Conflitti

Palestina: dal presidio di Assopace a Nablus (II)

Resoconto del 23 maggio 2004
26 maggio 2004
Assopace

Nablus
Acquisiamo a poco a poco la normalita della Palestina occupata.
Da due giorni la situazione è tranquilla. Certo la notte ci sono state sparatorie nel centro, certo anche ieri al Campo di Rifugiati di Balata sono entrate le camionette e qualche carro armato si è appostato davanti alla distesa di casupole.
Ma questo è normale per gli abitanti di Nablus e lo sta diventando anche per noi.
Parleremo di sport in questo breve scritto . Potrebbe sembrare un tema inusuale, ma abbiamo scoperto che non lo è. Non lo è soprattutto dopo il divertente e incredibile paradosso della conquista dello scudetto israeliano da parte della squadra di calcio della città di Sakhnin, un club palestinese (ma in israele) che con molti sacrifici è riuscito nella folle impresa.
Ieri sera siamo stati ospiti dell'Ebal Sport Club. Questo sodalizio di Nablus vanta ottocento tesserati, che praticano pallacanestro, femminile e maschile, ping-pong, nuoto, corsa e così via.
Una particolare attenzione è dedicata alle attività sportive dei disabili.
Naturalmente tutti sono dilettanti, ma dilettanti che nella pallacanestro femminile si sono affermate conquistando titoli inertnazionali prestigiosi.
Un terzo posto in Corea in un campionato del mondo, una medaglia d'oro nei Giochi Arabi svoltisi in Giordania nel 2002, ed alter affermazioni. Vorremmo
chiedere come si fa ad allenarsi convivendo quotidianamente con le incursioni e le distruzioni, se non che il presidente del Club, signor Emad Lubadh, ci anticipa "Non è facile conseguire risultati, ma la volontà di riuscire è tanta . Il nostro è un club sportivo, ma è un club sportivo palestinese e come tale ha bisogno ogni giorno di costruire e recuperare per tutti noi una normalità che i nostri giovani, come nessuno di noi riesce ad avere."
Interrompo il report alle 14,45 perchè una fortissma esplosione scuote l'aria.
Cosa succeede? E' solo un F16 che rompe il muro del suono. Ora, sono passati
pochi istanti, una seconda esplosione proviene dal centro cittadino.
Sono le 16.00 la notizia si precisa un'auto è stata centrata da un missile.
Ridotti a pezzettini i corpi dei due passeggeri, ad una torcia fumante la macchina.
Un altro omicidio mirato.
La tranquillità di poco fa è svanita.

Articoli correlati

  • Il problema del cancro a Gaza
    Palestina
    Dal punto di vista epidemiologico

    Il problema del cancro a Gaza

    Questa "programmazione", questo deliberato e continuato intento distruttivo, quanto dovrà ancora durare? Come è possibile continuare a tacere?
    19 marzo 2019 - Laura Tussi
  • Con i miei occhi
    Pace
    Recensione al libro di Felicia Langer (Zambon editore 2018)

    Con i miei occhi

    Una testimonianza della repressione di Israele contro i palestinesi (1967-1973)
    9 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti
    Pace
    Staffetta Medica in Palestina: l’esperienza di un “italian doctor”

    Ma questo…, e’ un tank (un carroarmato)? - di Filippo Bianchetti

    Un racconto della prima esperienza in Palestina di un medico di base italiano, nel 2002
    5 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Guatemala e Honduras scelgono Israele
    Latina
    Il giornalista Maurice Lemoine spiega su Le monde diplomatique il sostegno dei due paesi centroamericani a Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico

    Guatemala e Honduras scelgono Israele

    Fin dagli anni '70 i militari israeliani hanno appoggiato la repressione di indigeni maya e contadini in Guatemala
    10 gennaio 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)