conferenza stampa

Summit di Tunisi e giornalismo: alziamo il tasso di interesse

11 novembre 2005
ore 11:00

incontro organizzato da Lsdi e Cris-Italia

''Per motivi apparentemente misteriosi, i mass media sono stati i grandi assenti nella prima fase del WSIS e non sembra che siano molto più interessati alla sua conclusione. Eppure la Società dell' Informazione riguarda in prima persona anche loro, il sistema dei conglomerati mondiali e regionali dell' industria dell' informazione, della cultura di massa e dell' infotainment, che con la sua alta concentrazione proprietaria sta minacciando seriamente la libertà di stampa, il pluralismo, l'indipendenza dei media in tutto il mondo''.

All' incontro interverranno:

- Sen. Fiorello Cortiana, delegato del Senato al WSIS
- un rappresentante del governo italiano
- Paolo Serventi Longhi, Segretario Generale della Fnsi
- Nadia Nasraoui, avvocato, Association for combatting Torture in Tunisia (ALTT)
- Zouhir Latif (sindacato dei giornalisti tunisini indipendenti)
- Abdelwahab Hani (membro del comitato di sostegno al movimento 18
ottobre in sciopero della fame)
- Franco Siddi, Presidente della Fnsi
- Matilde Ferraro, docente alla Sapienza e delegata al Wsis per le Ong
- Fausto Pellegrini, di Rainews24 e Raimed
- Roberto Savio, fondatore dell'IPS (InterPress Service)
- Francesco Diasio, Amisnet/Amarc (radio comunitarie)
- Emanuele Giordana, Lettera21
- Roberto Natale, UsigRai

Presenta: Jason Nardi, CRIS Italia

Seguirà dibattito con i giornalisti.
Sarà distribuito un dossier di approfondimento sul WSIS, preparato da lsdi.it e cris-italia.

Gli obiettivi dell'incontro sono:

1) Illustrare ai giornalisti cos'è il WSIS e quali sono le questioni rilevanti che -- secondo vari esponenti della società civile che hanno partecipato in questi anni al processo del Summit -- meritano attenzione e visibilità per l'opinione pubblica italiana.

2) La questione Tunisina: repressione e diritti umani nel paese di Ben Ali: gli eventi degli ultimi mesi, i rapporti di monitoraggio di gruppi indipendenti, i casi + eclatanti. [Per l'FNSI, in particolare, la chiusura del sindacato indipendente dei giornalisti il giorno stesso che si è riunito per la prima volta]

3) Cosa sta facendo il governo italiano (min. esteri e min. Stanca in particolare)

4) dare l'opportunità di intervistare alcuni dei protagonisti e di avere riferimenti per approfondimenti (dossier WSIS)

Per maggiori informazioni:
Vedi anche:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)