forum

L’impresa di un’economia diversa Produrre, lavorare, consumare nell’economia dei beni comuni

31 agosto 2006
ore 09:30

Forum "L'impresa di un'economia diversa"
IV edizione
Bari, 31 agosto - 3 settembre 2006

Produrre, Lavorare, Consumare
nell’economia dei beni comuni

PER IL PROGRAMMA http://www.sbilanciamoci.org/index.php?option=com_content&task=view&id=394

Si terrà a Bari dal 31 agosto al 3 settembre 2006 la IV edizione del Forum "L'impresa di un'economia diversa", appuntamento che ogni anno la campagna Sbilanciamoci! organizza in contemporanea e in alternativa al meeting di Cernobbio organizzato dallo studio Ambrosetti di Milano.
Dopo Bagnoli (Napoli), Parma, Corviale (Roma) la città di Bari ospiterà quest'anno uno dei maggiori appuntamenti della società civile italiana in cui esperti, politici, amministratori ricercatori, rappresentanti di organizzazioni si confronteranno per discutere, illustrare e mettere a confronto esperienze, metodologie e teorie finalizzate a promuovere un nuovo modello di sviluppo economico, basato sulla promozione dei diritti sociali economici e culturali, sulla difesa dell'ambiente, su una gestione democratica e pubblica dei beni comuni, sulla pace e sulla solidarietà internazionale.

Mentre a Cernobbio vengono presentate le ricette più tradizionali dell'ideologia neoliberista (privatizzazioni, riduzioni del welfare, precarizzazione del lavoro, supremazia del mercato, allentamento dei vincoli ambientali) nel forum di Bari si vogliono far emergere vie ed esperienze diverse ed alternative di sviluppo economico e di un ruolo sociale delle imprese sulla base di valori e politiche come la protezione e il rilancio del welfare, le regole e i diritti del lavoro, il positivo ruolo delle istituzioni e della spesa pubblica, la sostenibilità dello sviluppo, una fiscalità solidale che colpisca rendite e privilegi.

Il tema di quest'anno è "Produrre, lavorare, consumare nell'economia dei beni comuni".

Le sessioni di lavoro sono molte e variegate: dai rapporti tra economia e legalità al laboratorio del Mediterraneo, dalle sfide di un nuovo welfare alle buone pratiche dal basso delle comunità locali, fino ai tanti gruppi di lavoro autogestiti dalle organizzazioni aderenti. Al fondo c'è¨ l'idea di un'economia diversa fondata su altri principi e valori del neoliberismo e del mercato: i diritti e la giustizia, la solidarietà e l'eguaglianza, la pace e la sostenibilità. Il tutto nella chiave della promozione dei beni comuni, la vera sfida di un'economia diversa: solidale, partecipata, civile.
Questa sfida assume particolare rilievo nel Mezzogiorno, crocevia di tante contraddizioni economiche e sociali ancora irrisolte e che però trova nella Puglia il laboratorio di risposte e pratiche innovative: dalla pubblicizzazione dell'acqua all'accoglienza agli immigrati, dalla promozione di un'economia di qualità legata al territorio alla costruzione di un Mediterraneo di scambi e di pace.

L'appuntamento assume un'importanza particolare per i compiti che aspettano Sbilanciamoci! (che promuove il forum) dopo l'inizio della nuova legislatura: non solo la prossima delicata legge finanziaria, ma la prospettiva di un'economia che rimetta al centro la giustizia e l'eguaglianza dentro l'idea di un nuovo modello di sviluppo (sostenibile, umano, sociale) che vada oltre un neoliberismo centrato sul fondamentalismo del mercato e l'ideologia del privato e dell'egoismo sociale. Si tratta di rilanciare una politica fiscale equa, di ridare forza all'economia solidale, di rimettere al centro l'intervento e lo spazio pubblico nell'economia, di fare un welfare fondato sui diritti e non sulla compassione sociale.

L'idea dei beni comuni - come regalitrice di una diversa economia - non può che richiamare valori alternativi a quelli economici attuali: la cooperazione contro la competitività , la solidarietà contro l'individualismo asociale, la socialità contro il mito del privato, la sostenibilità contro lo sfruttamento di tutto, ad ogni costo. Si tratta ovviamente di scelte concrete (politiche, istituzionali, legislative) da fare, ma è da mettere in campo anche una rivoluzione culturale copernicana in cui rivedere e ribaltare i paradigmi che abbiamo conosciuto e rifare della società il centro e dell'economia una semplice variabile dell'agire umano, e non viceversa. E' a questo compito che il IV forum della controcernobbio è chiamato nella costruzione di alternative politiche e culturali ideali e concrete.

Per maggiori informazioni:
sbilanciamoci
06.8841880 - 06.44361190
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Sociale
    L’educazione per la cittadinanza attiva e globale

    In direzione ostinata e contraria: l'esperienza insegnante

    L'importanza di scrivere testi su valori come la solidarietà, l’uguaglianza, la pace, la multiculturalità, l’educazione civica, l’ambiente e sui problemi come il bullismo e le sue risoluzioni come la nonviolenza.
    20 settembre 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Per un'informazione civile che vada oltre spot e comizi senza contraddittorio

    Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco

    Sono 5 i candidati in corsa per la poltrona di Sindaco alle elezioni municipali di Augusta del 4 e 5 ottobre. A loro gli attivisti di Punta Izzo Possibile hanno rivolto 6 domande sui temi della tutela del paesaggio e del patrimonio costiero. Beni comuni primari da difendere.
    19 settembre 2020 - Gianmarco Catalano (Coordinamento Punta Izzo Possibile)
  • Alex Zanotelli
    Acqua

    Tradimento a 5 stelle

    Siamo ormai al decimo anniversario del Referendum sull’acqua. Il 12-13 giugno 2011 ben 26 milioni di italiani avevano votato a favore della gestione pubblica dell’acqua. Ma dopo dieci anni la politica non è ancora riuscita a tradurre in legge questa decisione fondamentale del popolo italiano.
    17 settembre 2020 - Alex Zanotelli
  • Latina
    Violenta risposta della Polizia a seguito delle proteste per l’omicidio dell’avvocato Javier Ordoñez

    Ancora repressione e morti in Colombia

    L'assenza del presidente Duque in occasione della commemorazione delle vittime del 9 settembre rappresenta un ulteriore oltraggio alla società civile colombiana.
    18 settembre 2020 - David Lifodi
  • Storia della Pace
    Dalle pagine dello storico Erodiano

    L'antimilitarismo popolare durante l'impero romano

    Publio Elvio Pertinace fu proclamato imperatore il 1º gennaio 193 e regnò per tre mesi, prima di essere assassinato dai pretoriani il 28 marzo 193 dopo Cristo.
    15 settembre 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)