Conflitti

Il veto americano

Non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra

Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Corte penale internazionale
14 aprile 2019
Redazione PeaceLink

Marines in Afghanistan con i simboli delle SS. La foto è autentica ed è del 2010. Un portavoce dei marines ha condannato l'uso dei simboli nazisti senza specificare quali provvedimenti siano stati presi.

Il veto americano: non sarà possibile indagare in Afghanistan sui crimini di guerra. Gli Stati Uniti infatti hanno negato i visti di ingresso agli investigatori della Cpi (Corte penale internazionale), di cui non riconoscono l’autorità, e di conseguenza i magistrati che devono dare luce verde al procuratore non possono concedere che si proceda a indagare su un Paese agli archivi del quale non si può accedere.

Per saperne di più clicca sul sito di Atlanteguerre.

Note: Il corpo dei Marines americani ha ammesso il 9 febbraio 2012 che un suo plotone di stanza in Afghanistan ha usato una bandiera con il “logo” delle SS naziste nel 2010, come dimostrato dalla fotografia presente in questa pagina web, circolata in rete. La foto è stata scattata nella zona di Sangin, nella provincia di Helmand: i marines appartengono a un battaglione con sede in California. Un portavoce dei Marines ha dichiarato che le autorità militari sono venute a conoscenza della foto e ha diffuso una comunicazione che condanna l’uso dei simboli nazisti ma non ha riferito di provvedimenti presi.

Articoli correlati

  • Assolti i marines americani con la bandiera delle SS
    Conflitti
    Afghanistan, la missione di civiltà dei soldati americani

    Assolti i marines americani con la bandiera delle SS

    Hanno esibito simboli nazisti ma "hanno agito senza malizia". Cosa ci si può aspettare da soldati così? Riportiamo alla ribalta questo fatto del 2012 perché spiega molto bene il recente veto USA all'indagine della Corte Penale internazionale sui crimini di guerra in Afghanistan
    14 aprile 2019 - Redazione PeaceLink
  • “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia
    Disarmo
    Le iniziative del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni)

    “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia

    L’accordo per la cooperazione scientifica e tecnologica si integra con quello specificamente militare poiché le armi sono sempre più legate allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica
    31 marzo 2019 - Rossana De Simone
  • Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani
    Conflitti
    "Migliaia di talebani uccisi dal contingente italiano", lo scrive oggi un analista militare

    Afghanistan, la scomoda verità mai raccontata dai governi italiani

    Un impegno in prima linea negato in nome della retorica della "missione di pace". Adesso che si sta discutendo del ritiro del contingente italiano, il governo dovrebbe fare piena luce su questa violazione dell'articolo 11 della Costituzione Italiana
    29 gennaio 2019 - Alessandro Marescotti
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)