manifestazione

IL 29 GIUGNO TUTTO IL MONDO DICE "NO" AL CARBONE. E TU?

29 giugno 2013

Il 29 giugno si svolgerà una giornata di mobilitazione internazionale per connettere tutte le campagne attive, in tutti i Paesi del mondo, contro l'uso del carbone come fonte energetica.
L'iniziativa (http://globalpowershift.org/) parte da 350.org, un'associazione che si batte per il contrasto ai cambiamenti climatici; ma ha un carattere inclusivo, vuole incentivare la collaborazione tra realtà diverse che si battono per un medesimo risultato: superare l'era del carbone, avviare la rivoluzione energetica.

Anche a Brindisi ci troveremo il Sabato 29 Giugno per tutta la giornata sul porto all’altezza delle due colonne.
Svolgeremo attività a terra e sul mare. Biciclettate, barche a vela e a remi colorate di striscioni e bandiere, banchetti, attività per bambini e adulti, prodotti biologici e a km 0, musica e interventi. E tante altre idee che potrete proporre, perché l’iniziativa è orizzontale e portata avanti da chiunque voglia contribuire concretamente.

IL 29 GIUGNO, IN OGNI CONTINENTE, MIGLIAIA DI PERSONE MANIFESTERANNO CONTRO IL CARBONE. FACCIAMOLO ANCHE NOI!
Questo che vi rivolgiamo è un appello alla mobilitazione.
Greenpeace, No Al Carbone, il gruppo del Formicaio, cercano collaborazione di altre associazioni, gruppi, comitati, cooperative, consorzi, singoli cittadini. .. di tutti! Vogliamo stare insieme, dare vita a una protesta ovviamente pacifica, colorata, significativa. Per dire che abbiamo a cuore il clima e l'aria che respiriamo, per dimostrare che ... non vogliamo carbone!
Se intendi darci una mano mettiamoci in contatto, organizziamo insieme il lavoro, pensiamo a cosa fare e a come farlo per il meglio. Vogliamo essere tanti, uniti, forti e colorati!

Per adesioni scrivi a
noalcarbonebrindisi@yahoo.it
indicando il nome dell'associazione (o altro) che intende partecipare. Tutti avranno un piccolo spazio per allestire un banchetto e potranno svolgere le loro attività o partecipare a quelle in programma.

HANNO ADERITO:

GREENPEACE (gruppo locale di Lecce)
NO AL CARBONE (Brindisi)
IL FORMICAIO (Lecce)
PASSEGGINO ROSSO (Brindisi)
STREET SPORT ASSOCIATION FUN CLUB (Mesagne)
BRINDISI BENE COMUNE
GREENPEACE (gruppo locale di Bari)
GREENPEACE (gruppo locale di San Ferdinando di Puglia BAT)
Ass. 1000xTARANTO
LAB. OMAR MOHEISSI Arci (Guagnano/Villa B.)
CICLOAMICI - Fiab.
Movimento di partecipazione democratica LIBERI E FORTI (San Donaci)

I cambiamenti climatici sono una realtà, e non solo per la fusione dei ghiacciai e della calotta polare artica e per le isole del Pacifico sommerse dal mare. Sono negli uragani, nelle alluvioni, nei tornado, nelle siccità estreme, nelle ondate di gelo e calura che stanno devastando molte regioni del mondo. Sono nelle falde sempre più sottoposte all’intrusione marina. Sono qui in Italia.
Per contrastare il cambiamento climatico non serve maledire il cielo. Le centrali a carbone sono la principale fonte di emissione di anidride carbonica. L'alta concentrazione di C02 nell'atmosfera è la principale causa dei cambiamenti climatici in corso. Il carbone è la fonte responsabile, a livello globale, di oltre il 40% del totale delle emissioni di C02 e rappresenta il modo peggiore e più inquinante di produrre energia elettrica. Le centrali a carbone producono sessanta differenti sostanze inquinanti. Solo in Italia l'inquinamento che viene dal carbone causa 570 morti premature l'anno e danni sanitari, economici e ambientali per oltre 2,6 miliardi l'anno.

per info http://globalpowershift.org/

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Pace

    Law and Order: dallo schiavismo ai giorni nostri

    Un'excursus storico che traccia l'inizio e l'evoluzione di violenza e razzismo nelle forze dell'ordine americane
    15 luglio 2020 - Khalil Gibran Muhammad
  • Ecologia

    5G e anti 5G

    Due docenti universitari rispondono ad alcune domande
    15 luglio 2020 - Mathieu Tamigniau
  • Ecologia
    Lo scorso 4 luglio ha provocato fortissime proteste dei cittadini di Taranto

    ArcelorMittal: dopo nube polveri, sospeso responsabile impianto

    Dopo la sospensione, sarebbe anche scattato il licenziamento del responsabile. Il tutto è da mettere in relazione con quanto accaduto il 4 luglio che ha spinto la Procura di Taranto ad aprire un’inchiesta, al momento senza indagati.
    14 luglio 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Editoriale
    Quello che vedete è il piedino di una bimba di quattro anni del quartiere Tamburi di Taranto

    Quando i piedini di una bambina fanno notizia

    La mamma ha lavato la casa domenica alle 22.30 e ieri alle 13.30 - con il vento che proviene dalla zona ILVA - le polveri sono di nuovo entrate in casa. La bambina di sei mesi si stava leccando le mani e la mamma l'ha subito lavata per paura della contaminazione
    14 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Cittadinanza
    Educazione alla cittadinanza attiva, seminario online il 15 luglio alle ore 21

    Le competenze chiave per diventare cittadini attivi

    Nel seminario online Daniele Marescotti illustrerà il suo libro "A scuola di cittadinanza attiva". Si parlerà di educazione alla cittadinanza globale, europea, scientifica, digitale ed economica, in rapporto con l'educazione al volontariato e alla legalità.
    13 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)