manifestazione

IL 29 GIUGNO TUTTO IL MONDO DICE "NO" AL CARBONE. E TU?

29 giugno 2013

Il 29 giugno si svolgerà una giornata di mobilitazione internazionale per connettere tutte le campagne attive, in tutti i Paesi del mondo, contro l'uso del carbone come fonte energetica.
L'iniziativa (http://globalpowershift.org/) parte da 350.org, un'associazione che si batte per il contrasto ai cambiamenti climatici; ma ha un carattere inclusivo, vuole incentivare la collaborazione tra realtà diverse che si battono per un medesimo risultato: superare l'era del carbone, avviare la rivoluzione energetica.

Anche a Brindisi ci troveremo il Sabato 29 Giugno per tutta la giornata sul porto all’altezza delle due colonne.
Svolgeremo attività a terra e sul mare. Biciclettate, barche a vela e a remi colorate di striscioni e bandiere, banchetti, attività per bambini e adulti, prodotti biologici e a km 0, musica e interventi. E tante altre idee che potrete proporre, perché l’iniziativa è orizzontale e portata avanti da chiunque voglia contribuire concretamente.

IL 29 GIUGNO, IN OGNI CONTINENTE, MIGLIAIA DI PERSONE MANIFESTERANNO CONTRO IL CARBONE. FACCIAMOLO ANCHE NOI!
Questo che vi rivolgiamo è un appello alla mobilitazione.
Greenpeace, No Al Carbone, il gruppo del Formicaio, cercano collaborazione di altre associazioni, gruppi, comitati, cooperative, consorzi, singoli cittadini. .. di tutti! Vogliamo stare insieme, dare vita a una protesta ovviamente pacifica, colorata, significativa. Per dire che abbiamo a cuore il clima e l'aria che respiriamo, per dimostrare che ... non vogliamo carbone!
Se intendi darci una mano mettiamoci in contatto, organizziamo insieme il lavoro, pensiamo a cosa fare e a come farlo per il meglio. Vogliamo essere tanti, uniti, forti e colorati!

Per adesioni scrivi a
noalcarbonebrindisi@yahoo.it
indicando il nome dell'associazione (o altro) che intende partecipare. Tutti avranno un piccolo spazio per allestire un banchetto e potranno svolgere le loro attività o partecipare a quelle in programma.

HANNO ADERITO:

GREENPEACE (gruppo locale di Lecce)
NO AL CARBONE (Brindisi)
IL FORMICAIO (Lecce)
PASSEGGINO ROSSO (Brindisi)
STREET SPORT ASSOCIATION FUN CLUB (Mesagne)
BRINDISI BENE COMUNE
GREENPEACE (gruppo locale di Bari)
GREENPEACE (gruppo locale di San Ferdinando di Puglia BAT)
Ass. 1000xTARANTO
LAB. OMAR MOHEISSI Arci (Guagnano/Villa B.)
CICLOAMICI - Fiab.
Movimento di partecipazione democratica LIBERI E FORTI (San Donaci)

I cambiamenti climatici sono una realtà, e non solo per la fusione dei ghiacciai e della calotta polare artica e per le isole del Pacifico sommerse dal mare. Sono negli uragani, nelle alluvioni, nei tornado, nelle siccità estreme, nelle ondate di gelo e calura che stanno devastando molte regioni del mondo. Sono nelle falde sempre più sottoposte all’intrusione marina. Sono qui in Italia.
Per contrastare il cambiamento climatico non serve maledire il cielo. Le centrali a carbone sono la principale fonte di emissione di anidride carbonica. L'alta concentrazione di C02 nell'atmosfera è la principale causa dei cambiamenti climatici in corso. Il carbone è la fonte responsabile, a livello globale, di oltre il 40% del totale delle emissioni di C02 e rappresenta il modo peggiore e più inquinante di produrre energia elettrica. Le centrali a carbone producono sessanta differenti sostanze inquinanti. Solo in Italia l'inquinamento che viene dal carbone causa 570 morti premature l'anno e danni sanitari, economici e ambientali per oltre 2,6 miliardi l'anno.

per info http://globalpowershift.org/

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)