Conflitti

Tutto cambi perché cambi poco o nulla.

Gattopardismo italico in Mesopotamia

Avremo il ritiro del contingente o solo un contingente "ritirato"?
26 maggio 2006

L'ENI stia tranquilla. I suoi interessi iracheni non saranno intaccati dal ritiro tanto millantato in queste settimane. Un ritiro, tanto sbandierato quanto in realtà poca cosa.
Fino all'anno scorso il contingente militare italiano in Iraq consisteva di 3300 soldati. Negli ultimi mesi il numero è consistentemente dimunuito e nelle prossime settimane si ridurrà solo a 1600. Il nuovo governo Prodi ha annunciato che il millantato ritiro porterà ad una profonda modificazione della missione, che diverrebbe soprattutto civile, senza ulteriori indicazioni. Ora è stato calcolato da strateghi ed analisti militari che una qualsivoglia missione di natura civile, stante l'attuale situazione dell'occupazione irachena, dovrebbe prevedere una scortaarmata di almeno 800-1000 soldati.
A conti fatti quindi, considerando l'attuale programma di riduzione, il ritiro italiano dall'Iraq sarebbe di poche centinaia di soldati e nulla più. Va ad aggiungersi che nulla sappiamo in più sulla natura civile della futura missione. Gli unici elementi che abbiamo attualmente sull'impegno civile italiano in Iraq è quello dell'ENI per i pozzi petroliferi nei dintorni di Nassiryia(che sono stati anche alla base della scelta della base del contingente italiano come ampiamente documentato).
A questo va ad aggiungersi la constatazione che di fatto(come ormai anche i media main stream allineati alla propaganda bellica ammettono candidamente) la ricostruzione, tante volte annunciata, dell'Iraq non è mai cominciata.
Oggi abbiamo una missione militare accompagnata da interessi economici di una delle più importanti imprese energetiche nazionali. Dopo il cambio civile avremo ingegneri ENI accompagnati da un contingente militare. La missione attuale è militare perché l'ENI accompagna l'esercito italiano. Domani la missione sarà civile perché sarà l'esercito ad accompagnare l'ENI.

Articoli correlati

  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion
    Editoriale
    Azione nonviolenta a Roma davanti all’ENI

    Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion

    Gli attivisti chiedono di incontrare i ministri Patuanelli e Gualtieri, che detengono la Golden Share con cui si può indirizzare l’ENI verso la fuoriuscita dal fossile e verso nuove politiche sostenibili in Italia e nel mondo
    9 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • La pubblicità “verde” di ENI smascherata da due gruppi ecologisti
    Ecologia
    “Intanto io lo so...”

    La pubblicità “verde” di ENI smascherata da due gruppi ecologisti

    A sostegno della loro denuncia, gli attivisti mettono a disposizione online un prezioso documento ricco di infografiche. Inoltre, organizzano un webinar il 14 maggio per presentarlo.
    12 maggio 2020 - Patrick Boylan
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)