Conflitti

Iraq, agli Usa saltano i nervi

Denuncia delle Ong presenti: "cecchini americani sui tetti delle case"
22 aprile 2004
Fonte: Rai.it

Avrebbero messo da parte le tattiche imparate nei corsi di
addestramento. Alcune notizie che trapelano dalle organizzazioni non
governative operanti in Iraq parlano di utilizzo di armi e azioni 'non
convenzionali' da parte dell'esercito Usa, piegato dalla guerriglia
urbana che quotidianamente mette in ginocchio con continue perdite la
'macchina da guerra' di Washington caduta nel 'pantano polveroso' di un
Paese che non e' piu' in grado di gestire.

Il coordinamento per l'emergenza dell'Ncci, organismo che coordina 90
organizzazioni non governative di tutto il mondo operanti in Iraq (tra
cui le italiane Un Ponte per.., Ics, Intersos e Terre des Hommes),
denuncia "la violazione delle convenzioni internazionali che regolano i
conflitti armati, in particolare i tentativi di ostacolare la protezione
e il soccorso dei feriti".

Fa rabbrividire l'elenco delle violazioni: "operazioni militari a danno
dei civili iracheni, occupazione da parte delle forze della coalizione
del principale ospedale universitario di Najaf e dell'ospedale generale
di Falluja (sono stati sfollati i pazienti e l'ospedale è stato
chiuso)", oltre agli "attacchi alle ambulanze, l'utilizzo dei centri
sanitari per operazioni militari, il mancato rispetto dei luoghi religiosi".

Nella stessa nota, l'Ncci denuncia "l'arresto dei pazienti all'interno
degli ospedali, l'impedimento dell'accesso dei feriti nelle strutture
sanitarie, l'utilizzo dei cecchini per colpire i feriti che entrano
nelle strutture sanitarie, il divieto di evacuare da Fallujah per gli
uomini tra i 18 e i 40 anni, l'utilizzo di armi bandite dale convenzioni
internazionali".

Il numero di morti e feriti è in "costante aumento", sottolineano le
Ong, mentre la popolazione civile è stata "costretta" ad abbandonare i
luoghi degli scontri. "Mancano cibo, acqua potabile e medicine.
Persistono seri ostacoli nella distribuzione dei generi di prima
necessità e d'emergenza".

Il braccio di ferro con la resistenza fa segnare il passo e monta il
nervosismo da quando numerosi stranieri sono rapiti dalle milizie
integraliste a segnare la conferma di un'incapacita' delle truppe della
Alleanza di avre il pieno controllo del territorio.

Note: http://www.rai.it/accessibile/news/articolonews/0,9217,76044,00.html

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)