Conflitti

APPELLO DELLE ORGANIZZAZIONI UMANITARIE INTERNAZIONALI PRESENTI IN IRAQ PER LA FINE DELLE OSTILITA’

14 aprile 2004
Fonte: Coordinamento emergenza

- 14 aprile 2004

Il coordinamento per l’emergenza dell’NCCI denuncia la violazione delle convenzioni internazionali che regolano i conflitti armati, in particolare i tentativi di ostacolare la protezione e il soccorso dei feriti.
Le ONG condannano le operazioni militari a danno dei civili iracheni e, in particolare:

°L’occupazione da parte delle forze della coalizione del principale ospedale universitario di Najaf e dell’ospedale generale di Falluja (sono stati sfollati i pazienti e l’ospedale e’ stato chiuso)
°Gli attacchi alle ambulanze
°L’utilizzo dei centri sanitari per operazioni militari
°Il mancato rispetto dei luoghi religiosi
°L’arresto dei pazienti all’interno degli ospedali
°L’impedimento dell’accesso dei feriti nelle strutture sanitarie
°Utilizzo dei cecchini per colpire i feriti che entrano nelle strutture sanitarie
°Il divieto di evacuare da Falluja per gli uomini tra i 18 e i 40 anni
°L’utilizzo di armi bandite dale convenzioni internazionali

Il numero di morti e feriti e’ in costante aumento, mentre la popolazione civile e’ stata costretta ad abbandonare i luoghi degli scontri. Mancano cibo, acqua potabile e medicine. Persistono seri ostacoli nella distribuzione dei generi di prima necessita’ e d’emergenza.
Le organizzazioni umanitarie chiedono la cessazione delle operazioni militari nella citta’ di Falluja e fanno comunque appello alle parti in conflitto di proteggere la popolazione civile, come previsto dalla legislazione internazionale.
Le organizzazioni internazionali ritengono i tentativi in atto di raggiungere un ‘ cessate il fuoco ‘ a Falluja un passo importante e richiedono seri sforzi per raggiungere la fine delle ostilita’ e una soluzione pacifica del conflitto.
Le organizzazioni umanitarie che continuano a provvedere all’assistenza alle vittime del conflitto in tutto il paese, nonostante i molti ostacoli, richiedono alle parti in conflitto di rendere più semplici le operazioni di aiuto e di non ostacolare i loro interventi.

Note: L’NCCI è il coordinamento delle organizzazioni umanitarie di tutto il mondo che lavorano in Iraq. E’ Attualmente composto da circa 90 ONG, tra cui le italiane Un Ponte per.., ICS, Intersos e
Terre des Hommes

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)