Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Il " nuovo " Iraq

24 giugno 2004 - Tommaso Di Francesco
Fonte: Il Manifesto

Non e' un film che abbiamo gia' visto. E' un precipizio. Con calcolata crudelta' spot su spot, i sequestratori di Al Qaeda hanno decapitato l'ostaggio sudcoreano, quello che si era disperato e che,malcapitato, non voleva proprio far vedere come si muore «ccn coraggio? Dopo i due decapitati americani, ecco che si rialza il trofeo di una testa umana. Non e' bastata la trattativa in parte aperta dal governo di Seoul che pure, contro l'opinione pubblica del paese, aveva comunque confermato l'invio di militari in Iraq. Il messaggio feroce, se ancora ce ne fosse bisogno, non lascia pi?adito a dubbi. La guerra preventiva di Bush all'Iraq, fatta per le inesistenti armi di distruzione di massa e l'altrettanto inesistente legame tra Saddam Hussein e Al Qaeda, non solo era immotivata ma non era proprio la risposta adatta a quel terrorismo internazionale che aveva colpito al cuore gli Stati uniti l'11 settembre del 2001. E' quel che sostiene la commissione d'inchiesta del Congresso Usa. E' quello di cui ?convinto pi?del 50% degli americani. E' quel che appare ogni giorno nel teatro di morte iracheno. Ora quel terrorismo che non aveva alcun insediamento in Iraq, trova alimento e conferma alle sue tesi aberranti. Specularmente al piano di Bush per gestire il grande Medio Oriente, una democrazia imperiale imposta con il controllo e le occupazioni militari. Mentre resta inevasa la prospettiva di una qualsiasi soluzione della piaga palestinese.

Manca una settimana esatta al decisivo 30 giugno, data annunciata del passaggio dei poteri - dall'amministrazione nominata dagli Stati uniti senza l'avallo dell'Onu, all'amministrazione cooptata da Washington con l'avallo formale del Consiglio di sicurezza - e l'Iraqe' ?ancora di piu' sull'orlo del baratro. Perche' e' accaduto un fatto nuovo che i governi dei paesi in guerra cercano malamente di nascondere.

La tanto strombazzata svolta dell'Onu - solo una settimana fa il governo Berlusconi e parte della sinistra italiana su questo si strappavano le vesti - e'naufragata sull'annuncio fatto dal segretario delle Nazioni unite, Kofi Annan che ha dichiarato che l'Onu non tornera' stante l'attuale situazione d'insicurezza. La sua non e' stata una considerazione di natura militare. Il segretario dell'Onu, a pochi giorni dall'ultima risoluzione, ha avvertito che un ritorno delle Nazioni unite suonerebbe come complicita' verso il sistema dittatoriale - cosi' l'ha definito l'inviato Brahimi - con cui il vicere' Bremer, i generali americani e l'intera amministrazione Usa stanno gestendo il passaggio. il nuovo governo e' stato nominato da loro, il comando dell'esercito e delle operazioni militari resta saldamente nelle loro mani come ha dimostrato - con uno schiaffo al premier Allawi - il nuovo bombardamento di Falluja che ha fatto strage di donne e bambini (ascritto anche quello alla lotta ad Al Qaeda), gli interessi affaristici legati al petrolio restano saldamente nelle mani americane.

Non solo. La storia aberrante delle responsabilita' degli alti comandi e dell'Amministrazione Usa nelle torture ad Abu Ghraib per sfiancare la resistenza popolare, l?dove hanno trovato non solo la vergogna ma la morte decine e decine di iracheni, ha fatto dire allo stesso Kofi Annan che non concedera' mai l'immunita' ai soldati americani, come invece pretende Bush.

Una sola e' la verita' la situazione in Iraq e' tanto incontrollabile quanto illegale. Le Nazioni unite non ci sono ne ci saranno. Il diritto internazionale e' un pezzo di carta stracciato. La copertura della guerra e dell'occupazione resta un enigma: forse sabato in Turchia il vertice Nato decidera' truppe in prestito, sempre dall'est, dalla nuova Europa. E invece da ieri l'Italia e' impelagata piu' che mai nella guerra. Il consiglio dei ministri ha prorogato la missione che, vergognosamente, chiama di pace e nello stesso giorno sono arrivati a Nassiriya i cannoni dei carri armati Ariete. Adesso si che possiamo rispondere e aprire il fuoco, adesso si che siamo offensivi. Adesso si.. che Nassiriya va al ballottaggio.

Note:

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/23-Giugno-2004/art6.html

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)