Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

L'Iraq precipita nel caos, dicono i generali Usa

Un grafico riservato del Comando Centrale Usa, pubblicato dal New York Times, descrive un «indice di conflitto civile»: dice che la «pulizia etnica» dilaga e la violenza è a livelli record
2 novembre 2006 - Marina Forti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Nei loro briefing, o incontri di lavoro, anche ai militari come a molti executives piace molto mostrare schemi e diagrammi computerizzati in PowerPoint. Il diagramma mostrato un paio di settimane fa al Pentagono dai generali del Comando Centrale degli Stati uniti riguarda l'Iraq: è una sorta di barometro del conflitto interno, e mostra un paese che veleggia verso il caos.
Il diagramma in questione risale al 18 ottobre ed è materiale segreto, ma è arrivato in mano al New York Times che lo ha pubblicato ieri. Un grafico semplicissimo, sotto il titolo «Indice di conflitto civile»: è una scala che ha all'estremo sinistro la situazione «pace», all'estremo destro la situazione «caos». Prima dell'attentato che ha provocato una strage nel mausoleo shiita di Samarra, nel febbraio scorso, la freccia era quasi al centro, una situazione di relativo equilibrio: da allora si è spostata rapidamente verso la zona «caos».
Lo schemino mostra in modo davvero efficace come i generali Usa vedono la situazione irachena. La parola «guerra civile» era stata già pronunciata in agosto dal generale John P. Abizaid, il capo del Central Command: aveva parlato di «rischio di guerra civile» in Iraq, ma aveva anche detto di pensare che si potesse ancora evitare. L'amministrazione di Washington aborre la parola «guerra civile», come del resto la parola «caos». Dal diagramma arrivato al NYTimes però si capisce che i generali americani vedono così l'Iraq: un paese in pieno conflitto interno e sull'orlo del caos.
In fondo al riquadro c'è una sintesi: «Le aree urbane stanno vivendo una campagna di "pulizia etnica" per consolidare il controllo»; «La violenza è al livello più alto finora raggiunto, e si espande geograficamente».
Altrettanto sintetica è la legenda al diagramma. I fattori chiave nel valutare il conflitto civile sono la retorica ostile da parte di leader politici e religiosi delle diverse parti, misurata ascoltando sermoni e discorsi di leader sunniti e sciiti (è molto alta ma stabile). Poi l'influenza dei leader politici e religiosi più moderati sulle rispettive basi d'opinione: e questa è in netto ribasso. Altri fattori sono le uccisioni e attacchi settari, e i «conflitti spontanei di massa». Altre variabili considerate sono l'attività delle milizie armate (in aumento), i problemi di «governance» (cioè la corruzione e inefficaca del governo, giudicata alta), l'inefficacia della polizia («significativa») e quella dell'esercito, il numero di civili costretti a sfollare per fuggire alla tensione e violenza settaria (in aumento). Sono indicatori del «conflitto civile» infine l'accelerazionme dei kurdi iracheni verso la secesisone e l'annessione di Kirkuk, e la violenza generalizzata motivata da differenze settarie, che è entrata in una fase «critica».
Uno dei fattori considerati chiave in questa descrizione, dicono i militari, è l'attività delle milizie: i militari americani ammettono che le forze di sicurezza irachene, addestrate per anni, sono o incapaci di far fronte alla situazione, o infarcite dalle stesse milizie che dovrebbero combattere. E questa è anche un'ammissione di quanto sia una finzione la «sovranità» irachena, basata du un governo del tutto dipendente dal sostegno di Washington e su forze di sicurezza inefficaci. Non è preso in considerazione un dato che segnalano invece le organizzazioni umanitarie: in Iraq le famiglie hanno paura di mandare a scuola i figli, tanto è pericoloso uscire per strada, e secondo lo stesso ministero dell'istruzione di Banghdad la frequenza scolastica quest'anno è crollata del 30 percento.
La situazione è andata precipitando dopo l'attacco alla moschea di Samarra, confermano alti ufficiali del Central Command al giornale newyorkese (che parlano anonimamente). In effetto l'ultimo scivolamento verso la zona «caos» è della settimana precedente al briefing del 18 ottobre: pochi giorni dopo il generale Abizaid ha incontrato il presidente george Bush, il segretario alla difesa Donald Rumsfeld e il generale Peter Pace, capo dello stato maggiore, per informarli della situazione in Iraq. Si può immaginare che la parola «caos» sia stata evocata.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)