Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Il generale Myrs rivela che la rivolta scita e' stata voluta dalle forze di occupazione

14 aprile 2004 - RITT GOLDSTEIN
Fonte: Il Manifesto
www.ilmanifesto.it

edita da American leftist la foto di bush ottenuta con quelle di soldati uccisi in Iraq


Nessuna sorpresa»: parola di generale
La rivolta? L'abbiamo provocata noi. Lo disse il capo delle forze armate Usa, Myers, il 7 aprile al Pentagono
RITT GOLDSTEIN
Da quando è iniziata la rivolta in Iraq, molti militari e civili iracheni sono morti nel grande massacro. I resoconti di alcuni media lasciano intendere che l'incompetenza degli Stati uniti abbia contribuito ad accelerare la carneficina, altri suggeriscono che sia stata consapevolmente perseguita, secondo un'agenda prestabilita. Un briefing del Pentagono del 7 aprile ha svelato la realtà, che stranamente nessuno ha colto. Il più alto ufficiale degli Usa, il presidentedei joint chiefs of staff generale Richard Myers, ha descritto esplicitamente il ruolo dell'America nello scatenare deliberatamente gli avvenimenti attuali. Come risulta da una trascrizione ufficiale del briefing, avuta dal dipartimento della difesa statunitense, in un'ammissione sbalorditiva che le forze Usa hanno deliberatamente provocato le violenze, il generale Myers ha dichiarato che le azioni americane che hanno dato origine alla sollevazione non erano affatto casuali. La tattica aggressiva era stata scelta ben sapendo che vi sarebbe stata opposta «resistenza». Il generale ha letteralmente affermato: «Ciò che ha contribuito a questo (la rivolta) è stata la nostra azione offensiva: la chiusura del giornale che ...appoggiava uno dei suoi (di Moqtada al-Sadr) luogotenenti, Yacoubi. E non era certo una sorpresa o un imprevisto che ci sarebbe stata una certa resistenza». L'attuale carneficina è stata consapevolmente scatenata dall'azione degli Stati uniti e sembra che, una volta deliberatamente spalancato, l'inferno che ne è seguito sia sfuggito al loro controllo. Le circostanze della morte dei mercenari a Falluja e poi la chiusura di al-Hawza, il giornale legato al leader sciita Moqtada al-Sadr, ha creato la bomba a orologeria del dissenso popolare. Nell'atmosfera esplosiva del momento, e immediatamente prima dell'inizio della sollevazione, le forze della coalizione hanno arrestato un uomo chiave di al Sadr, Mustafa al-Yacoubi, facendo deflagrare la rivolta. E come ha detto il generale Myers, la resistenza non era né una «sorpresa» né un «imprevisto».

Ma mentre l'Amministrazione Bush giocava coi fiammiferi, sono state le truppe e gli iracheni a bruciare. Si ritiene che l'Amministrazione abbia agito nel perseguimento di quelli che vengono ritenuti imperativi politici, come la legittimazione di una presenza a lunga scadenza delle truppe Usa in Iraq e il bisogno di distogliere l'attenzione pubblica dai problemi dell'11 settembre. Immediatamente dopo lo scoppio della rivolta, in una trasmissione d'informazione che va in onda in tutto il paese, il presidente repubblicano del comitato per le relazioni estere del Senato ha detto: «La nostra attenzione è tutta concentrata sull'11 settembre, su chi ha fatto che cosa e chi non l'ha fatto, invece dovrebbe essere concentrata sul 30 giugno», il giorno in cui la coalizione dovrebbe restituire la sovranità all'Iraq. E l'attenzione del pubblico e dei media si è in effetti spostata.

Improvvisamente Washington è stata inondata di discorsi sui rischi che nascerebbero da un trasferimento della sicurezza nelle mani degli iracheni. Ma si è dimenticato un fatto fondamentale riguardo al 30 giugno - cioè che non cambia una virgola per quanto riguarda la presenza militare o il ruolo degli Stati uniti. Non è mai stato fatto alcun piano di trasferimento della responsabilità della sicurezza agli iracheni, mai. Come stabilito dal dipartimento della difesa Usa, tutto quello che gli iracheni il 30 giugno riceveranno è una porzione molto limitata di potere poltico, niente di più. Secondo quanto riportato nella trascrizione del dipartimento della difesa del briefing del 3 marzo della Coalition provisional authority, la data del 30 giugno è militarmente insignificante. «Non pensiamo che quella sia una data militarmente importante in termini di cambiamento delle nostre tattiche, delle procedure e delle tecniche, né della nostra missione», ha dichiarato il generale americano Mark Kimmit, deputy director delle operazioni della coalizione. «Ci aspettiamo di operare il 15 luglio esattamente come opereremo il 15 giugno».

La questione della «sicurezza» del 30 giugno è un falso dibattito, un palese strattagemma. Il 6 aprile, il vicepresidente americano Dick Cheney ha confermato che non si è mai avuta l'intenzione di trasferire le responsabilità della sicurezza, definendo il dibattito in proposito come «un pò di confusione». Quello su cui non c'è alcuna confusione è la speranza di avere basi e fonti di energia in Iraq.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)