Conflitti

I soldati israeliani hanno ferito gravemente mio cugino Hamdan

1 giugno 2005
Ruba Saleh

Ciao,

mio cugino Hamdan era uscito domenica sera con due suoi amici in macchina e volevano farsi un giro al di fuori del loro villaggio Arrabeh (un villaggio della regione di Jenin). Ad un certo punto, improvvisamente ed in modo imprevedibile, vengono fermati da una pattuglia militare israeliana (non era un posto di blocco) e i soldati li chiedono di scendere dalla macchina. Mio cugino ed il ragazzo seduto accanto al lui (si chiama Fo’ad) sono scesi immediatamente con le mani alzate in aria; il terzo ragazzo si è rifiutato di scendere e subito dopo i militari israeliani hanno aperto il fuoco uccidendolo e ferendo lievemente Fo’ad e gravemente il mio cugino Hamdan (20 pallottole nelle gambe).

I soldati israeliani hanno portato Fo’ad alla prigione di Salem e Hamdan all’ospedale di AlKhedera in Israele ed è stato sorvegliato dai soldati ed ovviamente i suoi genitori e familiari non potevano vederlo. Abbiamo saputo da Palestinesi del 48 che Hamdan si è svegliato ieri (lunedì 31 maggio) e che ha tutte e due le gambe ingessate e che deve essere curato se no rischia di restare paralizzato a vita. Ieri sera i miei mi hanno comunicato che i soldati volevano trasferirlo alla prigione di Salem. Ho telefonato a Ronit (una mia amica pacifista israeliana) e grazie a suo fratello abbiamo scoperto che Hamdan è stato trasferito ieri in tarda serata alla prigione di Salem! Ronit è riuscita a coinvolgere Anat Matar (un attivista pacifista israeliana) e una sua amica avvocatessa israeliana molto brava; ora il problema è che le fonti militari raccontano due versioni: la prima è che Hamdan è stato tras! ferito all’ospedale militare ma intanto non dicono quale (!), la seconda è che Hamdan è stato trasferito alla prigione di Salem.

In ogni caso Hamdan non può stare in prigione sia perché non è colpevole di niente (caso mai sono i soldati israeliana ad essere colpevoli di aver attaccato una persona innocente e disarmata), sia perché lui deve assolutamente stare in ospedale perché perfino la radio israeliana ha annunciata che la sua situazione è grave!

Hamdan ha 21 anni è un falegname e non è un attivista politico.

Ho contattato Fabio Amato di Rifondazione e Mosulino dei Comunisti Italiani e mi hanno detto che faranno insieme un appello parlamentare per farlo tornare in ospedale.

Se vi viene in mente qualche altra idea fatemi sapere per favore.

Grazie

Ruba

e-mail: rubachiotta@yahoo.com

Note: Ruba Saleh è una ragazza palestinese. L'ho conosciuta personalmente in un'iniziativa per la pace, era stata invitata dal Comune di Ostuni e aveva parlato con gli studenti, coinvolgendoli come pochi erano riusciti a fare.
Alessandro Marescotti

Articoli correlati

  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele
    Palestina
    Mosaico di Pace

    Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele

    Embargo contro Israele, un dossier a cura di BDS Italia. Con il sostegno di PeaceLink e con la collaborazione del collettivo A Foras. Israele applica un regime di apartheid nei confronti della popolazione palestinese, violandone i diritti umani e politici.
    20 marzo 2021 - Laura Tussi
  • Storia di una bambina farfalla di Gaza
    Cultura
    Recensione

    Storia di una bambina farfalla di Gaza

    I bambini ci insegnano a volare! Recensione di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici. Libro a cura di Gianna Pasini, con illustrazioni di Fogliazza e postfazione di Wasim Dahmash. Edito da Edizioni Q
    13 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Sulle orme di Vittorio: intervista a Egidia Beretta Arrigoni
    Palestina
    Nel 2012, un anno dopo la morte di Vittorio, nasce la Fondazione Vittorio Arrigoni "Vik Utopia"

    Sulle orme di Vittorio: intervista a Egidia Beretta Arrigoni

    La Fondazione Vittorio Arrigoni “Vik Utopia” Onlus: “Al di là delle latitudini e delle longitudini, apparteniamo tutti alla stessa famiglia, che è la famiglia umana”
    4 novembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)