Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Mai la democrazia a suon di bombe

9 maggio 2004 - Massimo Fini
Fonte: http://www.quotidiano.net - 04 maggio 2004

Si sono mai visti dei terroristi attaccati da decine
di carri armati e di aerei 130H Spectre, con bilanci
di centinaia di morti? No, non si sono mai visti.
Eppure è quanto sta accadendo a Falluja, dove gli
americani, dopo settimane di assedio, stanno
attaccando e bombardando la città, e anche, sia pure
in dimensioni minori, a Najaf. E allora smettiamola di
mentire e di mentirci addosso dicendo che quella in
Iraq è una lotta al terrorismo internazionale e quindi
una legittima conseguenza all'attacco dell'11
settembre.

Quella in Iraq è una guerra a una popolazione che,
nella sua maggioranza, sia nella componente sunnita
(Falluja) che sciita (Najaf), non ci sta alla
'liberazione' americana. E non ci sta per la semplice
ragione che è stata enunciata dal nunzio apostolico di
Bagdad, che credo nessuno possa accusare di
estremismo, anche se la tendenza ormai invalsa in
Italia è di annoverare fra i criptoterroristi tutti
quelli che sono contrari a questa guerra.

Ha detto il nunzio: "Il fatto è che gli iracheni non
vogliono essere occupati da eserciti stranieri". E'
tanto stravagante e bizzarra questa ripulsa? E' una
cosa che può suonar così singolare a noi italiani che
nella nostra storia siamo vissuti tante volte sotto il
tallone di ferro di eserciti e governi stranieri si
trattasse di francesi, spagnoli o tedeschi? Ha detto
uno dei guerriglieri di Falluja all'inviato del
Corriere della Sera, Claudio Lazzaro, entrato in città
con la Croce Rossa: "Gli americani bombardano,
ammazzano e poi dicono che ci vogliono insegnare la
democrazia. Loro vogliono comandare, ma questa è casa
nostra, siamo noi che dobbiamo decidere chi ci
rappresenta". Non si sarebbe potuto dir meglio. E c'è
anche da aggiungere che mentre il ricatto delle
Falangi Verdi, oltre che turpe, è assolutamente
inaccettabile - e non va accettato nemmeno nelle forme
surrettizie, subdole, all'italiana che invece si van
preparando - il merito del loro comunicato è del tutto
condivisibile: "Annunciamo a voi e a tutti gli uomini
liberi del mondo che la nostra è una causa giusta.
Stiamo difendendo la nostra terra, il nostro onore e i
nostri sacri valori, mentre le forze del male sono
venute da oltre gli oceani per occupare la nostra
terra. E' dunque nostro diritto difendere le nostre
terre e questo diritto è contemplato dalle leggi
celesti e dalle leggi internazionali". Potrebbero
essere, a parte qualche dettaglio, parole di un eroe
del nostro Risorgimento. Parole sacrosante.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)