L'Aquila e dintorni

Il terremoto della Malapolitica ci ha distrutto: occorre rifare le fondamenta morali e materiali della Nazione

Il terremoto di oggi è stato preceduto da segnali che la Malapolitica ha ignorato. E un ospedale è stato distrutto dal sisma: ma è possibile? E come è possibile che un ricercatore che ragionava sulla probabilità di un terremoto sia stato denunciato qualche giorno fa per "procurato allarme"?

La mappa del rischio sismico

Dopo questa fase di emergenza, dopo il momento doversoso della solidarietà, occorrerà chiedere le dimissioni in massa di questi uomini incapaci e indegni di governare una zona ad alto rischio sismico.

Il terremono di oggi è stato preceduto da segnali che la Malapolitica ha ignorato. E un ospedale è stato distrutto dal sisma: ma è possibile? L'ospedale dovrebbe essere l'ultimo edificio a crollare e il San Salvatore dell'Aquila è al 90% inagibile!

Qui la colpa non è del terremoto, cari amici. Qui siamo di fronte al disastro di una politica di governo che pensa solo alle poltrone e non anche ai muri portanti. Siamo allo sfacelo di un'Italia che dobbiamo cambiare dalle fondamenta morali e materiali.

Il ricercatore: "Sono stato messo a tacere con un avviso di garanzia"
Qualcuno nei giorni scorsi aveva però messo in allarme sulla possibilità del sopraggiungere di scosse più forti e pericolose per la popolazione abruzzese, ma era stato accusato di "procurato allarme" e di conseguenza denunciato. «Le scosse di terremoto che continuano a scuotere l’Abruzzo non sono tali da preoccupare - aveva spiegato Bertolaso - ma purtroppo a causa di imbecilli che si divertono a diffondere notizie false siamo costretti a mobilitare la comunità scientifica per rassicurare i cittadini». L'attacco era rivolto a Giampaolo Giuliani , ricercatore dei laboratori del Gran Sasso che aveva previsto un terremoto di proporzioni disastrose: «È stato tutto proditoriamente architettato perché io potessi essere messo a tacere, addirittura con un avviso di garanzia. E ho le prove che è falso». Così il ricercatore intervistato da Affaritaliani.it. E ancora: «Dal presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Boschi e da Bertolaso vorrò le scuse per tutti i morti che ci sono stati oggi a l’Aquila».
Fonte: www.lastampa.it 6/4/2009

Dobbiamo essere in questo momento solidali con chi soffre. Ma intransigenti con chi non ha fatto e doveva fare.

Non possiamo non denunciare con tutta l'indignazione civile che ci è rimasta addosso l'Italia marcia del malaffare e del malgoverno.

Nei giorni scorsi L'Aquila e l'Abruzzo erano stati al centro di diverse scosse. La popolazione era preoccupata. Vi era chi aveva rilasciato interviste su come poter prevedere il sisma: era stato denunciato per "procurato allarme".

Parliamo di Giampaolo Giuliani, ricercatore presso il laboratorio nazionale di fisica del Gran Sasso.

Ma come è possibile?

Occorreva poi un programma di ampio respiro, che doveva partire da anni, per la doverosa messa in sicurezza degli edifici perché quella era zona sismica. Gli ospedali non andavano costruiti con lo sputo. E così via.

Non dovremo avere alcuna indulgenza politica. A uno ad uno fra non molto dovremo chiedere a chi ha avuto responsabilità amministrative: lei cosa ha fatto? E chiederne le dimissioni. E anche i danni: per negligenza, imprudenza e imperizia.

Articoli correlati

  • Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …

    Queste pagine, così come i precedenti capitoli, vengono dedicate alla memoria di Guido Conti, che quasi tutta la sua vita ha dedicato a combattere gli avvelenatori della nostra Regione a quasi un anno dalla sua tragica morte, Roberto Mancini, il cui esempio e la cui memoria sono fari per chi denuncia e lotta le eco camorre e i colletti bianchi che devastano l’ambiente e la salute, e Michele Liguori, la cui famiglia finalmente in queste settimane ha visto riconosciuto che è morto “vittima del dovere”.
    30 ottobre 2018 - Alessio Di Florio
  • Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto
    Latina
    La gestione governativa dell'emergenza è rivolta esclusivamente a fare affari con le imprese interessate alla ricostruzione

    Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto

    I messicani provano a riprendere in mano un paese sull'orlo del collasso politico ed economico
    25 settembre 2017 - David Lifodi
  • Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo
    Pace

    Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo

    E’ ancora possibile fare politica insieme agli impoveriti e agli ultimi, ai piccoli e ai deboli, senza rimanere ingabbiati nei soliti rituali e nelle meschine dinamiche dei palazzi? Fare politica non per il potere ma solo per le vittime e gli sfruttati?
    5 luglio 2017 - Alessio Di Florio
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio

Allegati

  • La mappa sismica

    328 Kb - Formato jpg
    Guardate questa mappa: anche un bambino capirebbe. Coma mai chi ha amministrato ha consentito di costruire ospedali che crollano?

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)