Conflitti

Testimonianza da Falluja

Fonti verificate hanno segnalato la presenza di tiratori scelti americani
a Falluja.
13 aprile 2004
Un Ponte Per ...

Da piu' giorni, i cecchini controllano gli ingressi della citta' e la strada principale.
Secondo piu' fonti, tiratori scelti sono appostati anche di fronte agli ospedali e ai centri sanitari, mirando ai feriti e ai soccorritori che accedono alle strutture sanitarie.
"Ci sono cecchini americani sui tetti - conferma Joe Wilding, giornalista indipendente, entrata a Falluja due giorni fa - In ospedale ho incontrato una donna che stava cercando di abbandonare la citta'. Viaggiava in macchina e sventolava un fazzoletto bianco per essere riconosciuta. Le hanno sparato. In ospedale teneva ancora stretto il fazzoletto".
Sono stati inoltre riportati almeno due casi accertati di cecchini che hanno aperto il fuoco contro ambulanze. "Sono entrato a Falluja due giorni fa - spiega David Martinez, un videoperatore freelance - Ero a bordo di una ambulanza con altri colleghi internazionali. Stavamo andando a casa di una irachena. Dovevamo assicurare il trasporto fino all'ospedale a una donna
incinta che stava per partorire. Ci hanno sparato, nonostante stessimo viaggiando su un'ambulanza".
Oltre alla grave violazione delle convenzioni internazionali per la protezione delle vittime di guerra, la presenza di cecchini impedisce il soccorso e l'evacuazione dei feriti, rendendoli molto rischiosi.
Sia Joe Wilding sia David Martinez hanno raccolto dalla strada il corpo di un uomo colpito alle spalle. "Era un anziano, stava camminando, non era armato e gli hanno sparato da dietro - spiegano Wilding e Martinez - La famiglia, terrorizzata, non ha potuto soccorrerlo, per paura di essere colpita". "Molti feriti muoiono per la strada perche' non vengono soccorsi in tempo", aggiunge David Martinez.
Alcuni testimoni parlano anche di feriti da cluster bomb. L'uso di bombe a grappolo, vietato dalle convenzioni internazionali, e' stato riportato da piu' fonti presenti a Falluja e dal personale".

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)