileo 2000 Red Guayaquil scritto insieme ad esperti di tutta l’America Latina come FRANKLIN CANELOS e Hugo Arias (Commissione di Stato Auditing del debito in Ecuador), RODRIGO ÁVILA (Commissione di Stato Auditing del Debito in Brasile) vedi: www.flacsoandes.org/biblio/catalog/resGet.php?resId=23867.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy