Conflitti

Parla Leila Mazboudi, della Tv di Hezbollah

Per la caporedattrice di Al Manar, a Roma per il convegno Medlink, l'attentato è opera di forze oscure, guidate da Usa e Israele: un colpo all'unità nazionale e all'opposizione
13 dicembre 2007
Geraldina Colotti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Leila Mazboudi, caporedattrice della televisione di Hezbollah, Al Manar, è a Roma per partecipare al convegno Medlink (14-16 dicembre), organizzato da Arci, Fiom-Cgil, Un ponte Per... Con lei abbiamo parlato dei drammatici avvenimenti libanesi.
A cinque giorni dalla data per l'elezione del nuovo presidente, un altro attentato. A chi giova?Il generale Francois el Hajj era vicino al generale Aoun, del blocco del cambiamento e della riforma, e amico del generale Michel Suleiman, il candidato alla presidenza del Libano, nonché suo probabile successore come capo dell'esercito. Da un anno la maggioranza rifiuta ogni proposta avanzata dal blocco dell'opposizione, c'è un consenso sulla candidatura del presidente, ma non sulla formazione del nuovo governo. Questo assassinio è dunque prima di tutto un colpo contro Suleiman e un colpo all'unità dell'opposizione che chiede un governo di unità nazionale. Se il 17 non si troverà un accordo nell'ultima sessione ordinaria del Parlamento, bisognerà attendere quella straordinaria, prevista per marzo, rimarremo nell'incertezza. Da noi c'è sempre un attentato al momento giusto. Un'altra ipotesi chiama in causa al Quaeda, perché Hajj ha guidato le operazioni militari contro le milizie integraliste di Fatah al-Islam nel campo profughi palestinese di Nahr el-Bared.Quello che però non quadra è che, su 18 attentati compiuti in Libano dal 2005, per la prima volta una personalità militare viene colpita in una zona ad alta sorveglianza militare. Possibile che una forza esterna al paese disponga di una simile potenza di fuoco e di così tanti mezzi logistici e riesca a farla franca nonostante la presenza di tanti servizi segreti e della Finul? Siamo più portati a pensare che si tratti di forze perniciose che vogliono la destabilizzazione del Libano, magari un'alleanza Usa-Israele. Questa volta, neanche la maggioranza ha gettato la croce sulla Siria senza riserve, perché vengono colpiti gli interessi dell'opposizione.
Al Quaeda ha rivendicato gli attentati in Algeria e si candida come difensore dell'orgoglio arabo-islamico contro l'Occidente. Qual è la posizione di Hezbollah?Hezbollah sostiene le azioni militari di resistenza contro l'occupante, contro obiettivi militari in Iraq, in Afghanistan, in Palestina, ma considera un'aberrazione qualunque attentato contro i civili. E poi chi sono questi gruppi per accusare altre forze islamiche di apostasia? Ci sono forti sospetti che siano infiltrati dai servizi segreti Usa, soprattutto in Afghanistan. L'islam di Hezbollah sostiene la diversità culturale e politica. Al Manar sostiene la resistenza di tutti gli oppressi del mondo, siamo terzomondisti e altermondialisti. La «mezzaluna sciita» agitata da Bush è uno spauracchio che non corrisponde alla realtà. In gioco, per noi, non ci sono questioni etniche - sciiti contro sunniti, cristiani contro musulmani e via dicendo - ma la necessità di impedire la presa esterna sulle nostre ricchezze e sulla nostra regione. Gli Usa hanno appena venduto ai paesi del Golfo persico armi per 10 miliardi di dollari facendo leva sulla paura dell'Iran e del suo presunto uso del nucleare militare. Anche a dispetto dei rapporti degli stessi servizi segreti secondo i quali l'Iran ha smesso il programma di ricerca nucleare. Fomentare la paura serve a Bush per accrescere l'industria bellica con l'aumento del prezzo del petrolio.
Quale spazio c'è per le donne in Hezbollah?Abbiamo proposto un cambiamento dello statuto interno, che conteneva norme tradizionaliste, che proibivano la partecipazione femminile ad alcuni settori della vita politica. Prima non era stato possibile farlo perché la priorità era necessariamente quella della lotta contro l'occupazione militare. In Afghanistan l'avanzata dell'islam ha rinchiuso e soffocato le donne, in altri paesi come l'Iran, che conosco bene, oggi non è così. In Libano oggi abbiamo ottime relazioni con le donne del Partito comunista, e obiettivi comuni: fare gli interessi delle classi popolari, e soprattutto preservare la resistenza nella sua forma logistica, militare e organizzativa. Hezbollah non è una milizia, ma un movimento di resistenza popolare che ha permesso al paese di difendersi e smetterà di esistere quando cesserà l'aggressione israeliana. Un proverbio dice: la forza del Libano è nella sua debolezza. Noi diciamo: la forza del Libano, è nella sua forza.

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    Disarmo
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Il 3 novembre un fortissimo terremoto ha colpito la città serba di Kraljevo
    Pace
    Terremoto in Serbia

    Il 3 novembre un fortissimo terremoto ha colpito la città serba di Kraljevo

    Immediata la mobilitazione e la raccolta fondi di Un Ponte Per... Alessandro di Meo: la Serbia è rimasta sola
    4 novembre 2010 - Un Ponte Per...
  • Conflitti

    Liberi da cosa?

    Breve analisi del recente voto in Kossovo
    16 dicembre 2009 - Alessandro Di Meo
  • L'umanità del sottosuolo
    Palestina
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)