Conflitti

Palestina:dal presidio di Nablus

riceviamo dal nuovo turno del presidio
25 maggio 2004
Fonte: assopace


Nablus 21 maggio

Sono le 17,30, dopo una notte tanquilla la giornata fresca e soleggiata
non ha riservato cattive sorprese.
Giorni addietro, al campo di rifugiati di Balata abbiamo visitato un mostra
fotogtrafica della Palestina dagli anni Venti al 1948. Rassegna di immagini,
talvolta drammatiche, che capovolgono l'assioma sionista di "una terra senza
popolo".
Un popolo e la sua civiltà, le belle case, i villaggi, che nel susseguirsi
cronologico delle fotografie, appaiono oltraggiati, distrutti, cancellati
dall'aggressiva presenza dell'altro che non riconosce altro da se.
Anche qui è il bianco europeo, non diversamente che nelle Americhe, a scaricare
i suoi torti, i suoi derelitti o i suoi conquistadores, per predare le terre
altrui. Che di spogliazione si tratta proprio quanto più si ammanta di fanatismo
religioso o laico espansionismo.

Prima di lasciare Balata siamo andati a trovare Mohammed Naim Alaraj, padre
di un bambino ucciso recentemente dagli Israeliani. è una storia come tantissime
in questa terra. Connotata da un elemento drammaticamente originale. Il
bambino morì sulla porta di casa colpito deliberatamente da un soldato,
nel corso di una ennesima provocazione compiuta dalle camionette militari
nel campo. La sera dopo, l'altro soldato israeliano che si trovava a bordo
della jeep, bussò alla porta della famiglia in lutto e piangendo espresse
la sua disperazione per quanto accaduto.
Nonostante la disperazione condivisa la morte non torna indietro.

Articoli correlati

  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti
    Pace
    Staffetta Medica in Palestina: l’esperienza di un “italian doctor”

    Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti

    Un racconto della prima esperienza in Palestina di un medico di base italiano, nel 2002
    5 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Latina
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Tortura in Israele
    Pace
    Pubblicato da Zambon Editore, 2017

    Tortura in Israele

    Recensione al rapporto delle associazioni umanitarie B’Tselem e HaMoked
    19 dicembre 2017 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)