Conflitti

Mai la democrazia a suon di bombe

9 maggio 2004
Massimo Fini
Fonte: http://www.quotidiano.net - 04 maggio 2004

Si sono mai visti dei terroristi attaccati da decine
di carri armati e di aerei 130H Spectre, con bilanci
di centinaia di morti? No, non si sono mai visti.
Eppure è quanto sta accadendo a Falluja, dove gli
americani, dopo settimane di assedio, stanno
attaccando e bombardando la città, e anche, sia pure
in dimensioni minori, a Najaf. E allora smettiamola di
mentire e di mentirci addosso dicendo che quella in
Iraq è una lotta al terrorismo internazionale e quindi
una legittima conseguenza all'attacco dell'11
settembre.

Quella in Iraq è una guerra a una popolazione che,
nella sua maggioranza, sia nella componente sunnita
(Falluja) che sciita (Najaf), non ci sta alla
'liberazione' americana. E non ci sta per la semplice
ragione che è stata enunciata dal nunzio apostolico di
Bagdad, che credo nessuno possa accusare di
estremismo, anche se la tendenza ormai invalsa in
Italia è di annoverare fra i criptoterroristi tutti
quelli che sono contrari a questa guerra.

Ha detto il nunzio: "Il fatto è che gli iracheni non
vogliono essere occupati da eserciti stranieri". E'
tanto stravagante e bizzarra questa ripulsa? E' una
cosa che può suonar così singolare a noi italiani che
nella nostra storia siamo vissuti tante volte sotto il
tallone di ferro di eserciti e governi stranieri si
trattasse di francesi, spagnoli o tedeschi? Ha detto
uno dei guerriglieri di Falluja all'inviato del
Corriere della Sera, Claudio Lazzaro, entrato in città
con la Croce Rossa: "Gli americani bombardano,
ammazzano e poi dicono che ci vogliono insegnare la
democrazia. Loro vogliono comandare, ma questa è casa
nostra, siamo noi che dobbiamo decidere chi ci
rappresenta". Non si sarebbe potuto dir meglio. E c'è
anche da aggiungere che mentre il ricatto delle
Falangi Verdi, oltre che turpe, è assolutamente
inaccettabile - e non va accettato nemmeno nelle forme
surrettizie, subdole, all'italiana che invece si van
preparando - il merito del loro comunicato è del tutto
condivisibile: "Annunciamo a voi e a tutti gli uomini
liberi del mondo che la nostra è una causa giusta.
Stiamo difendendo la nostra terra, il nostro onore e i
nostri sacri valori, mentre le forze del male sono
venute da oltre gli oceani per occupare la nostra
terra. E' dunque nostro diritto difendere le nostre
terre e questo diritto è contemplato dalle leggi
celesti e dalle leggi internazionali". Potrebbero
essere, a parte qualche dettaglio, parole di un eroe
del nostro Risorgimento. Parole sacrosante.

Articoli correlati

  • Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate
    Pace
    Confine Iraq-Siria

    Riunite con i loro bambini “futuri terroristi”, le donne yazidi vengono ripudiate

    Gli anziani yazidi rinnegano i figli delle ex schiave dello Stato islamico, costringendole a scegliere tra i loro bambini e la loro comunità
    9 aprile 2021 - Martin Chulov e Nechirvan Mando ad Arbil
  • Un viaggio di pace
    Pace
    Nel Kurdistan iracheno il momento finale del viaggio di Papa Francesco

    Un viaggio di pace

    I Curdi e il Kurdistan, grazie alla loro accoglienza al Papa, hanno confermato, come sempre, di essere un popolo di pace e terra di accoglienza, fratellanza e convivenza tra culture, religioni ed etnie diverse, se questa terra viene lasciata e tenuta lontana dagli interessi politici ed economici.
    7 marzo 2021 - Gulala Salih
  • Iraq, la rivolta continua
    Conflitti
    La situazione attuale

    Iraq, la rivolta continua

    Dopo la pandemia, il crollo del prezzo del petrolio e la nomina, frutto del compromesso tra USA e Iran, di al-Kadhimi come primo ministro, cosa è cambiato?
    19 ottobre 2020 - Valeria Poletti
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)