corso

PASSA O NON PASSA LO STRANIERO? Laboratorio sulla gestione dei rapporti con il diverso a cura di Alfredo Panerai e Pio Castagna, formatori alla nonviolenza

7 novembre 2015
ore 09:30

Obiettivi: riflettere sulla realtà relativa alla presenza dei migranti intorno a noi dopo i continui arrivi di questi mesi cercando di individuare comportamenti e atteggiamenti adeguati. L’ineluttabilità del fenomeno ci mette alla prova circa l’atteggiamento ambivalente che possiamo avere, se accoglierli, e eventualmente in che modo , o dare ascolto alla paura e alle diffidenze, a volte soffuse a volte palesi. Si tratta anche di dare il giusto peso a questi timori e cercare di capirne i motivi e i possibili antidoti. Può essere importante, infine, cercare di elaborare strategie e tecniche per sensibilizzare coloro che sono affidati alle nostre attenzioni educative.

Metodologia: apprendimento attivo ossia imparare facendo. Il laboratorio sarà caratterizzato da momenti di riflessione, di messa in comune di esperienze e da momenti di gioco, esercitazioni attinti dal patrimonio del training nonviolento, della comunicazione ecologica e del teatro dell’oppresso.

A chi è rivolto: a tutti coloro che fanno parte del mondo del volontariato, del pacifismo ,della solidarietà, oltre che a educatori, genitori, insegnanti e a quanti sono in rapporto con il diverso. Ma anche a tutti coloro che sono in un percorso di miglioramento e di consapevolezza, nella convinzione che il rapporto con l’altro possa essere opportunità di crescita.

Per maggiori informazioni:
Alessandra Jorio
055 2020375 / 3429143193
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)