Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

La nostra vittoria

29 aprile 2004 - Emergency
Fonte: Il Manifesto - 29 aprile 2004

Emergency aderisce alla manifestazione indetta per oggi (o richiesta) dalle famiglie dei tre ostaggi. «Dalle famiglie» per non dire richiesta o imposta dai sequestratori? Possiamo anche sforzarci di capire chi è preoccupato di queste distinzioni e si pone questi problemi. Emergency non ne ha di simili. Forse per la diversa prospettiva: se «per mestiere» si frequenta spesso il bivio tra restare in vita e il suo contrario, la «risposta esatta» è sempre comunque una sola, senza distinguo e senza note a margine. Senza nemmeno interessarsi a chi siano le persone in questione.

Saranno forse rétro il pensiero e le parole, ma per noi chi si trova in sofferenza, in difficoltà, in pericolo di vita è interamente «restituito al genere», solo un essere umano in difficoltà che si deve assolutamente aiutare. Assolutamente - in traduzione corrente: «senza se e senza ma». A chi detiene tre persone e minaccia di sopprimerle diciamo: «Se parlate di pace e dignità, usate parole che anche noi usiamo contro questa guerra. Contro ogni guerra, ogni violenza, ogni violazione della dignità di qualsiasi persona. Usate parole che giudicano anche voi».

Troviamo la guerra inaccettabile per una ragione che si tocca con mano in una sala operatoria, in una corsia d'ospedale: corpi integri un'ora prima, distrutti non da qualcosa d'inevitabile, ma da qualcosa che qualcuno ha voluto e chiama successo, vittoria.

Se per ragionare occorre partire da qualche convinzione elementare, l'assurdità di questo stato di cose è un'evidenza di base, che non richiede spiegazione e si chiarisce da sé.

Quando un esperto di diritto internazionale, un generale, un politico dicono la loro sulla guerra - giusta o legittima o chissà che - non si ascolta una sillaba che dia risposta a quell'assurdità. Quale idea di guerra è «vera», decisiva, tra la loro (giuristi, politici, generali...) e la nostra? Le considerazioni definite «umanitarie» non si lasciano ridurre a marginalità secondarie, riservate ad anime belle e infantili.

Tante volte i contenuti «politici» della guerra si sono trovati di fronte ai suoi contenuti umani, ma il confronto è stato eluso. Si ripresenta oggi, quando per molti non si deve «cedere ai ricatti», o accordare «riconoscimenti politici»... mentre altri trovano incomprensibili questi non expedit di fronte a ciò che è in gioco: la vita e la morte di persone. Diranno pure qualcosa gli studiosi di diritto e di morale, quando parlano di «stato di necessità», di «ragioni di forza maggiore».

Oggi parteciperemo a una manifestazione rivolta a interlocutori sconosciuti, ai quali nessuno dirà di condividere le loro azioni. Diremo che questa guerra è assurda: come ogni altra; diremo che questa guerra è secondo tutti illegale, una violazione evidente di regole accettate e condivise. La guerra non è il contesto nel quale l'umanità e la pietà prevalgono; ci troviamo a richiederle agli aggrediti, dopo non avere avuto ascolto dagli aggressori.

Diremo che, se qualcosa è vittoria, sta nel salvare o risparmiare più vite umane, non nel distruggerne di più.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)