Conflitti

Tutto cambi perché cambi poco o nulla.

Gattopardismo italico in Mesopotamia

Avremo il ritiro del contingente o solo un contingente "ritirato"?
26 maggio 2006

L'ENI stia tranquilla. I suoi interessi iracheni non saranno intaccati dal ritiro tanto millantato in queste settimane. Un ritiro, tanto sbandierato quanto in realtà poca cosa.
Fino all'anno scorso il contingente militare italiano in Iraq consisteva di 3300 soldati. Negli ultimi mesi il numero è consistentemente dimunuito e nelle prossime settimane si ridurrà solo a 1600. Il nuovo governo Prodi ha annunciato che il millantato ritiro porterà ad una profonda modificazione della missione, che diverrebbe soprattutto civile, senza ulteriori indicazioni. Ora è stato calcolato da strateghi ed analisti militari che una qualsivoglia missione di natura civile, stante l'attuale situazione dell'occupazione irachena, dovrebbe prevedere una scortaarmata di almeno 800-1000 soldati.
A conti fatti quindi, considerando l'attuale programma di riduzione, il ritiro italiano dall'Iraq sarebbe di poche centinaia di soldati e nulla più. Va ad aggiungersi che nulla sappiamo in più sulla natura civile della futura missione. Gli unici elementi che abbiamo attualmente sull'impegno civile italiano in Iraq è quello dell'ENI per i pozzi petroliferi nei dintorni di Nassiryia(che sono stati anche alla base della scelta della base del contingente italiano come ampiamente documentato).
A questo va ad aggiungersi la constatazione che di fatto(come ormai anche i media main stream allineati alla propaganda bellica ammettono candidamente) la ricostruzione, tante volte annunciata, dell'Iraq non è mai cominciata.
Oggi abbiamo una missione militare accompagnata da interessi economici di una delle più importanti imprese energetiche nazionali. Dopo il cambio civile avremo ingegneri ENI accompagnati da un contingente militare. La missione attuale è militare perché l'ENI accompagna l'esercito italiano. Domani la missione sarà civile perché sarà l'esercito ad accompagnare l'ENI.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion
    Editoriale
    Azione nonviolenta a Roma davanti all’ENI

    Solidarietà agli attivisti di Extinction Rebellion

    Gli attivisti chiedono di incontrare i ministri Patuanelli e Gualtieri, che detengono la Golden Share con cui si può indirizzare l’ENI verso la fuoriuscita dal fossile e verso nuove politiche sostenibili in Italia e nel mondo
    9 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)