Conflitti

Afghanistan, la missione di civiltà dei soldati americani

Assolti i marines americani con la bandiera delle SS

Hanno esibito simboli nazisti ma "hanno agito senza malizia". Cosa ci si può aspettare da soldati così? Riportiamo alla ribalta questo fatto del 2012 perché spiega molto bene il recente veto USA all'indagine della Corte Penale internazionale sui crimini di guerra in Afghanistan
14 aprile 2019
Redazione PeaceLink
Fonte: blitzquotidiano.it

Marines con i simboli delle SS, ne è stata confermata l'autenticità. I soldati non sono stati sanzionati

"Hanno agito per ignoranza e senza malizia": con queste parole il corpo dei Marines ha assolto il gruppo di tiratori scelti che si erano fatti una foto ricordo in Afghanistan con una grande bandiera americana con iscritto il simbolo nazista delle 'SS' a fare da sfondo.

L'immagine, circolata su Internet, aveva fatto scandalo.

Ma il comandante dei 10 marines ritratti nella foto-scandalo ha deciso di non punire i suoi ragazzi, ma – ha spiegato un portavoce del Corpo – di "utilizzare l'occasione per insegnare la storia del nazismo ed il potere dei simboli". "Un colpo, un morto", si legge su questo simbolo dei marines che hanno esibito la bandiera con il simbolo delle SS in Afghanistan

In una nota i marines definiscono l'utilizzo del simbolo delle 'SS' "inaccettabile" e promettono che "comportamenti simili non verranno tollerati in futuro e se ripetuti saranno soggetti a punizione".

La vicenda ha disturbando l'opinione pubblica Usa, già scioccata dal video - girato nel 2012 - dei marines che urinavano sui corpi di talebani morti.

Ma cosa ci si può aspettare da soldati così? Riportiamo alla ribalta questo fatto del 2012 perché spiega molto bene come mai gli USA hanno posto il veto all'indagine della Corte Penale internazionale sui crimini di guerra in Afghanistan.

Il 15 marzo scorso infatti il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno deciso di revocare e negare i visti al personale della Corte penale internazionale (Cpi): non possono entrare in Afghanistan.

L'amministrazione statunitense, da tempo, definisce la Corte penale internazionale "illegittima", come detto da Trump, durante l'ultimo intervento all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, e dal consigliere per la sicurezza nazionale, l'ex ambasciatore John Bolton, che aveva parlato della Corte dell'Aia come di un tribunale "antitetico ai valori della nostra nazione".

Note: Per giustificare la foto con la bandiera nazista - scattata nel settembre 2010 nella citta' di Sangin, nell'Afghanistan del Sud - i marines hanno detto che avrebbero scambiato il simbolo 'SS' per 'Scout Sniper', ossia la sigla che indica i tiratori scelti della loro squadra.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)