Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Comunicato stampa: Un dossier sulle vittime civili in Iraq 2003–2005

L'Iraq Body Count e l'Oxford Research Group hanno rilasciato un rapporto sulle vittime civili della guerra in Iraq (morti e feriti) tra il marzo 2003 e il marzo 2005. Le cifre sono altissime e ci ricordano il vero volto della guerra.
Iraq Body Count, Oxford Research Group

"Un dossier sulle vittime civili in Iraq: 2003-2005" è il primo conto dettagliato di tutti i non combattenti di cui sia stata riportata la morte o il ferimento durante i primi due anni del conflitto ancora in corso. Il rapporto, pubblicato dallo Iraq Body Count in associazione con lo Oxford Research Group è basato su un'analisi completa di più di 10.000 notificazioni mediatiche pubblicate tra il marzo 2003 e il marzo 2005.
Le conclusioni includono:

Chi è stato ucciso?

* Sono state riportate le morti di 24.865 civili nei primi due anni.
* Le donne e i bambini ammontano al 20% delle vittime civili.
* Baghdad da sola ha registrato quasi metà di tutte le morti.

Quando sono morti?

* Il 30% delle morti di civili è avvenuta durante la fase dell'invasione precedente al 1 maggio 2003.
* Dopo l'invasione, il numero di civili uccisi era quasi il doppio nel secondo anno (11.351) rispetto al primo (6.215).

Chi sono gli assassini?

* Le forze guidate dagli Stati Uniti hanno ucciso il 37% delle vittime civili.
* Le forze anti-occupazione/gli insorti hanno ucciso il 9% delle vittime civili
* La violenza criminale che ha seguito l'invasione è responsabile del 36% di tutte le morti.
* Le uccisioni da parte di forze anti-occupazione, crimininali e agenti sconosciuti sono aumentate progressivamente.

Quali sono state le armi più letali?

* Più di metà (53%) di tutte le morti civili hanno a che fare con ordigni esposivi.
* Gli attacchi aerei hanno causato la maggior parte (64%) delle morti per esplosivi.
* I bambini sono stati colpiti soprattutto da attacchi aerei e da ordigni inesplosi (incluse cluster bomb).

Quanti sono i feriti?

* E' stato riportato il ferimento di almeno 42.500 civili.
* La fase di invasione ha causato il 41% di tutti i ferimenti riportati.
* Le armi di tipo esplosivo hanno causato una percentuale maggiore di feriti e morti rispetto alle armi leggere.
* La percentuale più alta di incidenti con feriti-morti si è verificata durante la fase di invasione.

Chi ha fornito le informazioni?

* Funzionari dei servizi funebre e medici sono stati i più frequentemente citati come testimoni.
* Tre agenzie stampa hanno fornito più di un terzo delle notizie usate.
* I giornalisti iracheni sono sempre più importanti per il lavoro di notificazione.

Oggi, a Londra, parlando in occasione del lancio del rapporto, di cui è uno degli autori, il professor John Sloboda ha detto: "Il conto delle morti di iracheni, sempre in aumento, è il costo dimenticato della decisione di muovere guerra all'Iraq. In media, 34 civili iracheni sono morti in modo violento ogni giorno, a partire dall'invasione nel marzo del 2003. I nostri dati mostrano che nessun settore della società irachena è scampato a tutto questo. Speriamo veramente che questa ricerca aiuterà ad informare quelli che prendono le decisioni nel mondo sulle necessità reali degli Iracheni, che lottano per ricostruire il loro paese. Rimane una questione preoccupanteil fatto che, quasi due anni e mezzo dopo, nè gli Stati Uniti nè il governo della Gran Bretagna abbiano iniziato a misurare sistematicamente l'impatto delle loro azioni in termini di vite umane venute meno".

Tradotto da Carlo Martini per www.peacelink.it

Note:

Nel rapporto si parla di 23 civili uccisi dalle forze di occupazione italiane.

Iraq Body Count:

http://www.iraqbodycount.net/

Scarica il rapporto (PDF):

http://reports.iraqbodycount.org/a_dossier_of_civilian_casualties_2003-2005.pdf

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)