Conflitti

Palestina:dal presidio di Nablus

riceviamo dal nuovo turno del presidio
25 maggio 2004
Fonte: assopace


Nablus 21 maggio

Sono le 17,30, dopo una notte tanquilla la giornata fresca e soleggiata
non ha riservato cattive sorprese.
Giorni addietro, al campo di rifugiati di Balata abbiamo visitato un mostra
fotogtrafica della Palestina dagli anni Venti al 1948. Rassegna di immagini,
talvolta drammatiche, che capovolgono l'assioma sionista di "una terra senza
popolo".
Un popolo e la sua civiltà, le belle case, i villaggi, che nel susseguirsi
cronologico delle fotografie, appaiono oltraggiati, distrutti, cancellati
dall'aggressiva presenza dell'altro che non riconosce altro da se.
Anche qui è il bianco europeo, non diversamente che nelle Americhe, a scaricare
i suoi torti, i suoi derelitti o i suoi conquistadores, per predare le terre
altrui. Che di spogliazione si tratta proprio quanto più si ammanta di fanatismo
religioso o laico espansionismo.

Prima di lasciare Balata siamo andati a trovare Mohammed Naim Alaraj, padre
di un bambino ucciso recentemente dagli Israeliani. è una storia come tantissime
in questa terra. Connotata da un elemento drammaticamente originale. Il
bambino morì sulla porta di casa colpito deliberatamente da un soldato,
nel corso di una ennesima provocazione compiuta dalle camionette militari
nel campo. La sera dopo, l'altro soldato israeliano che si trovava a bordo
della jeep, bussò alla porta della famiglia in lutto e piangendo espresse
la sua disperazione per quanto accaduto.
Nonostante la disperazione condivisa la morte non torna indietro.

Articoli correlati

  • L’attivismo per la Palestina
    Palestina
    Un popolo distrutto dallo strapotere di un governo occupante e criminale

    L’attivismo per la Palestina

    Gaza vive ancora grazie a questo Mosaico di Pace attivista e alle tante associazioni filopalestinesi che spendono e dedicano la vita a una causa nobile come è la sopravvivenza ed esistenza del popolo palestinese e di tutti i popoli del mondo, nel filo rosso dell’amore per l’umanità intera
    2 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Come i Palestinesi vedono la guerra siriana
    Palestina
    I Palestinesi sono ora convinti che la loro causa non sia una priorità dell’opposizione siriana

    Come i Palestinesi vedono la guerra siriana

    Un sondaggio del settembre 2012 rilevò che quasi l’80% degli intervistati in Cisgiordania e Gaza sostenevano i manifestanti e l’opposizione siriana. Ma nel corso degli anni, quando la rivolta siriana si trasformò in un sanguinoso conflitto settario, le posizioni iniziarono a cambiare.
    Adnan Abu Amer
  • Parlamento tedesco: protesta contro la mozione anti-BDS 
    Palestina
    Berlino. Si chiede al governo tedesco di lottare contro razzismo e apartheid

    Parlamento tedesco: protesta contro la mozione anti-BDS 

    Il BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) è il movimento globale nonviolento composto da attivisti palestinesi, israeliani e persone della società civile il cui scopo è di perseguire la piena uguaglianza in termini di libertà, giustizia e dignità nella terra Palestina e Israele
    13 luglio 2019 - Francesco Barbati
  • Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi
    Palestina
    Articolo di Alessandra Mincone da Nena News

    Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi

    Dalla prigione di Ashqelon a quella di Damon i detenuti palestinesi, donne e uomini, portano avanti questa forma di protesta che riesce a frenare abusi e restrizioni attuate dalle autorità carcerarie israeliane
    10 luglio 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)