Comunicato stampa

Settembre, non è tempo di migrare

Per mesi ci è stata ripetuta la promessa che a settembre tutti gli aquilani sarebbero tornati a L’Aquila sotto un tetto. Purtroppo la verità sta venendo fuori.
27 agosto 2009
Comitato cittadino 3e32

yes, we camp

Per mesi ci è stata ripetuta la promessa che a settembre tutti gli aquilani sarebbero tornati a L’Aquila sotto un tetto. Purtroppo la verità sta venendo fuori. Come risulta dal censimento gli sfollati con case E, F o in zona rossa, sono all’incirca quarantamila, ai quali bisogna aggiungere tutte le persone che vivevano in abitazioni B e C per le quali i lavori non sono partiti. Un totale di almeno 50000 sfollati. Per far fronte a questa drammatica situazione ci saranno a disposizione a fine settembre (come afferma la stessa protezione civile) abitazioni del piano c.a.s.e. per soli 4000 abitanti. Le altre abitazioni non saranno pronte prima di Dicembre e comunque non saranno sufficienti. Questo è il fallimento del piano c.a.s.e. Da mesi chiediamo dove si pensa di mettere tutte le altre persone, da mesi proponiamo l’utilizzo di moduli rimovibili e la requisizione di case sfitte, da mesi chiediamo che queste scelte vengano prese con il consenso degli
aquilani.
Apprendiamo dalle dichiarazioni di Bertolaso di Venerdì 14 agosto, che la soluzione per la grave situazione che ci troveremo ad affrontare a settembre, sarà invece quella di continuare a tenere gli aquilani sulla costa, concentrandoli nel teramano e creando un servizio navetta per chi deve portare i figli a scuola e venire a lavorare a L’Aquila. Ciò vuol dire che anche parte degli abitanti delle tendopoli saranno trasferiti negli alberghi fuori città, contrariamente da quanto affermato dal sindaco, che in diverse occasioni aveva parlato pubblicamente dell’utilizzo di case mobili. Ci chiediamo chi è che decide veramente del nostro futuro e se prima di prendere queste decisioni qualcuno si è degnato di consultare la popolazione, cercando di capire cosa sia meglio per i nostri bisogni. In questo modo si provocherà l’insostenibile disagio di un pendolarismo quotidiano dal teramano, portando L’Aquila allo spopolamento. Attraverso i moduli
rimovibili o casette di legno (che con le nuove tecnologie sono sovrapponibili e confortevoli) si poteva e si può ancora evitare questa deportazione prolungata. Tenere gli aquilani negli alberghi continua a costare 3 milioni di euro al giorno, 50 euro a persona. Con queste risorse si sarebbe già potuta comiciare la rimozione delle macerie, la messa in sicurezza e la ricostruzione delle nostre case.
Ci chiediamo quale sia la posizione delle istituzioni locali in merito a queste scelte disastrose. Intanto a 5 mesi dal terremoto ancora non si parla di lavoro. Così non riparte L’Aquila, non riparte l’economia e non riparte la vita sociale. Ci opporremo con ogni mezzo allo spopolamento della nostra città. SETTEMBRE NON E’ TEMPO DI MIGRARE, TUTTI GLI AQUILANI DEVONO POTER TORNARE NEL LORO COMUNE DI RESIDENZA IN ALLOGGI DIGNITOSI.

Articoli correlati

  • Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …

    Queste pagine, così come i precedenti capitoli, vengono dedicate alla memoria di Guido Conti, che quasi tutta la sua vita ha dedicato a combattere gli avvelenatori della nostra Regione a quasi un anno dalla sua tragica morte, Roberto Mancini, il cui esempio e la cui memoria sono fari per chi denuncia e lotta le eco camorre e i colletti bianchi che devastano l’ambiente e la salute, e Michele Liguori, la cui famiglia finalmente in queste settimane ha visto riconosciuto che è morto “vittima del dovere”.
    30 ottobre 2018 - Alessio Di Florio
  • Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto
    Latina
    La gestione governativa dell'emergenza è rivolta esclusivamente a fare affari con le imprese interessate alla ricostruzione

    Messico: la società civile resiste e si auto-organizza di fronte al terremoto

    I messicani provano a riprendere in mano un paese sull'orlo del collasso politico ed economico
    25 settembre 2017 - David Lifodi
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)