Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Battaglia di Nassirija: 12 ore di scontri e decine di vittime. Nessuna immagine

13 aprile 2004 - Antonio Camuso
Fonte: Osservatorio sui Balcani di Brindisi

Sulle tv italiane rimbalzano immediatamente le immagini di Silvio Berlusconi in visita lampo sabato scorso ai soldati italiani di stanza a Nassiriya. Una prontezza e capacità che stride con il vuoto totale di immagini sia fotografiche che video o semplici registrazioni sonore sui fatti del 6 aprile: lo scontro a fuoco tra gli italiani e gruppi di ribelli sciiti che occupavano i tre ponti a sud della città.
Un vuoto preoccupante, che sa troppo di "censura di guerra". Ricordiamo come in quegli scontri sono morti alcune decine di iracheni, non solo civili armati, in gergo definiti miliziani, ma anche donne e bambini, oltre al ferimento di molti altri insieme ad una dozzina di soldati italiani. In quegli scontri sono stati distrutti quattro nostri mezzi militari, beni pubblici andati in fumo come anche i trentamila proiettili (umanitari) di ogni calibro sparati dai nostri soldati nel corso di 7 ore di battaglia vera e propria e oltre 12 ore di assedio al terzo ponte mai definitivamente conquistato.

Quella operazione di "ordine pubblico" il cui scopo era solo quello di sgombrare tre ponti da "occupanti abusivi" che intralciavano il traffico si è tramutata in uno scontro a fuoco che si può paragonare solo in parte alla "battaglia del pastificio", il check point Pasta, a Mogadiscio, il 2 luglio del 1993 e che costò la vita ad alcuni italiani e alcune decine di morti e un centinaio di feriti tra i civili somali.

Undici anni fa le "antiquate" strutture di comunicazione mediatiche dello Stato Maggiore dell'Esercito fecero arrivare nel giro di due ore le immagini: i nostri soldati che si ritirano a piedi riparandosi dietro i mezzi, alcuni feriti che sparano sotto un piovere di pietre e proiettili di kalashinov, mentre arretrano davanti ad una folla tumultuante decisa ad impedire la scelta assurda degli italiani (richiesta dal comando americano) di voler occupare il Pastificio, semidiroccato, situato al centro di uno dei quartieri più popolosi e fedeli ad Aidid.

Di quello scontro che durò poco meno di un'ora gli italiani seppero tutto immediatamente al contrario di oggi, in cui speriamo nei fotogrammi carpiti da qualche Ts araba.

Da chi dovrebbe essere stata filmata questa operazione se tutti gli standard operativi collaudati in tredici anni di operazioni "umanitarie" da parte dell'Esercito Italiano sono stati rispettati?

Innanzitutto dagli operatori video militari che sono direttamente al comando del generale Chiarini, comandante della Task Force di stanza a Nassiriya. I loro video e le immagini fotografiche sono stati inviati in tempo reale attraverso il satellite di Comunicazioni militari italiano Sicral (entrato in funzione nel febbraio 2001) presso lo Stato Maggiore Esercito e da lì al Ministero della Difesa. Conoscendo l'esperienza del generale Chiarini, già ex Capo di Stato Maggiore del Comando di Armata di Reazione rapida della Nato, ex comandante della brigata nazionale Sud-Est di Mostar nella missione Sfor in Bosnia ed ora comandante della missione italiana a Nassiriya non possiamo credere che una volta preparata l'operazione "Ponti liberi" non abbia inviato al seguito dei soldati l'apposito reparto di operatori video al suo comando, procedura che ha sempre eseguito sul territorio ex yugoslavo.

Ricordiamo come presso il compound White Horse sono attivi ben tre collegamenti satellitari: due mediante il sistema Sicral (militare) ed uno di back-up tramite la rete commerciale Eutelsat. Inoltre presso tutti i reparti vi sono terminali Sicral e come anche alcuni dei mezzi blindati Vm-90 abbiano in dotazione antenne Sicral rendendo possibile allo Stato Maggiore Esercito a Roma di essere virtualmente presente sul campo di operazioni.

Inoltre vi erano gli elicotteri Hh-3F del 6° Roa dell'Aeronautica Militare che seguivano e coordinavano dall'alto. Questi velivoli dovrebbero aver filmato tutto, non solo con le videocamere portatili in dotazione agli equipaggi, ma anche grazie alle telecamere fisse ad alta definizione di cui sono stati dotati per la missione Babilonia. I filmati dovrebbero essere reperibili presso la base dell'Am a Tallil, 20 Km da Nassirya, e comunque dovrebbero essere già giunti attraverso il satellite Sicral allo Stato Maggiore dell'Aeronautica a Roma ed anch'essi presso il Ministero della Difesa.

Un altro reparto che secondo resoconti giornalistici ha preso parte all'operazione è il Rgt San Marco, reparto scelto della Marina Militare, di stanza a Brindisi. Di esso sappiamo come curi accuratamente la documentazione fotografica di ogni evento, sia esso un addestramento o cerimonia od operazione reale. Riteniamo che anche in questo caso immagini video e registrazioni sonore degli ordini impartiti per radio da parte dei vari comandi siano state così acquisite da "Supermarina" e a disposizione del ministero della Difesa.

L'aver usato i carri Centauro del 132° Rgt Ariete come "Soluzione Finale" ci dà anche la sicurezza che le videocamere installate sul Carro Comando del raggruppamento utilizzato oltre quelle automaticamente sincronizzate al sistema di sparo dei cannoni da 105 mm (capaci di filmare in condizioni di assoluta oscurità) abbiano registrato accuratamente tutte le fasi dell'operazione. A meno di qualche disgraziato "incidente" che ne provochi la distruzione, questi filmati dovrebbero presto giungere, per lo meno in copia, presso il comando del 132° Rgt Carri sito a Cordenons (Pordenone) e presso la Caserma Leccisi di Orcenigo Superiore (Pordenone) sede Comando dell'11° Rgt Bersaglieri.

Infine, sui filmati dei "Servizi" c'è ben poco da dire, sappiamo la loro mania nel riprendere ogni singolo manifestante noglobal in Italia, figurarsi in quella che doveva essere la controrisposta ai tumulti del giorno prima che avevano portato al ferimento di tre carabinieri e alla distruzione di alcuni blindati dei Cc.

Ci sarà qualcuno che vorrà mai rendere pubbliche quelle immagini o il timore che possano sconvolgere un'opinione pubblica che vive nell'idea dei nostri soldati come portatori di pace, distributori di caramelle, che dissetano e rifocillano l'umanità dolente impedirà la nostra voglia di conoscenza senza limiti e censure?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)