Conflitti

I soldati israeliani hanno ferito gravemente mio cugino Hamdan

1 giugno 2005
Ruba Saleh

Ciao,

mio cugino Hamdan era uscito domenica sera con due suoi amici in macchina e volevano farsi un giro al di fuori del loro villaggio Arrabeh (un villaggio della regione di Jenin). Ad un certo punto, improvvisamente ed in modo imprevedibile, vengono fermati da una pattuglia militare israeliana (non era un posto di blocco) e i soldati li chiedono di scendere dalla macchina. Mio cugino ed il ragazzo seduto accanto al lui (si chiama Fo’ad) sono scesi immediatamente con le mani alzate in aria; il terzo ragazzo si è rifiutato di scendere e subito dopo i militari israeliani hanno aperto il fuoco uccidendolo e ferendo lievemente Fo’ad e gravemente il mio cugino Hamdan (20 pallottole nelle gambe).

I soldati israeliani hanno portato Fo’ad alla prigione di Salem e Hamdan all’ospedale di AlKhedera in Israele ed è stato sorvegliato dai soldati ed ovviamente i suoi genitori e familiari non potevano vederlo. Abbiamo saputo da Palestinesi del 48 che Hamdan si è svegliato ieri (lunedì 31 maggio) e che ha tutte e due le gambe ingessate e che deve essere curato se no rischia di restare paralizzato a vita. Ieri sera i miei mi hanno comunicato che i soldati volevano trasferirlo alla prigione di Salem. Ho telefonato a Ronit (una mia amica pacifista israeliana) e grazie a suo fratello abbiamo scoperto che Hamdan è stato trasferito ieri in tarda serata alla prigione di Salem! Ronit è riuscita a coinvolgere Anat Matar (un attivista pacifista israeliana) e una sua amica avvocatessa israeliana molto brava; ora il problema è che le fonti militari raccontano due versioni: la prima è che Hamdan è stato tras! ferito all’ospedale militare ma intanto non dicono quale (!), la seconda è che Hamdan è stato trasferito alla prigione di Salem.

In ogni caso Hamdan non può stare in prigione sia perché non è colpevole di niente (caso mai sono i soldati israeliana ad essere colpevoli di aver attaccato una persona innocente e disarmata), sia perché lui deve assolutamente stare in ospedale perché perfino la radio israeliana ha annunciata che la sua situazione è grave!

Hamdan ha 21 anni è un falegname e non è un attivista politico.

Ho contattato Fabio Amato di Rifondazione e Mosulino dei Comunisti Italiani e mi hanno detto che faranno insieme un appello parlamentare per farlo tornare in ospedale.

Se vi viene in mente qualche altra idea fatemi sapere per favore.

Grazie

Ruba

e-mail: rubachiotta@yahoo.com

Note: Ruba Saleh è una ragazza palestinese. L'ho conosciuta personalmente in un'iniziativa per la pace, era stata invitata dal Comune di Ostuni e aveva parlato con gli studenti, coinvolgendoli come pochi erano riusciti a fare.
Alessandro Marescotti

Articoli correlati

  • Il problema del cancro a Gaza
    Palestina
    Dal punto di vista epidemiologico

    Il problema del cancro a Gaza

    Questa "programmazione", questo deliberato e continuato intento distruttivo, quanto dovrà ancora durare? Come è possibile continuare a tacere?
    19 marzo 2019 - Laura Tussi
  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti
    Pace
    Staffetta Medica in Palestina: l’esperienza di un “italian doctor”

    Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti

    Un racconto della prima esperienza in Palestina di un medico di base italiano, nel 2002
    5 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Latina
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)