Conflitti

I bambini iracheni

30 maggio 2004
Fonte: war child

Anni di conflitti e sanzioni hanno trascinato un paese, con un passato fiorente, in una situazione di miseria e rovina. La maggior parte della popolazione, i più condannati, i bambini, versa in condizioni sanitarie raccapriccianti, a causa di un regime alimentare insufficiente, della mancanza di medicinali e dell'impossibilità di accedere ad acqua pulita. Il sistema scolastico è a brandelli e i bambini devono affrontare l'angoscia per il loro futuro.
War Child è attualmente presente sul confine iracheno riferendo di una situazione ogni giorno peggiore. Lo staff racconta di bisogni immediati ed è pronto a mettere insieme un forno da campo per nutrire migliaia di profughi iraqueni al giorno, mentre a lungo termine si occuperà di sanità, scuole e problemi psico-sociali dei bambini.
AUMENTO DI MALATTIE E VITTIME
- epidemie, se non con proporzioni di pandemia
- fino a 500 mila persone necessitano di cure a causa di lesioni
- fornitura di medicinali già esaurita e sempre più inadeguata
- rete elettrica danneggiata che compromette la fornitura di energia elettrica e idrica. Il 33% della popolazione ha bisogno di acqua potabile.
EMERGENZA ALIMENTARE
Lo stato nutrizionale di 3 milioni di persone è tremendo e richiederebbe l'alimentazione terapeutica. Oltre 2 milioni di bambini ed 1 milione di
donne in gravidanza sono severamente denutriti. Le organizzazioni umanitarie dovranno provvedere alle necessità alimentari di 5,4 milioni di persone.
PROFUGHI
Circa 600 mila profughi iraqueni hanno bisogno assistenza e circa 100 di
assistenza immediata; circa 2 milioni di profughi necessitano di un alloggio.
DANNI MATERIALI La rete elettrica danneggiata colpisce tutti i settori in particolare l'acqua e i servizi sanitari. Il degrado di un già insufficiente sistema di trasporti, compresi i più importanti ponti distrutti o danneggiati, compromette gli spostamenti di persone e cose, nonché la sicurezza.
Gli effetti di anni di guerra e sanzioni hanno lasciato traumi nell'infanzia. Con la guerra che incombe per alcuni e già vissuta per altri, i bambini iraqueni sono spaventati, preoccupati e depressi ed hanno poche speranze per il loro futuro. Da un'indagine svolta dall'International Study Team, il 40% dei bambini afferma di credere che la propria vita non ha senso. La guerra avrà effetti devastanti sulle esistenze dei bambini iraqueni. La loro salute mentale e fisica è assai peggiore rispetto al dopo Guerra del Golfo del 1991 ; sono molto più vulnerabili ed incapaci di fronteggiare altre avversità. Il 30% dei bambini (1.26 milioni) potrebbe essere a rischio di morte per malnutrizione. Quelli che sopravvivono dovranno combattere con lo stress psico-fisico di aver perso famiglia, amici e le casa contro l'nsicurezza alimentare e le malattie, ed un notevole degrado di un sistema sanitario, idrico, di trasporto e scolastico già misero.
Tradotto da Noemi di Leonardo
>Fonte War Child

Note: Tradotto da Noemi di Leonardo a cura di Peacelink

Articoli correlati

  • La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti
    Editoriale
    Se cominciassimo ad avere maggiore informazione, coscienza e cultura

    La via insanguinata dell’oro, dell'argento e dei diamanti

    Dietro fedi nuziali, regali di nozze, cresime e battesimi, dietro l’oro, l’argento o i diamanti che regaliamo, c’è spesso un bambino sfruttato che lavora nelle miniere dell’Africa, dell’Asia e del Sud-America.
    10 maggio 2020 - Dale Zaccaria
  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
  • PeaceLink è ancora qui, dalla parte del futuro e dei bambini
    Editoriale
    Lettera di PeaceLink ai donatori e agli amici

    PeaceLink è ancora qui, dalla parte del futuro e dei bambini

    Avete visto che fine hanno fatto i politici che volevano cambiare il mondo e poi hanno tradito la fiducia degli elettori e gli ideali a cui dicevano di ispirarsi? Noi invece in ventotto anni di iniziative ispirate al volontariato abbiamo detto verità scomode, e non vogliamo smettere!
    14 dicembre 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)