Citizen science

Una biobanca dei tumori al cervello

9 dicembre 2016

Immaginate una biobanca con materiali residui originati da un intervento chirurgico o da un prelievo bioptico per scopi diagnostici.


Previo consenso informato del paziente, o di chi lo rappresenta è possibile creare una biobanca. Un domani si potranno fare analisi più avanzate con tecnologie oggi non disponibili. La biobanca conserva le "prove". E' un potenziale atto di accusa.

Sarebbe utilissima una biobanca con i campioni di tessuto cerebrale di coloro che subiscono un intervento chirurgico. Nel cervello possono accumularsi tantissime nanoparticelle e se ne potrebbe accertare la natura chimica e anche la provenienza.

Ecco un vademecum per una buona pratica scientifica di biobanking.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)