Laboratorio di scrittura

Ogni elettore deve essere il cane da guardia del proprio partito

"Per chi dobbiamo votare?"

A volte i miei studenti mi hanno chiesto per chi votare. E non ho mai risposto. Ho sempre detto: vota per chi vuoi, ma vota persone oneste. E vota dopo aver controllato i programmi e dopo aver letto la Costituzione italiana. Li ho invitati a considerare i valori della Costituzione la loro bussola.
21 settembre 2022

Fac-simile

A volte i miei studenti mi hanno chiesto per chi votare.

E non ho mai risposto a questa domanda.

Ho sempre detto: vota per chi vuoi, ma vota persone oneste. E vota dopo aver controllato per bene i programmi e dopo aver letto la Costituzione italiana. Li ho invitati a considerare i valori della Costituzione italiana la bussola con la quale orientarsi nelle valutazioni e nelle scelte. Perché la Costituzione va ancora realizzata ed è compito dei partiti politici realizzarla.

Ma ho inoltre cercato di incoraggiarli a impegnarsi - in qualunque partito o area politica volessero scegliere - a farlo criticamente, ponendo anche domande scomode. Se il partito che hai votato ha cambiato idea su una cosa che hai a cuore, non devi continuare ad applaudirlo ma devi impegnarlo in un serrato confronto. Perché non gli chiedi: come mai il mio partito ha cambiato idea?

Ai miei studenti dico di essere cittadini attivi e di chiedere, di chiedere sempre. Abbiamo una grande opportunità di chiedere, soprattutto sotto le elezioni. Rinunciare a farlo, lavare i panni sporchi in famiglia, non è il metodo che serve a migliorare i partiti. Ci lamentiamo del fatto che i partiti peggiorano: ma la colpa è nostra. Abbiamo un legittimo diritto di chiedere conto delle scelte e spesso non lo esercitiamo, o addirittura giustifichiamo scelte sbagliate, che in cuor nostro disapproviamo. Ci sdoppiamo: la parte sincera e positiva di noi rimane silente e prende il sopravvento la parte peggiore, quella che giustifica tutto, anche ciò che non va giustificato, come soldatini inquadrati. Questo non va bene. I partiti peggiorano perché i loro elettori non sono esigenti! Non sono cani da guardia del partito che scelgono. E lo difendono anche quando sbaglia. Nel rapporto fra candidati ed elettori, questi ultimi si accontentano del ruolo dei tifosi negli stadi. E' sbagliato! Rendiamocene conto! Così non si migliorano i partiti, ma si blandisce il trasformismo e lo si incoraggia con la nostra inerzia se non addirittura con nostro applauso beota.

Articoli correlati

  • Che cosa è la libertà?
    Laboratorio di scrittura
    Dialogo fra Diogene e Aristippo

    Che cosa è la libertà?

    Purtroppo il partito di Aristippo è quello che vediamo proliferare anche oggi. Devasta la politica e corrompe gli italiani. Aristippo sapeva di interpretare un ruolo di convenienza privata a scapito del bene pubblico. Diogene invece sapeva come rimanere libero nelle sue scelte.
    19 agosto 2022 - Alessandro Marescotti
  • Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia
    Sociale
    La cerimonia si è svolta presso l'auditorium "De Franchis" nella sede di Alife - Caserta

    Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia

    I figli di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ricevono il "Premio speciale per la Pace e i diritti dell'infanzia". Agnese Ginocchio, ha presentato un proprio brano dal titolo "E' tempo di pensare...", dedicato alla prima “Giornata Internazionale delle coscienze” indetta dall’ONU
    17 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il mediattivismo pacifista
    Pace
    Riflessioni sulla tattica della comunicazione nonviolenta

    Il mediattivismo pacifista

    Il movimento per la pace dovrebbe imparare a dire verità scomodissime, a cercarle e documentarle rapidamente. Occorre smentire le bugie di guerra subito e non un mese dopo. La velocità della comunicazione è fondamentale per gestire il conflitto informativo in modo efficace.
    11 ottobre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il Giardino dei continenti e della Nonviolenza
    Sociale
    Scampia, ricordata Stefania Formicola, vittima di femminicidio, con una targa

    Il Giardino dei continenti e della Nonviolenza

    A Napoli nel quinto anniversario, posa della targa nel "Giardino dei Continenti e della Nonviolenza". In questo cerchio di fratellanza e sorellanza sono stati presenti anche gli studenti.
    27 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)